tangentopoli-e-mani-pulite-fu-vera-gloria
Il pm Antonio Di Pietro
ULTIME NOTIZIE Opinioni
La formica rossa
12 ore

Non gioco più, vado a casa: l’ultradestra piangina e la tivù

Invece di affrontare a viso aperto i risultati delle votazioni dopo mesi di scempiaggini sul Covid, l’Udc si nega alla Rsi
Commento
14 ore

Legge Covid, un assist che il governo ora deve saper cogliere

Il Consiglio federale esce rafforzato dal secondo, chiaro ‘sì’ alle urne. Ma adesso deve agire con maggior risolutezza per contrastare la pandemia
Commento
14 ore

Polo sportivo a Lugano, arriva anche l’assist dei cittadini

Il progetto supera, con un certo agio, lo scoglio del referendum. Iniezione di fiducia per il Municipio che ha segnato la rete decisiva
Commento
2 gior

Lezione di democrazia made in Usa

Kyle Rittenhouse è stato prosciolto dalla giuria del Wisconsin, che considera l’autodifesa più legittima del diritto di non morire crivellato
Commento
2 gior

Una certa simpatia per rettori e referendum

È arduo identificare una gerarchia: come salvaguardare la salute della democrazia senza proteggere quella dei cittadini?
LA TRAVE NELL’OCCHIO
3 gior

La normalizzazione dell’indecenza

Nei dizionari aggiornati trovate un termine ritornato di moda: cachistocrazia, ossia “governo dei peggiori e dei mediocri”
Commento
3 gior

Rete Uno: trattateci come esseri intelligenti, vi prego

Raramente mi deprimo e raramente inizio di malumore una giornata. Ma da una decina di giorni, ascoltando Rete Uno, mi capita ogni giorno
Commento
3 gior

Prepariamoci al ‘Long Covid’ delle fantasie di complotto

Quella dei complottisti è una minoranza, tuttavia il seguito è ampio: quali le conseguenze di una diffusa sfiducia nella scienza e nella politica?
Commento
4 gior

La diplomazia del ping Peng

Cina vs Usa: l’affare Peng Shuai, le Olimpiadi di Pechino, i 50 anni dal disgelo creato attorno al tennistavolo. Le vecchie strategie di due vecchi nemici
Commento
5 gior

Poveri infermieri, eroi usa e getta

Investire nella formazione senza migliorare le condizioni di lavoro è come versare acqua in una brocca bucata
Commento
 
05.11.2021 - 21:420

Tangentopoli e Mani Pulite: fu vera gloria?

‘Il tempo delle mani pulite’ del giornalista Goffredo Buccini offre uno spunto per riflettere su promesse ed eccessi di quella storica inchiesta

Il tempo delle mani pulite’ è un bel libro scritto per Laterza da Goffredo Buccini, giornalista del Corriere della Sera, proiettato in quell’inchiesta appena 31enne proprio in occasione dell’arresto di Mario Chiesa: “Il mariuolo” del Pio Albergo Trivulzio di Milano, per usare l’epiteto con cui Bettino Craxi tentò, invano, di prendere le distanze da quell’esponente del suo partito da cui, dopo l’arresto in flagranza il 17 febbraio ’92, partì l’inchiesta che avrebbe travolto un’intera classe politica. Grazie, anche, al ruolo di un pool di giovani cronisti che insieme a Buccini comprendeva, tra gli altri, Piero Colaprico di Repubblica, Paolo Brosio di Rete 4, Andrea Pamparana di Canale 5 e tanti altri che a quella stagione devono una carriera folgorante.

Le reti Mediaset, con l’onnipresente Emilio Fede e i suoi impagabili duetti con Brosio, fecero da grancassa alle indagini dei magistrati, nonostante il gran visir di quelle emittenti fosse un sodale di Bettino Craxi. O forse proprio per quello. L’astuto Berlusconi, con il suo potere mediatico, intravide un pertugio in cui infilarsi per buttarsi in politica e, avendone i mezzi, ci diede dentro a creare i presupposti perché gli italiani invocassero la galera per chi li aveva governati durante tutto il secondo dopoguerra. Ma per ironia della sorte sarà proprio il cronista alle prime armi Goffredo Buccini, insieme al collega Gianluca Di Feo, a provocare un primo stop alla carriera politica del tycoon brianzolo, pubblicando sul Corriere della Sera la notizia dell’avviso di garanzia della Procura di Milano recapitatogli dai Carabinieri a Napoli, mentre presiedeva un vertice internazionale.

Fu vera gloria l’inchiesta di Milano, con i magistrati assurti a vendicatori del popolo derubato da politicanti corrotti e da imprenditori collusi? Un pool di toghe che, come scrive Buccini, aveva sposato la “Dottrina Davigo”. Ovvero “l’arresto e la confessione come passaggi necessari a spezzare il vincolo tra tangentisti”. Insomma, carcere, carcere, carcere, con la folla che applaudiva, come le tricoteuses che sferruzzavano sotto il palco della ghigliottina durante la Rivoluzione francese. Un carcere che fece anche delle vittime, con i clamorosi suicidi del manager Gabriele Cagliari e dell’imprenditore Raul Gardini. Perché è dura da sopportare la gogna, come sperimentò Bettino Craxi quando fuggì dall’hotel Raphael di Roma, sotto una pioggia di monetine. Una Roma desolata, come vidi con i miei stessi occhi accorgendomi che sul parabrezza di alcune auto blu, parcheggiate nei pressi dell’hotel Plaza – dove aveva il proprio quartier generale un altro big socialista, Gianni de Michelis – la polizia municipale aveva lasciato delle multe per divieto di sosta.

A quasi 30 anni di distanza Goffredo Buccini, oggi editorialista del quotidiano di via Solferino, ammette che i giornalisti “sposarono la militanza” dei magistrati di Mani Pulite assurti a “vendicatori per anni di soprusi, di corruzione, di inefficienza”. In realtà, dipingendo un futuro a tinte fosche, uno dei maggiori protagonisti della corruzione, il manager Sergio Cusani, confidandosi con l’autore del libro ammette che “il Paese dopo tangentopoli potrebbe essere assai peggio di prima”. Il fatto è, per riprendere una riflessione di Goffredo Buccini, che “tanti ragazzi negli anni Novanta hanno sognato (sbagliando, certo) una palingenesi nazionale”.

© Regiopress, All rights reserved