ANA Ducks
1
MIN Wild
2
fine
(0-0 : 1-1 : 0-1)
la-doppia-morale-di-san-saviano-da-facebook
Roberto Saviano, giornalista e scrittore
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
1 ora

Il giovane Holden, il Ticino Club e ‘allora le foibe?’

Molino, lavoro, TiSin: a ogni casino che scoppia in questo cantone, i responsabili rispondono parlando d’altro
Commento
1 gior

Il ‘Back in the U.S.S.R.’ di Morisoli e Pamini

Il piano quinquennale dell’Udc: ridurre le tasse ai più abbienti e raggiungere l’equilibrio fiscale a suon di tagli. Ipocrisia? No, lotta distributiva
La formica rossa
2 gior

La volpe, il principe e la truffa del falso nipote

Una storia triste che dimostra come in Ticino, quando si affaccia un emulo di Tewanna Ray, c’è sempre qualcuno che ci casca
Commento
3 gior

I luoghi comuni certificati Unesco

La lista dei patrimoni immateriali era nata per salvare culture morenti, ma da qualche tempo entrano pizze, tango, baguette e chiacchiere all’aperto
La formica rossa
3 gior

Calo demografico, parlare di salari è così brutto?

Di soluzioni dalla politica se ne sentono di ogni: fantasiose o più concrete. Basterebbe pagare stipendi dignitosi, al netto di tante chiacchiere
IL RICORDO
4 gior

Il ‘monello’, uno degli ultimi tenori

Alex Pedrazzini ha dato il meglio di sé come consigliere di Stato, alla testa del Dipartimento delle Istituzioni
Commento
4 gior

‘Sciur padrun’ di ieri e di oggi

Dalle mondine in poi i tempi non sono cambiati. Non quando si parla di lavoro e salari degni come capita nel Mendrisiotto
Commento
5 gior

La sfida polacca

Varsavia rilancia il ‘Polexit’ con una sentenza del suo Tribunale costituzionale. Ma la stragrande maggioranza dei cittadini vuole restare nell’Ue
Commento
1 sett

Lugano, tandem Foletti-Badaracco: sia davvero una svolta

Pur legittima la candidatura di Quadri, appare sensata la decisione della maggioranza del Municipio sul vicesindacato. Si rifletta ora in azioni concrete.
La formica rossa
1 sett

La ‘Musica ribelle’ di Karin Valenzano Rossi

Ha scatenato incredulità e ilarità la risposta della municipale in Consiglio comunale sui fatti di parco Saroli: l’audio dell’elevato volume della festa
Gallery
Commento
1 sett

Svizzera, che par solo una transizione

È come se il discorso intavolato per sette anni con Vladimir Petkovic fosse stato interrotto sul più bello. In attesa della Nazionale di Yakin
Commento
09.10.2021 - 05:300
Aggiornamento : 11.10.2021 - 15:13

La doppia morale di San Saviano da Facebook

Il recente blackout dei social ha portato tanti a criticare le piattaforme sulle piattaforme stesse, generando paradossali cortocircuiti

“Ieri per ore l’infernale chat è andata giù. E con lei, per ore, Instagram e Facebook immoti”. Immoti. Parbleu.

A descrivere un blackout di poche ore dei social (nemmeno tutti) come se fosse la Commedia di Dante (senza essere Dante) è Roberto Saviano, che – nel suo stile perennemente in trincea, che si parli di narcotrafficanti o di Teletubbies – ha confuso meno di mezza giornata in cui ci si poteva per una volta dedicare ad altro, o anche solo telefonarsi, con l’Apocalisse.

La sua filippica contro i social è proseguita con una sequela di parolacce che più che lo sfogo di uno scrittore sembra il liberatorio “cacca-cacca-cacca” dei bambini quando scoprono il turpiloquio: “Qualche influencer avrà scritto meno stronzate”, “Questi social di merda”, due volte, a ribadire il concetto, come se fosse una lezione di fisica, non uno sfogo da quattro soldi a uso e consumo dei gonzi che vogliono sentirsi dire da una penna famosa quel che sanno anche i muri, ovvero: i social hanno troppo spazio nelle nostre vite.

Dimenticando una piccola cosa: siamo noi a permetterglielo, e nessuno è costretto a rimanerci, tantomeno Saviano, che riesce – tra parolacce e termini da paraguerriglia paraletteraria (“sono consapevole carne d’algoritmo, parte attiva del barnum dei social…”) – a essere ugualmente sgradevole sia quando prova a volare alto che quando prova a strisciare ad altezza bisognino.

Come altri non ha voluto risparmiarci la critica usa e getta dei social sui social, intuendo perlomeno il disagio di chi sta facendo pipì controvento (lui scriverebbe “piscio” che fa più “Full Metal Jacket”) e provando tragicomicamente a scusarsi per essere lì, tirando fuori esempi da conversazione in ascensore: “Vorrei non comprare al supermarket, ma è lì che devi andare per comodità e convenienza; vorrei non toccare il denaro, ma è con quello che si vive; vorrei andare in calesse, ma è con l’aereo che si arriva in tempo”.

A lezione di cerchiobottismo

Saviano ci dice che vuole andare in calesse e poi le “stronzate” le scrivono gli influencer. E continua: “Basterebbe non accedere a Facebook”. Appunto. Ma “ormai per lavoro e militanza civile, su spinta della vita sei in questi luoghi necessariamente e con l’ingenua utopia di poterli persino cambiare (un’illusione bambinesca)”.

Chi mai avrà il coraggio di rinfacciarti che sei sui social se lo fai per cambiarli, campare e aiutare agli altri? Dice anche che vorrebbe rinunciare al petrolio, ma non può perché è ovunque, anche “nei dentifrici” (ma che dentifricio usa Saviano?).

Insomma, “scegliere a questo mondo è raramente davvero possibile” dicono la casalinga di Voghera al mercato e lo scrittore napoletano su Facebook, che per riequilibrare le cose – non fosse mai che Zuckerberg o chi compra i suoi libri se ne abbiano a male – dà una bella lezione di cerchiobottismo: “Sono in grado anche di vedere il bello della mia comunità”. Insomma, Saviano ci ricorda che c’è del bello anche su Facebook: è lui, la sua comunità.

Va a capo e scrive: “Non trascuro l’incredibile potenziale”. No, non lo trascura, infatti le due immagini del profilo e gli aggiornamenti post-blackout sono tutti per promuovere il suo prossimo libro. Niente di male, per carità. Non è il primo, non sarà l’ultimo. Gli affari sono affari.

San Saviano conclude dicendo che “è stato meraviglioso star senza questi social di merda”, non accorgendosi che il guaio non è tanto starci attaccati o lontani, ma tornare e trovare post così. In fin dei conti il vero problema non è Facebook, ma quelli che scambiano i social con la vita reale, un autore di un fortunato e coraggioso libro per un intellettuale.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved