favorisca-il-covid-pass
Keystone
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
20 ore

Matignon: trent’anni dopo, una donna

Donna, autorevole, di sinistra e di sensibilità ambientale: Élisabeth Borne è la nuova prima ministra francese
Commento
1 gior

Lo Stato e la diligenza del buon padre di famiglia

La retorica della destra è riuscita a fare breccia: il pareggio nei conti pubblici andrà raggiunto entro la fine del 2025
Commento
3 gior

A braccetto con Erdogan, pur di avere ragione

Siamo disposti a tutto pur di confermare le nostre tesi, perfino di accompagnarci a Erdogan che impallina i nuovi ingressi Nato per proprio tornaconto
Commento
3 gior

Stampa, di mordacchia in mordacchia

Giornalismo svizzero, da Berna ulteriori restrizioni. Di questo passo l’articolo costituzionale sulla libertà dei media diventerà lettera morta
Commento
4 gior

Lugano, la sinistra riparta da Schönenberger

Positivo che le critiche dell’ex leader abbiano smosso così le acque: giusta la reazione dei vertici cantonali, a Lugano resta molto da fare
Commento
5 gior

Hansjörg Wyss, l’anti-Blocher che si prese il Chelsea

Il magnate bernese ha deciso d’investire 5 miliardi di franchi per mettere le mani sul gioiello calcistico dell’oligarca russo Roman Abramovich
Commento
6 gior

Decreto Morisoli: dicono ‘contenere’, intendono ‘tagliare’

Nelle attuali circostanze costringere lo Stato a raggiungere l’equilibrio fiscale a breve termine è, a rigor di logica, un’assurdità
Commento
1 sett

Due miliardi in più all’esercito, senza sapere bene per cosa

Il Consiglio nazionale approva l’aumento del budget delle forze armate senza garanzie su come verranno spesi i soldi né sulla loro provenienza
l’analisi
1 sett

Un leader che ha dimenticato il futuro

Retorica e bugie per una festa malinconica, in cui lo Zar celebra il passato e ricorda sempre più gli ingialliti gerarchi del secolo scorso
Commento
1 sett

Lo ‘schiaffo’ di Putin a papa Francesco

Il ‘nyet’ dello zar a incontrare il pontefice non ha smosso di un pollice le convinzioni del pacifismo radicale e unidirezionale
laR
 
20.05.2021 - 05:30
Aggiornamento : 14:45

‘Favorisca il Covid pass’

Vaccinati, guariti e momentaneamente negativi al test potranno avere una certificazione che permetterà una vita quasi simile alla pre pandemia

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Destreggiarsi tra Covid pass, tamponi molecolari e antigenici, quarantene preventive e obblighi di mascherine, sarà probabilmente il gioco sociale dell’estate incipiente. E questo che si esca o no dai confini nazionali, che si decida di trascorrere qualche giorno al mare o seguire un concerto open air in patria, semmai ce ne saranno, oppure andare una sera in discoteca. Munirsi di una certificazione ufficiale che dimostri di essere ‘sani’ sarà di fatto imperativo per riconquistare spazi di libertà individuale e sociale perduti negli ultimi mesi. Qualche anticipazione di quanto accadrà nelle prossime settimane le ha fornite il consigliere federale Alain Berset. A parte i luoghi definiti ‘della quotidianità’ (trasporti pubblici, scuola, lavoro e negozi) contrassegnati con il colore verde, l’obbligatorietà del certificato sarà attivabile, in caso di peggioramento della situazione epidemiologica, per frequentare bar, ristoranti o palestre (settore arancione). Sarà però obbligatorio per i cosiddetti grandi eventi e per andare all’estero. I primi certificati dovrebbero essere rilasciati a partire dal 7 giugno, mentre l’attestato sarà a disposizione di tutta la popolazione al più tardi dalla fine di giugno.

In estrema sintesi: tutti coloro che vivono in Svizzera dovranno avere accesso a questo documento che verrà rilasciato dall’autorità pubblica a chi è vaccinato, guarito o risulta negativo a un test Covid eseguito al più tardi nelle 48 ore precedenti. Documenti analoghi, cartacei o elettronici, sono in fase di attuazione anche nel resto dell’Europa. Anzi, il documento svizzero sarà compatibile con quello dell’Unione europea e permetterà di viaggiare certamente all’interno dello spazio Schengen. 

Al pari dei ‘green pass’ europei, come sono stati definiti, lo scopo primo di questo documento è quello di accelerare l’uscita graduale dalle restrizioni imposte dalla pandemia e tornare alla vita tout court. Infatti, questo passo dovrebbe anticipare e poi accompagnare gli ulteriori allentamenti previsti dalla Confederazione da luglio. Pensiamo alle grandi manifestazioni sportive e culturali. Nel contempo dovrebbe anche facilitare lo spostamento per turismo: in entrata e in uscita dalla Svizzera.

Le vacanze sono evasione, ancorché per una settimana o due, dalla routine quotidiana che negli ultimi mesi è stata cadenzata da divieti di assembramenti, bar e ristoranti chiusi, eventi culturali spariti dall’agenda di tutti. Il lavoro, per chi lo aveva e non era obbligatoriamente a distanza, è stato di fatto l’unico svago sociale di questo lungo periodo. Ora la prospettiva del ritorno a una sorta di normalità che richiama il mondo pre Covid, anche se mediata da un certificato sanitario, è comunque una buona notizia. Dà la speranza che prima o poi questa fase sarà accantonata per sempre. Speranza accresciuta anche dalla campagna di vaccinazione che dopo una fase iniziale di rodaggio un po’ lenta, dovuta principalmente ai ritardi nelle consegne del prodotto da parte delle case farmaceutiche, ha preso finalmente slancio. In attesa della compatibilità della certificazione svizzera allo standard europeo, per poter uscire dai confini nazionali bisognerà attenersi alle regole che i vari paesi hanno messo in vigore: tra chi chiede un test molecolare, chi si accontenta di un test antigenico e chi ancora richiede quarantene preventive e tamponi successivi. Insomma, un ginepraio che il Covid pass dovrebbe contribuire a dipanare sperando che sia la prima e ultima estate in cui tale documento si accompagnerà a passaporti e carte d’identità.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
certificazione covid pass pandemia
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved