usa-trump-nei-guai-dopo-rivelazioni-su-assalto-capitol-hill
Keystone
Scandal
ULTIME NOTIZIE Estero
Cina
4 ore

Troppo caldo in Cina: elettricità razionata

La priorità verrà data alle economie domestiche. Ordinato alle aziende di sospendere la produzione fino a sabato
Kenya
6 ore

Mistero sulla morte di un ufficiale elettorale

L’uomo era scomparso durante la verifica dei registri elettorali. Ritrovato privo di vita alle pendici del Kilimangiaro, a 300 km di distanza
Stati Uniti
6 ore

Abbassamento di quota per American Airlines

Previsti quasi un terzo di voli in meno a novembre, mentre per settembre e ottobre i tagli saranno nell’ordine ‘solo’ del 2%
ucraina
17 ore

Colpita la centrale nel Donbass dei mercenari russi Wagner

Il gruppo paramilitare opera anche in Siria, in Libia e in Africa: è accusato di crimini di guerra e di violazioni dei diritti umani.
Estero
18 ore

Rushdie, l’Iran smentisce i legami con l’aggressione

I giornali conservatori del Paese islamico dipingono però l‘accoltellatore, che si è dichiarato non colpevole, come un uomo ’coraggioso e ligio al dovere’
Kenya
21 ore

Kenya, Ruto proclamato vincitore delle presidenziali

Ma sulle elezioni non si placa la bufera: quattro dei sette membri della commissione elettorale hanno rifiutato di accettare il risultato
Italia
22 ore

Sessantamila infrazioni stradali in quindici giorni

Inizio di agosto ‘caldo’ per la Polizia stradale italiana. Già ritirate 1’055 patenti e decurtati 93’605 punti
Russia
23 ore

Brittney Griner non si arrende: presentato l’appello

I legali della star del basket condannata a nove anni di carcere in Russia per droga fanno ricorso. Slitta il possibile scambio di prigionieri
Confine
1 gior

Delitto di via Giussani, sarebbe bastato un Tso per evitarlo?

Emergono alcuni dettagli nella scia della follia che ha portato all’uccisione di un senzatetto e al ferimento di un bambino e di un ragazzo
Italia
1 gior

Tir tampona due pullman di profughi: un morto

Il conducente dell’articolato, 53enne rumeno, è morto. Una cinquantina gli immigrati coinvolti nel sinistro all’altezza di Firenze, 15 i contusi
29.06.2022 - 20:36
Ats, a cura de laRegione

Usa, Trump nei guai dopo rivelazioni su assalto Capitol Hill

L’assistente dell’ex chief of staff lo ha accusato di aver istigato i suoi fan a marciare per ribaltare il voto pur sapendo che alcuni erano armati

L’ex presidente americano Donald Trump sembra davvero nei guai dopo la deposizione bomba della super testimone nelle audizioni pubbliche dell’inchiesta parlamentare sull’assalto del Capitol Hill del 6 gennaio 2021.

La 26enne Cassidy Hutchinson, assistente dell’ex chief of staff Mark Meadows con accesso alle segrete stanze del potere, lo ha accusato di aver istigato i suoi fan a marciare sul Capitol per ribaltare l’esito del voto pur sapendo che alcuni erano armati. E di aver tentato di unirsi a loro afferrando il volante della limousine presidenziale dopo che il Secret Service si era opposto.

"Un epitaffio", una "smoking gun", insistono vari analisti, paragonando l’effetto politico-giudiziario devastante della testimonianza della Hutchinson a quello della deposizione di John Dean, il consigliere di Richard Nixon che mezzo secolo fa accusò l’allora presidente di essere personalmente coinvolto nel Watergate.

L’audizione, secondo molti esperti legali, spiana la strada ad un’inchiesta penale e mina la ricandidatura del tycoon nel 2024, già insidiata da giovani leader repubblicani emergenti pronti a raccogliere la sua eredità, primo fra tutti il governatore della Florida Ron De Santis.

Era stato lo stesso avvocato della Casa Bianca Pat Cipollone ad avvisare dei rischi giudiziari per Trump se avesse marciato insieme ai suoi sostenitori, intenzione confermata dalla super testimone: "ci accuseranno di ogni crimine immaginabile", le disse.

Gli esperti ritengono che la deposizione della Hutchinson tolga all’ex presidente l’alibi di aver agito in buona fede, nella convinzione dell’esistenza di brogli elettorali, e lo scudo del primo emendamento sulla libertà di espressione.

E già elencano i possibili reati: ostruzione di una procedura parlamentare (la certificazione del voto), cospirazione per truffare gli Stati Uniti (lavorando per ribaltare l’esito delle elezioni) e incitamento alla rivolta. Peraltro c’è già un precedente, in un caso civile, dove un giudice ha concluso che Trump e uno dei suoi legali, John Eastman, hanno commesso probabilmente i primi due reati.

Sale quindi la pressione sul riluttante ministro della giustizia Merrick Garland perché apra un’inchiesta penale contro Trump, che potrebbe portare al primo processo contro un ex presidente, con effetti socio-politici dirompenti e duraturi.

Egli deve prendere prima tre decisioni. La prima è valutare se ci siano prove sufficienti per convincere una giuria che Trump ha commesso crimini oltre ogni ragionevole dubbio.

La seconda è scegliere se mantenere il pieno controllo dell’inchiesta, rendendo conto politicamente del suo operato dopo essere stato confermato dal Senato in modo bipartisan. Oppure nominare un procuratore speciale per evitare conflitti di interesse, cioè l’accusa di usare la giustizia come un braccio armato contro un avversario (potenzialmente anche futuro) del presidente. Tanto più dopo che Joe Biden ha definito Trump "un pericolo per la democrazia".

La terza decisione, la più difficile, è se una mossa del genere servirebbe l’interesse nazionale: c’è il rischio di dividere ulteriormente un paese già fortemente polarizzato, di sollevare accuse di vendetta politica minando l’indipendenza del Dipartimento di giustizia, di rafforzare il tycoon trasformandolo in un martire e innescando future rappresaglie tra amministrazioni di colore diverso.

Non agire però sarebbe altrettanto pericoloso, perché incoraggerebbe le illegalità di futuri presidenti. A partire da Trump, se dovesse vincere ancora. Per Garland è un vero dilemma: qualunque sia la sua decisione, le conseguenze saranno sismiche.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
assalto capitol hill cassidy hutchinson donald trump stati uniti
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved