ripresa-economica-piu-lenta-ma-costante
Ti-Press
Alle spalle (quasi) la pandemia, ora c’è la variabile guerra
ULTIME NOTIZIE Notizie Economia
Economia
3 gior

‘Blockchain, tecnologia ad alto potenziale ma poco compresa’

Intervista a Jenny Johnson, da due anni Ceo di Franklin Templeton. ‘Futuro con alti tassi di interesse, ambiente al quale i gestori non sono più abituati’
Economia
3 gior

La Fed ha perso 6-7 mesi e ora deve inseguire gli eventi

La conseguenza: una pericolosa accelerazione della stretta monetaria. Quadro economico assai incerto, soprattutto in Europa
Economia
1 sett

Ecco servito il caro-ipoteche: tassi ai massimi da dieci anni

Prime conseguenze dopo la decisione della Banca nazionale di alzare il tasso di riferimento. E secondo gli analisti non è finita
Economia
1 sett

Raiffeisen riconferma il CdA per i prossimi due anni

Assemblea generale ieri a Locarno. Il presidente Thomas A. Müller è stato confermato alla carica con il 96% dei voti
Economia
1 sett

Altri guai giudiziari per la filiale francese di Ubs

L’istituto bancario elvetico verrà processato per presunte molestie sui due ex dipendenti all’origine delle rivelazioni di frode fiscale
Economia
1 sett

Ubs e Credit Suisse rafforzano le loro basi patrimoniali

Entrambe le banche hanno superato i requisiti della regolamentazione ‘too big to fail’. Lo indica un rapporto sulla stabilità della Bns
Economia
2 sett

Competitività economica, la Danimarca fa meglio

La Svizzera perde il primato in classifica: ora è seconda in un podio completato da Singapore. Italia 41esima
Economia
2 sett

Accordi di libero scambio, risparmi per 2,3 miliardi in dazi

È quanto economizzato dalle imprese elvetiche nel 2020 per le loro importazioni (per un totale di 214,26 miliardi) in Svizzera
Economia
2 sett

Prezzi alla produzione e all’importazione sempre in crescita

Oltre ai prodotti petroliferi, più cari carne e legno. In controtendenza il settore farmaceutico e i computer
Economia
2 sett

‘Choc elettrico’ per Axpo: raddoppia il fatturato

L’impennata dei prezzi fa decollare i ricavi del gruppo: 6,0 miliardi nel primo semestre dell’esercizio 2021/22 anziché i 2,9 previsti
Economia
2 sett

Mille posti di lavoro in più in Irlanda grazie a TikTok

L’Isola di smeraldo si conferma un importante hub per l’Europa del social network: la forza lavoro sull’isola passerà a 3’000 unità
borse
2 sett

L’inflazione Usa vola ai massimi, i mercati affondano

Tonfo a Wall Street: solo nell’Ue bruciati 265 miliardi. La Borsa svizzera chiude in calo del 2,10%
Economia
2 sett

‘Inizio anno difficile, i bitcoin si sono rivelati inaffidabili’

Gli analisti di Ubs tracciano un bilancio del 2022: ‘L’inflazione diminuirà ma i prezzi resteranno alti’. Preoccupa l’approvvigionamento energetico
Economia
3 sett

Investimenti sostenibili, boom nel 2021: +30% a 1’983 miliardi

Secondo gli autori dello studio la crescita si spiega con l’aumento dei mezzi messi a disposizione e con l’andamento complessivamente positivo del mercato
Economia
3 sett

Le previsioni non cambiano: Credit Suisse vede ancora rosso

Nuovo avvertimento del colosso bancario: anche il secondo trimestre si chiuderà con una perdita
15.06.2022 - 09:29

Ripresa economica più lenta, ma costante

Nel primo trimestre Pil è cresciuto oltre le aspettative, ma gli effetti della guerra in Ucraina potrebbero incidere oltre il previsto

La Segreteria di Stato dell’economia (Seco) rivede al ribasso per il 2022 e il 2023 le previsioni di crescita per la Svizzera. L’economia svizzera ha iniziato positivamente il 2022 ma le prospettive sul piano internazionale appaiono ora meno rosee. A livello internazionale, i rischi per la congiuntura sono rappresentati in particolare dalla guerra in Ucraina e dalla situazione in Cina.

Nel primo trimestre la ripresa dell’economia svizzera è proseguita come previsto. La crescita del Pil, sostenuta in particolare dall’industria, è stata superiore alle aspettative. Ciò nonostante, all’inizio dell’anno alcuni comparti del settore dei servizi sono stati nuovamente rallentati dalla più recente ondata di coronavirus e delle misure adottate per contenerne l’espansione.

Con la revoca delle misure di politica sanitaria, è da prevedere un’ulteriore ripresa dell’economia interna. Soprattutto nei settori del tempo libero e dell’industria alberghiera e della ristorazione, è probabile che si manifesti un potenziale di recupero. Se l’andamento favorevole del mercato del lavoro sostiene i consumi privati, l’inflazione rimane moderata rispetto alla media internazionale. Sulla base degli indicatori attuali, il gruppo di esperti prevede che la ripresa dell’economia svizzera continuerà nel prossimo futuro.

Tuttavia, nell’arco di tempo previsionale, gli effetti della guerra in Ucraina potrebbero essere più forti di quanto previsto. Le prospettive dell’economia internazionale appaiono meno rosee. Sui mercati internazionali i prezzi dei principali beni d’esportazione russi e ucraini, in particolare le fonti energetiche, nonché alcuni prodotti alimentari di base e mangimi, hanno registrato un’impennata. La pressione inflazionistica che ne deriva sta pesando sulla domanda dei principali partner commerciali, con effetti frenanti sui settori più esposti dell’economia svizzera. Inoltre l’andamento dell’economia della Cina, che ha adottato misure anticovid di ampia portata, dovrebbe risultare nettamente più debole.

Alla luce di queste premesse, il gruppo di esperti rivede al ribasso (2,6 %) le previsioni di crescita per il 2022 (al netto degli eventi sportivi, valore stimato a marzo: 2,8 %). Rivede invece al rialzo la sua previsione relativa all’inflazione in Svizzera, al 2,5 % (valore stimato a marzo 2022: 1,9 %), cui si accompagnerà un probabile effetto attenuante sull’andamento del consumo privato. L’aumento dell’incertezza, le difficoltà di fornitura e l’andamento dei prezzi pesano sull’attività di investimento.

L’economia svizzera dovrebbe dunque continuare sulla strada della ripresa dalla crisi del coronavirus con una crescita del Pil superiore alla media, anche se con meno dinamicità rispetto alle previsioni precedenti. Affinché ciò si verifichi è necessario che i maggiori partner commerciali del nostro Paese non vadano incontro a una forte recessione e soprattutto che non vi siano gravi problemi di approvvigionamento energetico o di materie prime in Europa.

Finita la coda della pandemia, situazione più stabile

Nella seconda parte dell’arco di tempo previsionale, gli effetti di recupero legati alla pandemia di coronavirus dovrebbero affievolirsi. Ci si può attendere una normalizzazione della congiuntura, a condizione che i fattori che attualmente la rallentano, tra cui spiccano i problemi legati alle catene di approvvigionamento globale e l’elevata inflazione internazionale, si attenuino gradualmente. La sterzata restrittiva subìta dalla politica monetaria internazionale avrà probabilmente un effetto frenante. Per il 2023 nel suo insieme, il gruppo di esperti riduce le previsioni di crescita all’1,9% (al netto degli eventi sportivi, previsione di marzo: 2,0 %). L’inflazione media annua dovrebbe scendere all’1,4% (previsioni di marzo: 0,7 %).

Anche per il mercato del lavoro il gruppo di esperti si attende un’ulteriore ripresa e prevede un tasso di disoccupazione medio del 2,1 % nel 2022 e del 2,0 % nel 2023.

Rischi congiunturali

Il conflitto in Ucraina alimenta un clima di grande incertezza. Anche qualora non si arrivi a un’escalation militare internazionale le ripercussioni economiche rischiano di essere più pesanti rispetto alle stime attuali.

In caso di recessione dei maggiori partner commerciali della Svizzera, la nostra economia subirebbe un duro contraccolpo, soprattutto se si dovessero verificare sostanziali interruzioni delle forniture di energia dalla Russia. Con uno scenario del genere la pressione sui prezzi a livello nazionale ed europeo resterebbe elevata e vi sarebbe un’evoluzione negativa dell’economia.

Dato l’incremento dei tassi di interesse, si intensificano i rischi associati al forte aumento del debito internazionale. La probabilità di correzioni sui mercati finanziari aumenta. Anche il settore immobiliare continua a essere soggetto a rischi, sia a livello nazionale che internazionale.

Infine, non sono da escludere altre ricadute dovute alla pandemia, ad esempio in seguito alla comparsa di nuove varianti. In particolare, vi è il rischio che le nuove misure adottate dalla Cina per contrastare la pandemia, fortemente restrittive, si ripercuotano negativamente sull’economia internazionale.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
prodotto interno lordo seco svizzera
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved