i-luoghi-comuni-certificati-unesco
La pizza Unesco (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
8 ore

L’eterno declino degli Usa

La strage razzista di Buffalo è l’ennesimo, tragico sintomo di un Paese diviso, le cui fratture interne sono speculari alla potenza militare
Commento
20 ore

Il Vescovo di Lugano e il vasetto (vuoto) di marmellata

Il prete del Mendrisiotto, fermato ubriaco e con precedenti accuse di molestie, ci porta a riflettere sul binomio superato di misericordia e giustizia
Commento
1 gior

TiSin, la Lega e l’arte della fuga

I granconsiglieri Aldi e Bignasca abbandonano il sindacato giallo che ha cercato di aggirare la legge sul salario minimo. Eppure molti minimizzavano
Commento
2 gior

Matignon: trent’anni dopo, una donna

Donna, autorevole, di sinistra e di sensibilità ambientale: Élisabeth Borne è la nuova prima ministra francese
Commento
3 gior

Lo Stato e la diligenza del buon padre di famiglia

La retorica della destra è riuscita a fare breccia: il pareggio nei conti pubblici andrà raggiunto entro la fine del 2025
Commento
5 gior

A braccetto con Erdogan, pur di avere ragione

Siamo disposti a tutto pur di confermare le nostre tesi, perfino di accompagnarci a Erdogan che impallina i nuovi ingressi Nato per proprio tornaconto
Commento
5 gior

Stampa, di mordacchia in mordacchia

Giornalismo svizzero, da Berna ulteriori restrizioni. Di questo passo l’articolo costituzionale sulla libertà dei media diventerà lettera morta
Commento
6 gior

Lugano, la sinistra riparta da Schönenberger

Positivo che le critiche dell’ex leader abbiano smosso così le acque: giusta la reazione dei vertici cantonali, a Lugano resta molto da fare
Commento
1 sett

Hansjörg Wyss, l’anti-Blocher che si prese il Chelsea

Il magnate bernese ha deciso d’investire 5 miliardi di franchi per mettere le mani sul gioiello calcistico dell’oligarca russo Roman Abramovich
Commento
1 sett

Decreto Morisoli: dicono ‘contenere’, intendono ‘tagliare’

Nelle attuali circostanze costringere lo Stato a raggiungere l’equilibrio fiscale a breve termine è, a rigor di logica, un’assurdità
Commento
1 sett

Due miliardi in più all’esercito, senza sapere bene per cosa

Il Consiglio nazionale approva l’aumento del budget delle forze armate senza garanzie su come verranno spesi i soldi né sulla loro provenienza
l’analisi
1 sett

Un leader che ha dimenticato il futuro

Retorica e bugie per una festa malinconica, in cui lo Zar celebra il passato e ricorda sempre più gli ingialliti gerarchi del secolo scorso
laR
 
13.10.2021 - 05:30
Aggiornamento : 15.10.2021 - 18:11

I luoghi comuni certificati Unesco

La lista dei patrimoni immateriali era nata per salvare culture morenti, ma da qualche tempo entrano pizze, tango, baguette e chiacchiere all’aperto

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

La dinamite, Israele, i social network, la fusione nucleare, il Var. Nella lunga lista delle cose create con le migliori intenzioni e finite da tutt’altra parte possiamo senz’altro aggiungere anche i patrimoni immateriali dell’Unesco.

Nati con il nobile scopo di proteggere popoli sull’orlo dell’estinzione, preservare usi e costumi in pericolo, difendere il piccolo, il diverso, il marginale dall’avanzare dell’omologazione, sembrano ormai diventati un’insensata lista di appunti sparsi, una vanteria per ultralocalisti complessati a cui non basta godersi quel che si ha, magari dopo averlo esportato in tutto il mondo con orgoglio. No, ci vuole il timbro della grande organizzazione internazionale. Solo così, forse, riescono a trovare pace i sostenitori di loro stessi e delle loro abitudini.

Ricordano quelle famiglie che qualche decennio fa, con la scusa di un aperitivo, ti invitavano, trovavano un modo di immobilizzarti nei loro salotti e poi ti costringevano a vedere le famigerate diapositive delle loro vacanze.

E così, di tanto in tanto, subiamo annunci in stile fanfara che sanno di controsenso: la Francia l’anno scorso ha candidato all’Unesco la baguette, probabilmente la forma di pane più conosciuta al mondo. Che bisogno c’è? Se spariscono dagli scaffali delle panetterie di solito è perché sono finite. Casomai non ce ne sono abbastanza.


La baguette, orgoglio francese (Keystone)

Dal 2016 è entrata tra i patrimoni immateriali l’arte del “pizzaiuolo”, con la u, che fa più Unesco. Ora se c’è una cosa che si trova anche in Antartide e si estinguerà perfino dopo il genere umano sarà la pizza. Quando non ci saremo più, qualche altra forma di vita, nel frattempo, avrà imparato a farla. Celebrarne l’idea e la maestria di chi sa cuocerla al meglio è giusto, metterla tra un canto degli aborigeni australiani il cui ultimo custode, ultracentenario, è afono e uno strumento di caccia creato da una pianta dell’Amazzonia che cresce solo accanto a un fiume minacciato da una mandria di bulldozer va oltre il ridicolo.

L’ultima idea, chiamiamola così, finita sulle scrivanie dell’Unesco, arriva dalla Spagna, dove vogliono far diventare patrimonio dell’umanità le “charlas al fresco” di Algar, una paesino dell’Andalusia. Cosa sono queste importantissime “charlas” da preservare? Niente più che le chiacchiere all’aperto che si fanno tra vicini di casa, con le sedie che passano dalla cucina alla strada.

Davvero sono così particolari, e così a rischio? Basta girare una sera d’estate per i cortili di Garbatella, a Roma, per vedere sedie e sentire chiacchiere uscite a prendere aria. O passeggiare per le strade di Tunisi, L’Avana, New York (ecco, magari non a Times Square).


Le “charlas al fresco” di Algar, in Andalusia (Twitter)

La Svizzera, ad esempio, ha la “maestria artigiana in meccanica orologiera”. Ricapitolando: agli affascinanti disegni sulla sabbia di Vanuatu, ai balli millenari di Tonga, al teatro cambogiano e alle antiche musiche azere, la Francia risponde con la baguette, l’Italia con la pizza, la Svizzera con gli orologi: più che un campionario di cose da salvare sembra un campionato di luoghi comuni. Di questo passo, pensi, l’Argentina chiederà di metterci il tango, il Belgio le birre, il Brasile il samba, la Giamaica il reggae. Già fatto.

Forse è la lista dei patrimoni immateriali Unesco la vera cosa da salvare. Da se stessa.


I Mondiali di tango a Buenos Aires (Keystone)

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
baguette lista patrimonio immateriale pizza tango unesco
Guarda le 4 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved