laRegione
ho-visto-maradona-ho-visto-maradona
'Voglio diventare l’idolo dei ragazzi poveri di Napoli, perché loro sono come ero io a Buenos Aires' (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
12 ore

Spiare il cellulare del partner e la coppia scoppia

Ossessive forme di controllo che possono venir scambiate per manifestazioni di affetto, ma in realtà sono fastidiose invasioni dell’intimità altrui
L'analisi
1 gior

Social, ipocrisia e doveri della politica

La mancata trasparenza sulla fattura dei vaccini come l'immunita per messaggi diffamatori sui social chiamano in causa le responsabilità della politica.
Sguardo a Nord
1 gior

Vecchi vaccini, nuovi vaccini

Quando un buon libro diventa un toccasana per la mente e lo spirito in tempo di pandemia
Commento
3 gior

Negozi chiusi e scuole aperte (per la salvaguardia di tutti)

La scuola, soprattutto in questo momento così delicato, è il principale ‘antidoto’ per i nostri giovani contro il Covid
DISTRUZIONI PER L’USO
3 gior

Partire da Arbasino per spiegare Renzi (o almeno provarci)

Non è che certe rivendicazioni del Bomba siano sbagliate, anzi. Il problema è che quel bischero si crede Gesù
Commento
4 gior

Rsi e il cambio di rotta del progetto Lyra

Niente più 90% musica 10% parlato, nel futuro di Rete Due. Una vittoria per chi era preoccupato per il ripensamento dell'offerta audio Rsi?
Commento
4 gior

Sedicenti onnipotenti a Palazzo di giustizia

La riammissione dei praticanti nei processi ci porta a una serie di riflessioni e soprattutto di domande sul Tribunale penale cantonale
Commento
5 gior

L'azzardo secondo Matteo

A Matteo Renzi non riesce l'azzardo, e in caso di elezioni a giugno rischia la débâcle. Ma la paura dei parlamentari di perdere il seggio potrebbe salvarlo
Commento
5 gior

Un mini lockdown per evitare una terza ondata

Per mitigare gli effetti economici negativi la Confederazione allenta i criteri di accesso ai fondi per i casi di rigore. Potrebbe non bastare, però
Commento
6 gior

Quella stretta di mano che non s'ha da fare

Ridivampa la polemica su Minsk e sull'ipotetico Mondiale bis in Bielorussia, a fine maggio. Quando l'hockey (ma non solo) dovrebbe pensarci due volte
Commento
6 gior

Cosa non va nel ‘social media ban’ di Trump

Un mondo virtuale senza i messaggi di odio di Trump è un mondo migliore. Ma la sospensione del presidente Usa è più un atto di forza dei social media che di libertà
L'analisi
1 sett

Navalny contro Putin, specchio di un Paese in difficoltà

Lo scontro tra il potere moscovita e il blogger, che da anni denuncia corruzione e malefatte, non conosce più confini. Dietro c'è la crisi economica
Commento
1 sett

Usa, il carnevale della democrazia

Giunti a Washington a difesa del loro Cesare scalzato, i pretoriani di Trump si sono rivelati per quello che sono: esaltati pagliacci.
Il ricordo
25.11.2020 - 18:040
Aggiornamento : 23:29

Ho visto Maradona, ho visto Maradona

Simbolo di rivalsa sociale, simbolo di Napoli, città alla quale ha voluto bene. Imperfetto, autodistruttivo, a volte patetico. Ma il più grande di sempre.

Inverno 1989, stadio del profondo nord coi partenopei sugli spalti e la squadra in campo in rosso trasferta. “Ho visto Maradona” è il canto. Un canto di gioia di un figlio a mammà. “Ho visto Maradona” è anche la frase degli umarell che tra una prostata e l’altra si ricordano di aver visto giocare l’argentino che prendeva botte tutto il tempo, al contrario del brasiliano coi capelli color frittata di maccheroni che oggi si butta in terra e nemmeno l’hanno toccato. E invece Diego le prendeva e nun chiagneva mai. Tolto dalla musica, “Ho visto Maradona” equivale a “Quand’ero giovane io”, frase che ci fa davvero ‘vicchiariello sotta a luna” (Pino Daniele. Perché qui di Napoli si parla).

Inverno 1989, stadio del profondo nord coi partenopei sugli spalti e la squadra in campo in rosso trasferta. A metterci la musica, quando in campo c’è il Napoli calcio, i novanta minuti e recupero annesso sono la Platinum Collection dei cori antimeridionali cantati da quella che oggi viene comunemente definita “minoranza”, o “non tutto lo stadio”, che però ha più voce di Enrico Caruso. Slogan infuocati come il Vesuvio, inni che entrano nella pelle come il terremoto, testi virali come il colera. Sono gli squallidi canti sui napoletani “vergogna dell’Italia intera”, i napoletani “acqua e sapone, usate acqua e sapone” cantati sulle note di ‘Guantanamera’, una a caso tra le filastrocche che anche il giovane Matteo, confuso e felice (e sbronzo) un giorno cantò, birra in mano, finendo dentro un telefonino di non altissima qualità ma dall’audio perfettamente distinguibile. La sua ‘Napoli colera’, che la rete non dimentica, molti napoletani se la sono scordata, forse perché dal giorno in cui il Maradona veniva infilato a forza in un’auto per scappare in Argentina, qualche napoletano ancora cerca un uomo forte, col dieci sulla schiena. Magari ministro.

Inverno 1989, stadio del profondo nord coi partenopei sugli spalti e la squadra in campo in rosso trasferta. Per novanta minuti più altri cinque di recupero, Diego Armando Maradona è ostaggio di un centrocampo avversario disegnato per non fargli vedere né pali e né traverse, lui scortato tutto il tempo da doppie marcature che, laddove richiesto, lo avrebbero inseguito fin sotto le docce. Pestato come impone la Bergomi-Gentile, la Bossi-Fini del difensore, legge non scritta che vuole si facciano “assaggiare i tacchetti” (dal dizionario del bravo centale di difesa, un tempo ‘stopper’), sotto tiro come un cecchino che tiene sotto tiro un altro cecchino, Dieguito non prende un pallone per novantaquattro gelidi noiosissimi interminabili minuti. Basta una distrazione del centrocampo avversario, frangiflutti fino a quel momento impermeabile, e proprio come farà un anno dopo in Brasile-Argentina a Italia ’90, in quello stadio del profondo nord El Pibe de Oro tocca l’unico pallone di una partita che nessuno ricorderà mai per lanciare verso la porta non il biondo Caniggia, bensì l’olivastro Antônio de Oliveira Filho detto Careca; con la stessa meccanica, con la stessa percentuale realizzativa di Michel Platini che negli anni Ottanta lanciava in porta Zbignew Boniek, polacco dall’andatura un po’ ubriaca come il suo nome di battesimo. Quell’ultimo pallone giunge a Careca, e Careca fa la cosa per la quale Corrado Ferlaino gli stacca tutti i mesi lo stipendio: segna. Va sotto la curva, poi torna indietro e abbraccia Diego Armando Maradona, uomo imperfetto, autodistruttivo, irritante, a volte patetico e a volte ridicolo, ma che per l’innamorato del calcio giocato sarà per sempre una traiettoria orizzontale in una fredda domenica padana in cui un solo pallone scatenerà la guerra civile.

Inverno 1989, stadio del profondo nord coi partenopei sugli spalti e la squadra in campo in rosso trasferta. I napoletani “colerosi e terremotati”, che “Vesuvio erutta, tutta Napoli è distrutta”, i napoletani “vergogna dell’Italia intera”, più tardi “Napoli coronavirus” – e c’è chi tutto questo ancora lo chiama campanilismo – si portano via tre punti lasciando sul campo “la polvere del genio di un uomo solo, uscito dalla lampada e mai più rientrato” (cit. Erminio Ferrari).


Napule è (Keystone)

Ingrandisci l'immagine
© Regiopress, All rights reserved