quattro-anni-dopo-inizia-il-processo-per-il-ponte-morandi
Keystone/Vigili del fuoco
Quarantatré vittime
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
5 min

Spagna: piloti di easyJet di nuovo in sciopero

Il secondo dei tre scioperi da 72 ore indetto da un sindacato di piloti della compagnia aerea si somma a quello di parte del personale di cabina Ryanair
Estero
55 min

Frasi sull’Olocausto, Abu Mazen denunciato in Germania

La polizia conferma una denuncia da parte di un nipote di sopravvissuti ai crimini nazisti. Ma c’è il nodo dell’immunità diplomatica
Italia
2 ore

Maxi sequestro di marijuana in provincia di Bari

Nella centrale per il confezionamento clandestino, trovati 900 kg di stupefacente. In manette due persone
Stati Uniti
2 ore

Scontro tra due Cessna nei cieli della California

Secondo la Federal Aviation Administration, a bordo c’erano in totale tre persone. Ancora da stabilire il numero di vittime
Stati Uniti
5 ore

Trump aveva sottratto carte su sicurezza nazionale

È quanto indicano i documenti procedurali legati alla perquisizione della villa in Florida dell’ex presidente degli Stati Uniti
stati uniti
12 ore

‘Trump ha sottratto carte relative alla sicurezza nazionale’

È quel che rivela la Cnn citando i documenti del giudice Reinhart: l’ex presidente avrebbe cercato di ostruire un’indagine federale
austria
14 ore

Tempesta di vento: 5 morti, tra cui 2 bambini

Due vittime anche in Italia per il maltempo. Inondazioni in Cina, incendi con almeno 38 morti in Algeria.
la guerra in ucraina
15 ore

Erdogan da Zelensky: ‘La Turchia sta con Kiev’

L‘incontro con il capo di Stato turco e il Segretario dell’Onu Guterres. Allarme rosso su Zaporizhzhia: ’Non diventi una nuova Chernobyl’
pacifico
15 ore

Usa e Taiwan lanciano negoziati commerciali, ira della Cina

Sale ancora la tensione con Pechino dopo la visita di Pelosi a Taipei
Estero
16 ore

Per eludere fisco e obblighi vaccinali si inventano una nazione

Lo Stato Teocratico Antartico di S. Giorgio, con tanto di capo di Stato, governo, ministri concede ‘documenti’ e vantaggi fiscali. Ma non esiste
Confine
17 ore

Chiasso-Brogeda, fermato un traffico di rifiuti speciali

Si tratta di un ingente quantitativo di apparecchiature elettriche ed elettroniche non conformi alla normativa europea e nazionale di transito
Confine
20 ore

Multe ricevute a Como, i ticinesi puntuali nei pagamenti

Il 90% delle sanzioni vengono subito saldate. Nei mesi scorsi avevano fatto discutere le critiche del sindaco agli automobilisti elvetici
Cuba
20 ore

Sedici i morti nell’incendio all’area di stoccaggio di petrolio

A causare il rogo del 5 agosto nella provincia occidentale di Matanzas era stato un fulmine. Fra le vittime molti Vigili del fuoco
Stati Uniti
20 ore

Teenager usa la pillola abortiva: accuse penali per la madre

La giovane ne ha fatto ricorso all’inizio del terzo trimestre di gravidanza: ben oltre il limite massimo previsto nello Stato del Nebraska
07.07.2022 - 10:05
Aggiornamento: 14:22
Ats, a cura di Red.Web

Quattro anni dopo, inizia il processo per il ponte Morandi

La maggior parte degli imputati è composta da dirigenti e tecnici di Autostrade per l’Italia e della società d’ingegneria Spea

Le immagini scioccanti del crollo del ponte di Genova, che ha causato la morte di 43 persone, hanno fatto il giro del mondo. Si apre oggi, quasi quattro anni dopo, un mega-processo che coinvolge 59 imputati per determinare le responsabilità.

Il 14 agosto 2018, sotto una forte pioggia, il ponte autostradale Morandi, una via fondamentale per gli spostamenti locali e per il traffico con Francia e Svizzera, è crollato, facendo precipitare nel vuoto decine di veicoli e i loro passeggeri.

Questa tragedia ha gettato una luce cruda sul cattivo stato delle infrastrutture di trasporto italiane e sul ruolo oscuro della società Autostrade per l’Italia (Aspi). L’azienda è stata accusata di non aver effettuato la manutenzione della struttura per risparmiare, questo a scapito della sicurezza.

‘Una bomba a orologeria’

"Il ponte Morandi era una bomba a orologeria. Si sentiva il ticchettio, ma non si sapeva quando sarebbe esploso", ha dichiarato a febbraio Walter Cotugno, uno dei procuratori.

Ha affermato che non c’è dubbio che gli amministratori di Autostrade per l’Italia e della società d’ingegneria Spea, incaricata della manutenzione, "erano consapevoli del rischio di collasso", ma erano riluttanti a finanziare i lavori per "preservare i dividendi" degli azionisti.

La conclusione dei magistrati è schiacciante: "Tra l’inaugurazione del ponte nel 1967 e il crollo – cioè 51 anni dopo – non sono stati eseguiti i lavori minimi di manutenzione per rinforzare gli stralli del pilastro numero 9", che è crollato il giorno della tragedia.

La maggior parte degli imputati è composta da dirigenti e tecnici delle due società, tra cui l’allora direttore generale di Autostrade per l’Italia, Giovanni Castellucci, che se n’è andato con un’indennità di 13 milioni di euro, nonché l’ex capo di Spea, Antonino Galata, e funzionari del Ministero delle Infrastrutture.

Il processo potrebbe durare 2-3 anni

Sono stati perseguiti per omicidio colposo, attentato alla sicurezza dei trasporti e contraffazione. Il processo dovrebbe durare due o tre anni.

Giovanni Paolo Accinni, uno degli avvocati di Castellucci, ha dichiarato che l’accusa "cadrà come una foglia d’autunno" se il processo sarà "equo" e "proteggerà non solo le vittime, ma anche gli innocenti".

Un testimone scomodo

Ma l’accusa potrà contare su un testimone importante: Roberto Tomasi, successore di Castellucci e dirigente di Autostrade per l’Italia dal 2015, che ha mostrato la volontà di voltare pagina e che potrebbe risultare ingombrante per il suo predecessore.

All’epoca della tragedia, Aspi era di proprietà del gruppo Atlantia, controllato dalla ricca famiglia Benetton, che a maggio ha venduto la sua quota allo Stato.

Risarcimento da parte di Aspi e Spea. ‘Un primo riconoscimento di responsabilità’

Mentre gli ex amministratori di queste società sono sul banco degli imputati, Autostrade per l’Italia e Spea hanno evitato il processo grazie a un accordo extragiudiziale con la Procura, che prevede il pagamento di 29 milioni di euro allo Stato.

Per Raffaele Caruso, avvocato del Comitato dei parenti delle vittime del ponte Morandi, questo accordo "costituisce un primo riconoscimento di responsabilità" da parte delle due società. "Si tratta di uno dei processi più importanti della storia recente dell’Italia, per il numero di imputati, per la portata della tragedia e per la ferita inferta a un’intera città", ha dichiarato all’agenzia di stampa francese Afp.

Due famiglie hanno rifiutato i soldi

Solo due famiglie delle vittime hanno rifiutato di accettare i risarcimenti offerti da Autostrade, che ha versato più di 60 milioni di euro.

Egle Possetti, presidente del Comitato dei parenti delle vittime, ha rifiutato l’offerta per non perdere la possibilità di costituirsi parte civile e influenzare il processo. "Sono sicura che molti, non tutti, sapevano che il ponte sarebbe crollato un giorno, e alcuni hanno fatto finta di non vederlo", dice con amarezza.

L’altro rifiuto è arrivato da Roberto Battiloro, che ha perso il figlio 29enne nella tragedia e a cui è stato offerto un milione di euro: "La vita di mio figlio non ha prezzo, voglio un vero processo".

Leggi anche:

Crolla ponte dell'autostrada a Genova

Crollo del ponte Morandi: a processo in 59

‘Sapevano che il ponte Morandi era una bomba a orologeria’

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
genova ponte morandi
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved