il-clima-i-pesticidi-e-una-domenica-ironicamente-tragica
Keystone
Udc e alleati sono riusciti a imporre l’argomento costi
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
22 ore

Eh già... Angelone è ancora qua

Dopo la cessione sfumata qualche settimana fa, Renzetti è pronto per la sua dodicesima stagione da numero uno del Lugano, la decima da proprietario del club
Commento
22 ore

Olimpia e il prezzo della felicità

Dopo decenni in cui ci si doveva fare largo a gomitate per aggiudicarsi i Giochi, il ricordo dei deficit finanziari pare raffreddare gli entusiasmi
L'analisi
1 gior

Nord Stream 2, l'equilibrio gassoso

Joe Biden e Angela Merkel si sono accordati: il gasdotto sotto al mar Baltico tra Russia e Germania verrà presto completato. Tutti contenti?
Gallery
Commento
2 gior

Tokyo 2020, comunque vada sarà memorabile

Domani la cerimonia d'apertura inaugura la 32esima edizione dei Giochi olimpici estivi: quelli rinviati, senza pubblico e senza leggende. Ma con sei ticinesi
Commento
3 gior

Il tempo sospeso dei reduci del G8

Vent'anni dopo la polizia continua imperterrita a menare le mani giustificata da una parte politica. Dall'altra parte le certezze intoccabili di chi manifestò
Commento
4 gior

La memoria di Vigino non ha prezzo (o forse sì)

La Masseria di Castel San Pietro rischia di scomparire. E stavolta non è colpa delle ruspe dei cementificatori
Commento
5 gior

Cuba e il fantasma della libertà

Il fronte filo cubano preferisce lo stereotipo rassicurante, perché non accetta la constatazione che da decenni in quell’isola la popolazione aspira ad altro
Commento
1 sett

La Guerra Fredda riscaldata

Telefoni rossi, muri e le liti su Cuba a colpi di 'imperialisti' e 'comunisti'. Il mondo diviso in blocchi torna di moda come la musica anni 80
Commento
1 sett

Il nuovo ordine fiscale tra paure e speranze

La riforma del G20 è già stata definita enfaticamente una “rivoluzione”. No, siamo solo nell'ambito della correzione
Commento
1 sett

Gli Europei li ha vinti la radio (ode a Francesco Repice)

Del multimediale Euro 2020 resta la voce di un ‘semplice’ radiocronista in un atto poeticamente rétro: raccontarci una partita di calcio, nulla di più
Commento
1 sett

La radio non l’ha detto, quindi ci credo

Al parco giochi una mamma mi conquista con le sue certezze: si tratta con tutta evidenza di un complotto su scala mondiale
Commento
14.06.2021 - 05:300
Aggiornamento : 10:42

Il clima, i pesticidi e una domenica ironicamente tragica

La fossa alla legge sul CO2 è stata scavata nelle zone rurali, da chi in nome della sopravvivenza dell’agricoltura si è battuto contro le due iniziative

Cinque votazioni in un sol colpo; la pandemia, che diffonde insicurezza e genera riflessi anti-establishment; le iniziative sui pesticidi, che nelle zone rurali hanno attizzato il desiderio di dire ‘no’ su tutta la linea; un progetto complesso («forse sovraccarico», ha ammesso la ministra dell’ambiente Simonetta Sommaruga), benché tutt’altro che radicale o di sinistra; una propaganda per il ‘no’ aggressiva, a tappeto, che con un’elevata dose di mezze verità – a fronte di sostenitori apparsi abulici – ha semplificato (meglio, semplicizzato), rendendola comprensibile, una legge ridotta a un mero affare di tasse (incentivanti, ma la ‘nuance’ chi l’ha voluta capire?), costi (esagerati) e divieti (presunti). C’erano tutti gli ingredienti per una bocciatura della nuova legge sul CO2. E in effetti ‘no’ è stato. Il 51,6% dei votanti ha affossato la legge con la quale Consiglio federale e Parlamento intendevano concretizzare gli impegni assunti firmando l’Accordo di Parigi sul clima, prima – fallita – tappa verso l’obiettivo zero emissioni nette entro il 2050.

Ha vinto l’Udc, hanno vinto le danarose lobby del petrolio e dei proprietari immobiliari. Hanno perso Simonetta Sommaruga (una batosta, la più cocente della carriera), la sinistra, il Plr (piantato in asso dalla maggioranza della sua base, dopo la svolta ‘verde’ che aveva spianato la strada alla legge in Parlamento), Economiesuisse e tutti coloro che si erano schierati per il ‘sì’. Ma a uscire sconfitta è in fondo anche quella frangia minoritaria del movimento Sciopero per il clima che ha forse sottratto consensi pesanti alla legge in una votazione giocatasi sul filo del rasoio.

La politica climatica subisce una brusca battuta d’arresto. Gravida di conseguenze. Con l’attuale legge sul CO2 falliremo l’obiettivo 2020. Ci vorranno anni per averne un’altra. E nulla lascia presagire che sarà altrettanto ambiziosa di questa. I vertici dei partiti andati fino a ieri a braccetto di Ps, Verdi e Verdi liberali, già strizzano l’occhio all’Udc caldeggiando «una proposta liberale e borghese» (la presidente del Plr Petra Gössi) o «una vera soluzione liberale» (Gerhard Pfister, presidente dell’Alleanza del Centro).

Questo ‘no’ è un brutto segnale anche per l’economia. Quantomeno per quei settori che speravano – grazie agli incentivi previsti – in una decisa spinta verso investimenti nelle tecnologie nuove ed esistenti. Investire nel settore ‘cleantech’ (dove in caso di ‘sì’ si sarebbero potuti creare circa 7mila impieghi entro il 2030, stando all’istituto Bak) sarà meno attrattivo. Senza dimenticare che, con la nuova legge, tutte le aziende avrebbero avuto la possibilità di essere esentate dalla tassa sul CO2.

La catastrofe climatica, la fine del mondo? La fine del mese, ha giudicato poco più di un votante su due. La preoccupazione è legittima, la politica anche qui deve fornire risposte. Ma di fronte ai ripetuti allarmi che giungono dal mondo della scienza, non si può non guardare oltre. Non si può evitare di pensare alle generazioni future: a Nicola, ad esempio, che su un biglietto incollato a un cartello a fianco di un parchimetro, a Bellinzona, ha scritto ”Ciao! Sono un ragazzino di 10 anni e vorrei poter respirare aria pulita anche quando avrò 50 anni. Votate sì alla legge del CO2”. La politica ha il compito di pensare, tra gli altri, anche ai contadini, confrontati più di chiunque altro con gli effetti tangibili del riscaldamento globale. Sta qui l’aspetto ironicamente tragico di questa domenica: la fossa alla legge sul CO2 è stata scavata proprio in campagna, da chi – in nome della sopravvivenza dell’agricoltura svizzera – si è battuto contro le iniziative sui pesticidi.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved