laRegione
coronavirus-la-scienza-trionfa-la-politica-latita
Keystone
Berset
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
17 ore

America the Beautiful, una nazione per tutti

Detto alla JLo, americana di Portorico: 'Una nación, bajo Dios, indivisible, con libertad y justicia para todos'. Nativi inclusi (loro sì che sono del posto).
Commento
1 gior

Conte e i trasformisti della politica italiana

Il presidente del Consiglio simbolo di un modo di fare politica che cambia con il solo scopo di lasciare tutto così com'è, preservando il potere
L'analisi
2 gior

La giardinetta un po’ ammaccata dello zio Joe

Qualche pensierino su cosa potremmo aspettarci, adesso che Trump è fuori dalla Casa Bianca e abbiamo un 78enne e una donna a lavorare in tandem
Commento
2 gior

Lugano prende a calci il dibattito

Polo sportivo e degli eventi: Consiglio comunale con le spalle al muro mentre l'aeroporto vola verso i privati e la pandemia colpisce le finanze pubbliche
Commento
2 gior

Passaporto vaccinale, per ora di necessario c’è il dibattito

Per Manuele Bertoli è urgente introdurre un lasciapassare immunologico per il Covid. Ma ci sono controindicazioni pratiche ed etiche
Commento
3 gior

Spiare il cellulare del partner e la coppia scoppia

Ossessive forme di controllo che possono venir scambiate per manifestazioni di affetto, ma in realtà sono fastidiose invasioni dell’intimità altrui
L'analisi
4 gior

Social, ipocrisia e doveri della politica

La mancata trasparenza sulla fattura dei vaccini come l'immunita per messaggi diffamatori sui social chiamano in causa le responsabilità della politica.
Sguardo a Nord
4 gior

Vecchi vaccini, nuovi vaccini

Quando un buon libro diventa un toccasana per la mente e lo spirito in tempo di pandemia
Commento
6 gior

Negozi chiusi e scuole aperte (per la salvaguardia di tutti)

La scuola, soprattutto in questo momento così delicato, è il principale ‘antidoto’ per i nostri giovani contro il Covid
DISTRUZIONI PER L’USO
6 gior

Partire da Arbasino per spiegare Renzi (o almeno provarci)

Non è che certe rivendicazioni del Bomba siano sbagliate, anzi. Il problema è che quel bischero si crede Gesù
Commento
07.01.2021 - 06:000
Aggiornamento : 18:04

Coronavirus: la scienza trionfa (?), la politica latita

I vaccini arrivano in una situazione ‘cattiva’ (Alain Berset) sul piano epidemiologico. Il Consiglio federale rimanda qualsiasi decisione.

Dan Eliasson è il capo dell’Agenzia svedese per la gestione delle emergenze. In quanto tale, è uno dei massimi responsabili per la lotta al Covid-19 nel Paese scandinavo. A inizio dicembre aveva raccomandato a tutti i connazionali di evitare le vacanze all’estero. Ma poi è stato colto in flagrante alle Canarie durante il periodo natalizio. Si è giustificato così: il viaggio si è reso necessario “per motivi familiari”; dopo aver “rinunciato a un sacco di viaggi durante la pandemia” voleva trascorrere il Natale con la figlia, che vive appunto alle Canarie.
La vicenda, riferita nei giorni scorsi dalla Bbc online, sintetizza in modo grottesco l’inadeguatezza e l’impotenza di governi e società occidentali nell’affrontare la pandemia di coronavirus. La Svezia per qualche tempo era stata indicata come un modello da seguire: non ha mai imposto un lockdown, e solo di recente – di fronte all’impennata di contagi e ricoveri – ha invitato i cittadini a osservare una serie di misure restrittive. Il mantra della responsabilità individuale ha continuato a riecheggiare. E intanto chi lanciava appelli in tal senso acquistava un biglietto per volare a Las Palmas.

Non che laddove si è optato per una strategia più aggressiva, la popolazione se la stia cavando granché meglio. La seconda ondata – resa ancor più insidiosa dalle nuove varianti del nuovo coronavirus – sta colpendo duro (e a lungo) anche lì.

La Svizzera, che ha scelto una via di mezzo tra un rigido lockdown e l’apertura alla svedese, non fa eccezione. Il presidente della Confederazione Guy Parmelin lo ha ammesso: la scorsa estate abbiamo sottovalutato la situazione. Ma nemmeno in seguito il Consiglio federale e la maggior parte dei cantoni si sono contraddistinti per tempestività e risolutezza. Anzi. La comprensibile volontà di non penalizzare determinati settori dell’economia, combinata con i timori per il bilancio delle casse pubbliche (chiudere il meno possibile per non rischiare di dover indennizzare), ha prodotto tentennamenti e misure difficilmente intelligibili, a tratti contraddittorie, prive di trasparenza, forza e credibilità, condizioni indispensabili affinché vengano comprese e applicate in maniera conseguente.

Adesso è nella scienza che si ripongono grandi speranze. Ricercatori e case farmaceutiche hanno messo a punto e reso disponibili in tempi record vaccini che sembrano efficaci e sicuri. Ma non saranno loro a togliere le castagne dal fuoco a governi esitanti e a noi individui più o meno responsabili. Chi si assume il rischio che i contagi continuino a crescere al ritmo attuale, compromette almeno in parte la potenzialità dei vaccini (che non possono essere inoculati a persone malate). E non sappiamo nemmeno, tra l’altro, se le persone vaccinate potranno continuare a veicolare il virus oppure no. 

Il vaccino non è la chiave di volta; non a breve, perlomeno. Soprattutto, non può essere un antidoto efficace contro l’opportunismo politico, la prevalenza degli interessi economici particolari e la mancata assunzione di responsabilità da parte della popolazione, fattori che sono stati – e continuano a essere – i migliori complici di questa pandemia. Tempestive e vigorose strategie governative di lotta alla diffusione del Covid-19 restano più che mai imprescindibili. Nel momento del trionfo (?) della scienza, in una situazione che il ministro della sanità Alain Berset non esita a definire «cattiva», il Consiglio federale ha avuto ieri un’altra opportunità per dimostrare di averlo capito. Non l’ha sfruttata. Per cui non sorprendiamoci se anche tra di noi spuntano dei Dan Eliasson.

© Regiopress, All rights reserved