il-prezzo-della-guerra-di-putin
Keystone
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Il commento
7 ore

La normalità di un Festival che doveva fare festa

Se già il Concorso ufficiale non ha luce, altri film sono destinati al buio. E non basta la Piazza, forse servirebbe una spiaggia, come fa Cannes
Commento
13 ore

Presidente, che ne dice di ‘Solarissimo’?

Marco Solari ha regnato più di Raimondo Rezzonico, ma ‘il presidentissimo è solo lui’ (e ‘Solarissimo’ fa troppo Megadirettore: si accettano proposte)
Commento
3 gior

L’ultimo apostolo del male social è Andrew Tate

Misoginia, sessismo, razzismo, omofobia, culto della violenza. I suoi contenuti incarnano il peggio della società, eppure è una webstar. Chi è?
il commento
4 gior

Bruce Springsteen ha perso la voce

Biglietti fino a 5mila dollari, i fan protestano, lui tace e manda avanti il suo manager. Eppure il Boss ci aveva insegnato la coscienza sociale
Commento
5 gior

Lugano senza Borradori, un anno dopo

La scomparsa dell’ex sindaco: un bilancio in chiaroscuro dell’operato del Municipio e uno sguardo verso i futuri appuntamenti elettorali
Commento
6 gior

Carlo Calenda, il guastatore

L’ego del nipote di uno dei maestri della commedia all’italiana rischia di consegnare l’Italia al centro-destra del trio Meloni-Salvini-Berlusconi
La formica rossa
6 gior

Aló Presidente, il richiamo ‘bolivariano’ di Alessandro Speziali

Se gli aperitivi in salsa elettorale iniziano già a metà agosto, come faremo ad arrivare ‘fit’ ad aprile 2023?
Commento
1 sett

Russia, teatro di uno scontro tra due generazioni

I 70enni, ubriachi di propaganda televisiva, appoggiano l’Operazione militare speciale. I minori di quaranta chiedono l’apertura di trattative con Kiev
Commento
1 sett

L’Ucraina e le ambiguità del Papa

Si sbloccano il viaggio a Kiev, l’incontro con Kirill e forse anche con Putin. Bergoglio doveva fugare alcuni dubbi dopo le sue dichiarazioni stonate
Commento
1 sett

È il carovita, bellezza!

La ricomposizione del potere d’acquisto dei salariati risulta auspicabile e priva di rischi: a trarne beneficio sarebbe tutta l’economia
laR
 
10.03.2022 - 05:30
Aggiornamento: 14:47

Il prezzo della guerra di Putin

Le conseguenze economiche saranno a lungo termine, per tutti

"Sebbene la situazione sia estremamente fluida e le prospettive siano soggette a una straordinaria incertezza le conseguenze economiche della guerra in Ucraina sono già molto serie e, se il conflitto dovesse registrare una escalation, i danni sarebbero ancora più devastanti". È quanto ha dichiarato il Fondo monetario internazionale in un comunicato diffuso due giorni fa dopo la riunione del comitato esecutivo dedicata proprio alla crisi ucraina.

"Le sanzioni alla Russia avranno un impatto sostanziale anche sull’economia globale – sottolineava il Fondo –, con conseguenze significative anche su altri Paesi. La crisi sta già creando uno shock avverso sull’inflazione e sulle attività in un contesto già di forte pressione sui prezzi. Le autorità monetarie dovranno monitorare con attenzione la traslazione dei prezzi internazionali all’inflazione nazionale e calibrare risposte appropriate. Inoltre saranno necessarie misure fiscali a sostegno dei cittadini più deboli per aiutarli di fronte all’aumento dei costi". Tradotto, se non fosse stato chiaro fin dai primi missili sganciati dai russi sulle città ucraine, gli economisti del Fondo monetario internazionale ci stanno dicendo che stiamo andando incontro a un periodo di incertezza economica se non a una vera e propria profonda recessione. E questo indipendentemente dal fatto che la guerra, con tutti i drammi umani che sta creando, sarà più o meno lunga. Il rialzo del prezzo delle materie prime, in particolare del petrolio e dei suoi derivati, già manifestatosi come effetto collaterale della pandemia di coronavirus, sarà la cinghia di trasmissione dell’inflazione in tutte le economie, Svizzera inclusa. Del resto un litro di benzina verde ha superato i 2 franchi e venti in una notte e nulla lascia presagire che la corsa verso l’alto si sia fermata qua. I record, anche in economia, sono fatti per essere battuti. Un esempio è dato dal tasso di cambio euro-franco che ha raggiunto la parità. Anche questo è un segnale di crisi. Quando l’incertezza aumenta, la corsa degli investitori stranieri alla ricerca di un porto sicuro (oro o franchi) è quasi un riflesso pavloviano. La conseguenza è che in questo modo, se da un lato si rallenta l’importazione di inflazione, dall’altro si zavorrano le esportazioni svizzere.

Un’altra cosa che il Fondo monetario internazionale ci sta dicendo è che l’intervento pubblico per moderare gli effetti del rialzo dei prezzi dovrà essere massiccio proprio per evitare che a pagare il prezzo della guerra siano i soliti: salariati e pensionati, cioè coloro che vivono di reddito fisso. L’inflazione, se non è moderata (non oltre il 2% l’anno) e non è assorbita da una sana e robusta ripresa economica, ovvero generata da dinamiche positive del mercato del lavoro che alimentano a loro volta i consumi e quindi la produzione, è una tassa profondamente iniqua che grava sui redditi modesti. La spirale inflattiva è quindi destinata a trascinare verso il basso l’attività economica generale. Tutto questo si tradurrà in un aumento ulteriore del debito pubblico e in uno squilibrio a lungo termine delle finanze statali con buona pace dei redivivi rigoristi, anche nostrani, che immaginavano subitanei pareggi di bilancio post Covid.

Infine questa guerra ha rotto anche gli attuali equilibri geopolitici con una sorta di brusca frenata del processo di globalizzazione. Il tutto in un mondo che rispetto a soli trent’anni fa è molto più interconnesso.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
guerra inflazione putin russiaucraina
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved