ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
1 ora

La conta dei morti del sisma in Turchia e Siria supera gli 8’700

Si continua a scavare, e i numeri sono destinati a crescere: le persone complessivamente colpite potrebbero essere oltre 20 milioni
il terremoto
12 ore

In Siria e Turchia oltre 7mila morti, si cerca sotto le macerie

A caccia di sopravvissuti, mentre montano le prime polemiche sui ritardi nei soccorsi
la guerra in ucraina
12 ore

Mosca ammassa nuove truppe. Berlino: ‘100 Leopard a Kiev’

Altre decine di migliaia di soldati russi inviati nel Donbass. Zelensky alle prese con il rebus nomine
stati uniti
14 ore

Biden bocciato dal 62% degli americani

Brutte notizie nei sondaggi a poche ore dal discorso sullo stato dell’Unione
italia
15 ore

Arrestato il medico di Messina Denaro

Alfonso Tumbarello aveva curato il boss mafioso durante la latitanza: ‘Conosceva la sua vera identità’
Confine
19 ore

A processo i due ex assessori canturini residenti in Ticino

Erano stati arrestati a fine novembre. Tra le accuse quella di bancarotta fraudolenta
Estero
23 ore

Sempre più vittime del terremoto in Turchia e Siria: oltre 5’000

È stato intanto estratto vivo dalle macerie il calciatore ghanese Christian Atsu. Oltre 8’000 persone sono state salvate finora
Estero
1 gior

Sale a 4’890 il bilancio dei morti del sisma fra Turchia e Siria

Da parte di Ankara le vittime del terremoto di magnitudo 7,9 di ieri sono al momento 3’381, da parte siriana sono 1’509
la guerra in ucraina
1 gior

Zelensky: ‘Nuova offensiva russa entro 10 giorni’

Il leader atteso giovedì a Bruxelles al vertice e al Parlamento
14.11.2022 - 08:50
Aggiornamento: 15:41

Inflazione e debito fra le priorità del G20

Malgrado i segnali di rallentamento della contrazione, per il Fondo monetario internazionale è necessario tenere alta la guardia

Ats, a cura di Red.Web
inflazione-e-debito-fra-le-priorita-del-g20
Keystone
Le priorità di Bali

Le prospettive economiche globali sono ‘più cupe’: l’economia si è indebolita con il materializzarsi di rischi al ribasso e guardando avanti le sfide sono ‘immense’. Il Fondo monetario internazionale presenta al G20 un quadro più difficile di solo un mese fa, quando aveva presentato il World Economic Outlook. Da allora gli indicatori economici hanno mostrato un ulteriore indebolimento.

«Una quota crescente di Paesi del G20 è passata dal trovarsi in territorio di espansione all’inizio dell’anno a livelli che segnalano contrazione», afferma Tryggvi Gudmundsson, economista dell’istituto di Washington. Nonostante i segnali di rallentamento è necessario – esorta il Fondo – continuare a dare la priorità al contenimento dell’inflazione, «così come affrontare gli elevati livelli di debito proteggendo i più deboli». Ribadendo che la politica di bilancio non deve andare contro gli obiettivi di quella monetaria, il Fondo monetario internazionale mette in evidenza la necessità di piani di riduzione del debito più ambiziosi nel medio termine in diverse economie del G20.

«Nel medio termine più ambiziosi piani di riduzione del debito sono desiderabili in diverse economie per ricostituire i cuscinetti fiscali (ad esempio India, Francia, Italia, Giappone, Sudafrica e Spagna)», spiega il Fondo mettendo in evidenza come «la combinazione di una politica di bilancio più rigorosa e di riforme strutturali servirebbe a ridurre materialmente il peso del debito pubblico nel medio termine. Il rapporto debito-Pil nelle economie senza spazio di bilancio o che lo hanno a rischio vedrebbero un calo marcato nei prossimi anni (ad esempio India, Italia, Sudafrica e Spagna)».

«In un contesto di economia globale debole, riforme strutturali che rafforzano la crescita possono aiutare a spingere oggi l’attività economica oltre a rafforzare il potenziale di crescita nel medio termine», aggiunge il Fondo monetario internazionale constatando come in Francia, Germania e Italia riforme del mercato del lavoro faciliterebbero la riqualificazione dei lavoratori. Il Fondo, quindi, mette in evidenza come un rafforzamento delle politiche commerciali e di investimenti pubblici possa contribuire a prevenire la frammentazione e rafforzare la crescita.

«Razionalizzare e migliorare i processi di investimenti pubblici può dare uno slancio agli investimenti verdi, accelerare la transizione verde e sostenere la crescita. Azioni utili in questo senso includono il ridurre gli ostacoli amministrativi e legali, migliorare il coordinamento fra i diversi livelli di governo, gestire le carenze di lavoro e materiale (ad esempio Germania) e aumentare la trasparenza», precisa il Fondo monetario internazionale esortando il G20 a un’azione congiunta per una «ripresa forte, bilanciata a inclusiva». Le sfide che l’economia globale si trova sono «immense e l’indebolimento degli indicatori economici punta a ulteriori difficoltà andando avanti. In ogni caso con un’azione politica attenta e sforzi multilaterali congiunti, il mondo può muoversi verso una crescita più forte e inclusiva«, osserva Gudmundsson.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved