ULTIME NOTIZIE Estero
Confine
1 ora

Truffa anziani in Valtellina, arrestata una 70enne ticinese

Il fermo alla dogana di Chiasso Brogeda. La donna è sospettata di aver messo a segno numerosi colpi in diverse province del Nord Italia
Confine
5 ore

Il traffico di orologi è la nuova frontiera del contrabbando

Aumentano in frontiera i sequestri di merce con le griffe delle celebrate marche svizzere. L’ultimo qualche giorno fa al valico di Ronago
Estero
10 ore

Kanye West esalta Hitler: Twitter lo blocca, Parler lo scarica

L’account del rapper è stato sospeso dal social, e anche la piattaforma di estrema destra americana dice ‘no, grazie’ alla proposta di acquisto
Estero
11 ore

È morto Issei Sagawa, il ‘cannibale giapponese’

Nel 1981 a Parigi uccise e mangiò una studentessa olandese. Dopo il ricovero psichiatrico, fu estradato in Giappone dove tornò in libertà
italia
21 ore

Frana di Casamicciola, le vittime sono 11

Recuperati altri tre corpi. Manca all’appello ancora una dispersa. Nuova allerta meteo: si prepara l’evacuazione di oltre mille persone
la guerra in ucraina
21 ore

Biden pronto a parlare con Putin

Conferenza di pace a Parigi il 13 dicembre, l’annuncio durante la visita di Macron a Washington
coronavirus
22 ore

La Cina allenta la morsa, ‘sì all’isolamento a casa’

Aperture di Pechino dopo le proteste, mentre si prepara l’addio a Jiang Zemin
Estero
22 ore

Giallo su sei pacchi bomba in Spagna

Oltre all’ordigno esploso all’ambasciata ucraina a Madrid, ne sono stati notificati altri, pure all’indirizzo del premier Pedro Sánchez. Indagini in corso
la guerra in ucraina
22 ore

“La Nato non entrerà nel conflitto”

Mosca accusa l’Alleanza: ‘Ci fanno la guerra’. Stoltenberg risponde seccamente. Macron spinge per un negoziato: ‘Lo ritengo possibile’
Estero
1 gior

Svezia, vendesi casa... con il proprietario morto sotto il letto

Nessuno in due anni si era accorto del decesso dell’80enne ex padrone di casa, probabilmente a causa del cattivo odore e del disordine degli ambienti
Italia
1 gior

Chat neonazista con foto di abusi e piani di stragi: tre arresti

Nel canale Telegram gestito da due genovesi si programmava un attentato al parlamento italiano. Fra le accuse anche quella di istigazione al suicidio
genova
13.09.2022 - 23:13
Aggiornamento: 14.09.2022 - 00:01

Iniziato il processo per il crollo del Ponte Morandi

Autostrade e la società di manutenzioni Spea chiedono di non essere citate come responsabili civili, non pagando così i risarcimenti in caso di condanna

Ansa, a cura di Red.Estero
iniziato-il-processo-per-il-crollo-del-ponte-morandi
L’immagine simbolo del crollo del Ponte Morandi (Keystone)

Dopo quattro anni dal crollo del ponte Morandi, il viadotto autostradale collassato il 14 agosto 2018 causando la morte di 43 persone, parte ufficialmente il processo. E inizia subito con due richieste. La prima è di Autostrade e Spea, la società che si occupava delle manutenzioni, di non essere citate come responsabili civili e cioè di non pagare i risarcimenti in caso di condanna (le due società hanno già patteggiato una pena di 30 milioni per uscire dal processo). La seconda è quella dei pubblici ministeri di sfoltire il numero delle parti civili e degli oltre 1200 testimoni citati. I giudici decideranno la settimana prossima.

Il processo era iniziato il 7 luglio ed era stato rinviato subito al 12 settembre. L’udienza di lunedì era saltata per l’astensione degli avvocati indetta per protestare contro la carenza di organico nel tribunale genovese e il conseguente blocco degli altri procedimenti con udienze fissate nel 2025. I pm Massimo Terrile e Walter Cotugno si sono espressi in maniera favorevole sull’esclusione delle due società mentre i legali delle parti civili si sono opposte. Aspi e Spea avevano già chiesto di essere escluse in udienza preliminare ma il gup aveva respinto. La maggior parte dell’udienza è stata dedicata al numero monstre delle parti civili.


Il ponte dopo il crollo (Keystone)

In udienza preliminare il giudice ne aveva ammesse oltre 300 e altrettante se ne erano costituite all’inizio del processo. Numeri a cui si aggiungono i testimoni. "Un processo con 1.228 testimoni che porterebbe a un potenziale di 155 mila tra esami e controesami è un processo che non si può fare e non avrà mai fine", ha detto il pm Terrile nel corso dell’udienza. "La lista testi della procura conta 177 persone, quelle dei 59 imputati oltre 387 e quelle delle parti civili oltre 664. Con questi numeri il processo non avrà fine diversa da quella dell’estinzione dei reati - ha continuato il sostituto procuratore -. L’interesse primario è provare la responsabilità penale degli imputati e non accertare e liquidare i danni ai danneggiati i cui diritti non vengono pregiudicati ma posticipati ad altra sede". Per questo la procura ha chiesto di escludere tutti i testimoni delle parti civili.

I parenti delle vittime: disgustati

Alcune richieste di costituzione di parti civili hanno fatto indignare i parenti delle vittime. "Siamo disgustati - hanno detto dentro l’aula dedicata al pubblico - che coraggio hanno di chiedere i risarcimenti in questa sede di fronte ai nostri morti. Potrebbero andare in sede civile per ottenere lì quello che chiedono". "Quello che ci preoccupa davvero - ha spiegato Egle Possetti, portavoce del Comitato ricordo parenti vittime del crollo del Morandi - è il possibile numero abnorme delle parti nel processo che allungherebbe in maniera inaccettabile i tempi".

In udienza preliminare il giudice aveva escluso dalle parti civili il Comitato che però ha chiesto di nuovo a inizio processo la costituzione. Secondo il giudice il comitato non era stato costituito prima del crollo. Intanto è saltato il trasferimento dei reperti nella prima area che era stata individuata a luglio. È stato trovato un nuovo capannone al Manesseno, a Sant’Olcese. A processo ci sono 59 persone tra ex dirigenti e tecnici di Autostrade e Spea, ex e attuali dirigenti del ministero delle Infrastrutture e del Provveditorato delle opere pubbliche della Liguria. Secondo l’accusa tutti sapevano delle condizioni del ponte ma non sarebbero state fatte le manutenzioni per risparmiare. Nelle prossime settimane la procura chiuderà le indagini per l’inchiesta sull’incuria delle infrastrutture nata dopo il crollo e riguardante le barriere antirumore difettose, le gallerie non a norma e i falsi report sugli altri viadotti che vede coinvolte 56 persone.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved