18.06.2022 - 10:10
Aggiornamento: 10:43

Assalto Capitol Hill, Trump attacca Pence: un codardo e un robot

L’attacco davanti a una platea evangelica, base politica di Pence, il giorno dopo le rivelazioni sulle pressioni per ribaltare l’esito del voto

assalto-capitol-hill-trump-attacca-pence-un-codardo-e-un-robot
Keystone

"Un codardo", un "robot": Donald Trump attacca e ridicolizza Mike Pence all’indomani dell’udienza pubblica della commissione parlamentare d’inchiesta sull’attacco al Capitol che ha rivelato la forte pressione che l’allora presidente fece sul suo vice perché ribaltasse l’esito delle presidenziali.

E per farlo ha scelto un forum religioso evangelico a Nashville, Tennessee, davanti al pubblico che rappresenta la base politica di Pence, nel tentativo di minare le sue chance in un’eventuale corsa alla Casa Bianca.

"Mike Pence aveva un’occasione per essere grande. Aveva una possibilità di fare la storia ma non ha avuto il coraggio di agire", ha detto. "Mike aveva paura di qualunque cosa avesse paura", ha proseguito. Il tycoon ha definito il suo ex numero due come un "nastro trasportatore umano" per il suo ruolo di far avanzare il processo elettorale e ha rivelato che aveva considerato di chiamarlo "robot".

Nel suo intervento di 90 minuti Trump ha attaccato anche le udienze della commissione sul 6 gennaio, definendole una "caccia alle streghe a senso unico", Joe Biden e i democratici, Big Tech e i leader delle grandi aziende. Quindi ha alluso ancora alla sua ricandidatura nel 2024, incassando applausi e standing ovation.

Pence era stato invitato all’evento ma, come altri potenziali candidati repubblicani per le presidenziali, non ha partecipato.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved