Zurigo
0
Young Boys
0
1. tempo
(0-0)
Udinese
0
Genoa
0
fine
(0-0)
Milan
Sassuolo
15:00
 
Spezia
Bologna
15:00
 
Lakers
Ajoie
15:45
 
Zugo Academy
Sierre
15:45
 
crisi-covid-gli-effetti-collaterali-dureranno-a-lungo
Archivio Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
1 gior

Lezione di democrazia made in Usa

Kyle Rittenhouse è stato prosciolto dalla giuria del Wisconsin, che considera l’autodifesa più legittima del diritto di non morire crivellato
Commento
1 gior

Una certa simpatia per rettori e referendum

È arduo identificare una gerarchia: come salvaguardare la salute della democrazia senza proteggere quella dei cittadini?
LA TRAVE NELL’OCCHIO
2 gior

La normalizzazione dell’indecenza

Nei dizionari aggiornati trovate un termine ritornato di moda: cachistocrazia, ossia “governo dei peggiori e dei mediocri”
Commento
2 gior

Rete Uno: trattateci come esseri intelligenti, vi prego

Raramente mi deprimo e raramente inizio di malumore una giornata. Ma da una decina di giorni, ascoltando Rete Uno, mi capita ogni giorno
Commento
2 gior

Prepariamoci al ‘Long Covid’ delle fantasie di complotto

Quella dei complottisti è una minoranza, tuttavia il seguito è ampio: quali le conseguenze di una diffusa sfiducia nella scienza e nella politica?
Commento
3 gior

La diplomazia del ping Peng

Cina vs Usa: l’affare Peng Shuai, le Olimpiadi di Pechino, i 50 anni dal disgelo creato attorno al tennistavolo. Le vecchie strategie di due vecchi nemici
Commento
4 gior

Poveri infermieri, eroi usa e getta

Investire nella formazione senza migliorare le condizioni di lavoro è come versare acqua in una brocca bucata
Commento
5 gior

Polo sportivo a Lugano, siamo in zona Cesarini

È grande l’attesa per l’esito del referendum, una sorta di esame per il Municipio, mentre volge al termine l’agguerrita campagna verso il voto
Commento
6 gior

Molestie e violenze: primo, non tacere.

Dalla ragazza inseguita agli stupri, occorre finirla di normalizzare comportamenti inammissibili. Perché ‘lui è fatto così’ non è una giustificazione.
Commento
1 sett

Un colpo in canna per l’accesso al mercato italiano

Differire l’approvazione dell’Accordo sui frontalieri quale condizione per l’accesso al mercato finanziario italiano da parte delle banche svizzere
Commento
 
18.03.2021 - 06:100

Crisi Covid, gli effetti collaterali dureranno a lungo

Saranno certamente i consumi interni a spingere la ripresa economica, ma non basteranno a compensare quanto perso durante la lunga pandemia

Domani conosceremo le decisioni del Consiglio federale sulla strategia che verrà attuata per tentare di dare alla cittadinanza, demoralizzata da un anno di pandemia e da una serie di limitazioni alle libertà individuali, una prospettiva di ritorno alla normalità. Nessuno si fa troppe illusioni, però. Con i dati delle infezioni in aumento, cresce anche la probabilità di un film già visto lo scorso anno: Pasqua tra le mura domestiche, al massimo in giardino per chi ce l’ha. Eppure la ripresa economica è legata a doppio filo da una parte alla campagna di vaccinazione in corso e dall’altra all’allentamento delle misure di contenimento del virus che dovrebbero andare di pari passo con il miglioramento della situazione sanitaria. 

Che ci sia voglia di buttarsi alle spalle questo periodo anomalo è quasi tangibile fisicamente. Basta vedere come i centri commerciali siano tornati a riempirsi di persone appena hanno potuto, pur con tante cautele, accogliere nuovamente i clienti. Oppure il boom repentino di prenotazioni turistiche dalla Svizzera verso la Spagna e il Portogallo, paesi appena usciti dalle liste delle zone a rischio della Confederazione. La stessa cosa potrebbe accadere – anzi, sicuramente accadrà – con la riaperture di bar, ristoranti e luoghi di svago. Insomma, il desiderio di riappropriarsi di riti quasi dimenticati e agognati, come l’aperitivo, la pizza fuori con la famiglia o una serata a teatro o al cinema, una gita fuori porta, potrebbe dare carburante ai consumi interni per troppo tempo repressi. La stessa dinamica dovrebbe registrarsi anche fuori dai confini svizzeri. 

Questo dinamismo, però, non permetterà di recuperare quanto perso in questi mesi. Non in tutti i settori economici, perlomeno, e quindi bisognerà attendere la fine definitiva della crisi sanitaria per capire a quanto ammonteranno i danni in termini di fallimenti e maggiori licenziamenti: la fattura sociale sarà molto probabilmente elevata.

Intanto, stando agli economisti del Credit Suisse, le prospettive economiche sono positive, tanto che confermano un aumento del Pil del 3,5% per quest’anno. E la spinta arriverà proprio dai consumi, o meglio dall’eccesso di risparmio cumulato dalle famiglie svizzere durante i due lockdown, stimato in circa 12 miliardi durante la prima ondata e in altri 3,5 miliardi nella seconda, che dovrebbe trasformarsi in maggiore domanda di beni e servizi. Non tutti i settori torneranno velocemente alla situazione pre-crisi. Sempre gli analisti di Credit Suisse stimano che per compensare ogni settimana di chiusura del commercio non alimentare, ne serviranno due di recupero dei consumi. Per il segmento ‘intrattenimento e sport’ ce ne vorranno addirittura otto. Ristoranti e alberghi saranno le imprese che arrancheranno di più: 14 settimane post Covid per ognuna persa. Questo per dire che ci trascineremo a lungo gli effetti collaterali della pandemia di coronavirus. Anche se molto probabilmente entro la fine di quest’anno l’attività economica tornerà a livelli simili a quelli del 2019, la perdita di benessere in termini di mancata progressione del reddito è valutata in 57 miliardi di franchi (36 miliardi nel 2020 e 21 miliardi nel 2021, pari all’8% del Pil). E il divario di crescita provocato dal Covid non sarà colmato nemmeno entro la fine del 2022. Per questo le politiche pubbliche di sostegno dei redditi dei cittadini dovrebbero andare oltre l’orizzonte della fine della crisi sanitaria.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved