Venezia
0
Fiorentina
0
1. tempo
(0-0)
precisione-in-velocita-rispetto-nell-intensita
Mai più
ULTIME NOTIZIE Opinioni
il commento
15 ore

Il vistoso fascismo che non esiste

Al posto di abolirli tutti, come chiedono sinistra e sindacati italiani, si potrebbe cominciare con quello che occupa i palchi dei “no vax no pass”
La formica rossa
15 ore

La differenza tra sindacati forti e quelli supini

La polemica sul patrimonio di Unia nasconde in realtà il desiderio recondito di qualcuno di annichilire le ambizioni dei lavoratori
Commento
2 gior

Il giovane Holden, il Ticino Club e ‘allora le foibe?’

Molino, lavoro, TiSin: a ogni casino che scoppia in questo cantone, i responsabili rispondono parlando d’altro
Commento
3 gior

Il ‘Back in the U.S.S.R.’ di Morisoli e Pamini

Il piano quinquennale dell’Udc: ridurre le tasse ai più abbienti e raggiungere l’equilibrio fiscale a suon di tagli. Ipocrisia? No, lotta distributiva
La formica rossa
4 gior

La volpe, il principe e la truffa del falso nipote

Una storia triste che dimostra come in Ticino, quando si affaccia un emulo di Tewanna Ray, c’è sempre qualcuno che ci casca
Commento
5 gior

I luoghi comuni certificati Unesco

La lista dei patrimoni immateriali era nata per salvare culture morenti, ma da qualche tempo entrano pizze, tango, baguette e chiacchiere all’aperto
La formica rossa
5 gior

Calo demografico, parlare di salari è così brutto?

Di soluzioni dalla politica se ne sentono di ogni: fantasiose o più concrete. Basterebbe pagare stipendi dignitosi, al netto di tante chiacchiere
IL RICORDO
6 gior

Il ‘monello’, uno degli ultimi tenori

Alex Pedrazzini ha dato il meglio di sé come consigliere di Stato, alla testa del Dipartimento delle Istituzioni
Commento
6 gior

‘Sciur padrun’ di ieri e di oggi

Dalle mondine in poi i tempi non sono cambiati. Non quando si parla di lavoro e salari degni come capita nel Mendrisiotto
Commento
1 sett

La sfida polacca

Varsavia rilancia il ‘Polexit’ con una sentenza del suo Tribunale costituzionale. Ma la stragrande maggioranza dei cittadini vuole restare nell’Ue
Commento
 
24.09.2021 - 05:300
Aggiornamento : 14:24

Precisione in velocità, rispetto nell’intensità

Dopo il fattaccio Semine-Locarno sono in arrivo sanzioni esemplari. Ma l’augurio resta che il calcio regionale ritrovi i veri valori dello sport amatoriale

Precisione o velocità. Un vecchio dilemma calcistico con esponenti di spicco su entrambi i fronti. Prendiamo due icone: Marcelo Bielsa e Josep Guardiola. Il ritmo altissimo è il marchio registrato delle squadre dell’allenatore argentino. Nella sua maniacale tattica di occupazione geometrica del campo, la velocità della transizione tra le linee ha una valenza preponderante rispetto alla precisione assoluta – e a volte soporifera – praticata dalle squadre di Pep (con il Barcellona lirico di dieci anni fa quale esempio più eclatante). Parliamo chiaramente di due estremisti delle proprie convinzioni. Precisione in velocità è invece il traguardo che, ogni tanto, certe squadre riescono a raggiungere (l’Olanda di Cruijff o il Real Madrid pluricampione di Europa di Zidane, giusto per citare un paio di esempi), e che funge da sintesi a quelle due virtù solo in apparenza antitetiche.

Anche estremi, ma un po’ meno veloci e precisi, sono spesso gli interventi che riempiono ogni fine settimana i campi del calcio regionale. Campetti abitati da giocatori anonimi che si battono per portare a casa i tre punti e un po’ di soddisfazione personale con le migliori risorse a loro disposizione. Tanta passione soprattutto, e perché no un certo talento. Basta girare un po’ il Ticino un sabato pomeriggio qualsiasi e senza grande fatica si finisce davanti a una di quelle partite tra sconosciuti in cui molti ci lasciano il cuore pur di vincere con la propria squadra. C’è chi invece, ogni tanto, ci lascia una caviglia o un ginocchio. Sono i rischi del gioco, per carità. Ma finché a prevalere è il fair play, va tutto bene. A vederli, sembra che siano convinti di stare giocando la finale di un Mondiale. I protagonisti lo vivono proprio così. “È l’agonismo, bellezza”, direbbero. Agonismo che per chi ama davvero il calcio è presente ovunque: nelle partite dei Seniori e in quelle dei minori, con gli amici nel campetto sotto casa e nelle giornate di Seconda o Terza lega.

Già, Terza lega. Quella categoria di cui ci siamo ritrovati costretti a riferire per quel brutto fattaccio di una settimana fa, quando i giocatori del Semine si sono menati con quelli del Locarno. Uno spettacolo triste e completamente diseducativo. Le immagini le abbiamo viste tutti e parlano da sole. Inaccettabili, anche se purtroppo non una novità.

Ieri la Federazione ticinese di calcio ha informato di aver affidato all’avvocato Andrea Rotanzi – membro della Commissione inchieste – il compito di approfondire quanto accaduto. Un esaustivo rapporto è atteso per l’inizio di ottobre, dal quale probabilmente scaturiranno delle sanzioni esemplari. E ci mancherebbe altro.

Ai tribunali disciplinari spetta quindi il verdetto di loro competenza. A noi invece, appassionati dello sport più popolare del Pianeta, noi che spesso su un campo da calcio sentiamo le pulsazioni a mille quando l’arbitro fischia un fuorigioco inesistente, che più di una volta avremmo voluto spiegare un bel po’ di cose a quell’avversario che ha fatto volare in area di rigore un nostro compagno con un intervento poco sportivo, a tutti noi che non siamo né precisi né veloci, resta soltanto da esprimere l’auspicio che nel calcio regionale possano coesistere due componenti fondamentali che non sono assolutamente in contraddizione: il rispetto nell’intensità.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved