l-ocse-chiede-alla-svizzera-riforme-sul-mercato-del-lavoro
Il segretario generale dell’Ocse Mathias Cormann con Guy Parmelin (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
gallery
Svizzera
9 min

Scontri a Zurigo per una manifestazione contro il Wef

L’appello a scendere in piazza ieri per opporsi al World economic forum era stato lanciato su internet
commercio al dettaglio
5 ore

Princìpi e realtà, la Migros a un bivio

I 2,28 milioni di soci votano fino al 4 giugno sulla revoca del divieto di vendere alcolici. Analisi, contesto e reportage.
Svizzera
18 ore

‘2,2 miliardi in più per ridurre i premi di cassa malati’

È quanto prevede il controprogetto all’iniziativa socialista sui premi di assicurazione malattia adottato dalla Commissione sanità del Nazionale
Svizzera
18 ore

Violenza domestica, si allontani l’autore dal tetto familiare

La Commissione affari giuridici al Nazionale ha approvato due mozioni che estende a livello nazionale il principio già in vigore in diversi cantoni
Svizzera
20 ore

Nell’Alto Vallese i guardiacaccia abbattono un lupo

L’abbattimento del lupo fra i comuni di Ergisch e Unterbäch era stato ordinato questa settimana dal Consiglio di Stato vallesano
Svizzera
20 ore

Pandemia, la Farmacia dell’esercito ha rispettato il mandato

Per il Consiglio federale si è mossa in modo corretto nell’acquisto di un sufficiente numero di mascherine. Ci sono stati errori, ma comprensibili
Svizzera
21 ore

La sfida ora è scolarizzare i 12mila giovani profughi ucraini

Emergenza Ucraina, Karin Keller-Sutter traccia un bilancio dell’accoglienza svizzera. Attese 10mila persone ogni mese
Svizzera
22 ore

Wef, più sicurezza a ‘impatto zero’ sulle finanze federali

Il cambio di stagione del Forum economico di Davos comporta nuove mansioni in fatto di sorveglianza. Ma senza ulteriori aggravi
Svizzera
22 ore

Gestione della pandemia: sia ancora Berna a occuparsene

Contro al parere del Consiglio federale, per i Cantoni a intervenire con misure appropriate in caso di necessità dovrebbe essere la Confederazione
Svizzera
1 gior

Controllo delle finanze, c’è margine per migliorare

Nel suo ultimo rapporto, il direttore Michel Huissoud si toglie qualche sassolino: ‘Berna più presente all’estero che sulle faccende interne’
Svizzera
1 gior

Elettricità, nel 2023 bolletta più salata (almeno) del 20%

Secondo un primo sondaggio, per un alloggio di 5 locali l’anno prossimo si pagheranno all’incirca 180 franchi in più
Svizzera
1 gior

La legge più inutile? Vietare le campane al collo delle mucche

Lo ha stabilito l’associazione ‘IG Freiheit’, che ha conferito l’annuale riconoscimento a una norma fatta valere a Berikon, nel canton Argovia
Svizzera
1 gior

Manifestarono a seno nudo per l’8 marzo, sei donne prosciolte

Le militanti femministe erano accusate di manifestazione vietata secondo le norme Covid, disturbo alla quiete pubblica e di abbigliamento indecente
il dossier
20.01.2022 - 17:14
Aggiornamento : 19:12

L’Ocse chiede alla Svizzera riforme sul mercato del lavoro

Ottimismo per il futuro della Confederazione e un Pil previsto in crescita del 3,5%. Tra i problemi il divario salariale tra uomini e donne

Ats, a cura de laRegione

L’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (Ocse) è ottimista riguardo all’evoluzione dell’economia svizzera, giudicando che il Paese ha superato piuttosto bene la pandemia di Covid-19. Sussistono comunque rischi nei settori finanziario e immobiliare. La Confederazione potrebbe inoltre sfruttare meglio il potenziale di forza lavoro.

Nel suo ultimo studio economico dedicato alla Svizzera, l’organizzazione parigina ha nettamente rivisto al rialzo le sue previsioni di crescita per la Svizzera: ormai pronostica un aumento del prodotto interno lordo (Pil) del 3,5% per l’anno appena concluso, a fronte del +2,9% anticipato nelle sue stime di dicembre. Nel 2020 il Pil si era contratto del 2,6% sulla scia del coronavirus. L’Ocse ha per contro lasciato invariate le proiezioni per il 2022 (+3,0%) e abbassato quelle per il 2023 (+1,8% invece di +2,1%).

Buona reazione alla pandemia

“L’economia svizzera si è dimostrata molto resiliente durante la pandemia”, ha affermato il direttore generale dell’Ocse Mathias Cormann durante una conferenza stampa. A suo dire nel primo semestre 2021 il PIL elvetico è già tornato ai livelli pre-crisi. Ma migliorare il tasso di vaccinazione della popolazione “resta una grande priorità in modo da assicurare una ripresa solida”, ha avvertito l’australiano.


Il mercato del lavoro è nevralgico (Keystone)

Anche l’inflazione dovrebbe restare contenuta: dopo una progressione dello 0,6% nel 2021 il rincaro dovrebbe attestarsi all’1,1% quest’anno prima di scendere allo 0,8% il prossimo.

Da parte sua il ministro dell’economia Guy Parmelin ha sottolineato che le misure adottate dalla Svizzera, soprattutto per quel che riguarda le indennità per lavoro ridotto, hanno comportato “un rallentamento economico meno marcato rispetto ad altri Paesi membri dell’Ocse”. “Ci rallegra sentire che abbiamo preso le decisioni giuste, ma purtroppo la crisi non è ancora terminata: l’ondata attuale e la nuova variante del virus l’hanno dimostrato chiaramente”, ha affermato il consigliere federale.

Il capo del Dipartimento federale dell’economia, della formazione e della ricerca (Defr) ha messo in rilievo che “certi settori e aziende sono stati molto più toccati dalla crisi che altri”. “Ora la sfida – ha aggiunto – consiste nel continuare a sostenere i rami fortemente colpiti e le persone vulnerabili, senza però ritardare i cambiamenti strutturali dell’economia.” Il Consiglio federale ha ad esempio elaborato un programma di rilancio per il turismo ed esteso la promozione dell’innovazione per le piccole e medie imprese.

Le aree di crisi

Rischi sussistono invece soprattutto nel settore finanziario. Per l’Ocse “il carattere appropriato del cuscinetto anticiclico di capitale e le liquidità del sistema finanziario svizzero hanno contribuito alla stabilità”, tuttavia “diversi singoli istituti rischiano di vedere i loro fondi propri esaurirsi in caso di shock negativo”. Gli esperti parigini temono che “insolvenze e correzioni di mercato potrebbero concretizzarsi (...) una volta soppressi i massicci aiuti statali, in Svizzera e all’estero”. Quanto al mercato immobiliare residenziale, gli squilibri continuano ad aumentare.


Il quartiere delle banche di Ginevra, dove si genera la maggior parte del Pil (Keystone)

L’Ocse formula anche una serie di raccomandazioni, in particolare per quanto concerne il mercato del lavoro: integrare maggiormente le donne e i lavoratori più anziani “darebbe ancora più slancio alla ripresa economica e aumenterebbe la produttività”. Nel concreto l’organizzazione consiglia alla Svizzera di adeguare l’età pensionabile ordinaria in base all’aumento dell’aspettativa di vita, di rafforzare gli incentivi fiscali all’occupazione e di migliorare l’accesso ai servizi di custodia extrafamiliare dei figli.

Tra gli altri problemi l’organizzazione menziona il divario salariale “considerevole” tra uomini e donne “che rischia di ampliarsi ulteriormente” e il maggiore rischio di disoccupazione di lunga durata per i lavoratori di 55 anni e più. Un punto importante è anche la previdenza vecchiaia: secondo l’Ocse “serve urgentemente una profonda riforma”.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
divario salariale donne economia lavoro mercato ocse pil svizzera
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved