dal-canada-alla-francia-i-convogli-della-liberta
Bandiere francesi e Convogli della libertà a Lione (Keystone)
+1
ULTIME NOTIZIE Estero
Stati Uniti
12 ore

A Trump di dimostrare che i documenti erano declassificati

Spetta all’ex presidente degli Stati Uniti provare che il materiale ‘top secret’ requisiti dall’Fbi erano tutti desecretati
Francia
12 ore

Campionessa di sci alpinismo muore sul Monte Bianco

Adèle Milloz e un’altra alpinista forse tradite dal distacco di una frana. L’incidente si è verificato sul versante dell’Aiguille du Pigne
Stati Uniti
12 ore

Spinto dalla perquisizione a Trump l’uomo abbattuto dall’Fbi

La polizia lo aveva abbattuto mentre cercava di fare irruzione, armato di fucile, nella sede degli investigatori
Stati Uniti
15 ore

Auto si schianta contro un pub: almeno 14 feriti

L’incidente è avvenuto ad Arlington, in Virginia. Dopo l’impatto, nel locale si è sprigionato un incendio
Italia
15 ore

Furto nella casa dei suoceri di Domenico Berardi

Ignoti sono penetrati nell’abitazione dei genitori della moglie del calciatore del Sassuolo e della nazionale azzurra
Ungheria
15 ore

Gazprom apre i rubinetti verso l’Ungheria

Flusso aumentato in agosto di 2,6 milioni di metri cubi al giorno. Colloqui in corso per ulteriori incrementi per settembre
Italia
16 ore

Riparbella, una festa di compleanno finisce in dramma

Un turista tedesco 54enne cade da un muro e precipita in una scarpata in un’area rurale, morendo
Lituania
19 ore

Anche la Lituania medita possibili limitazioni ai visti russi

Dopo l’analoga decisione dell’Estonia (dove le regole cambieranno a partire dal 18 agosto), anche Vilnius sta valutando un inasprimento
Italia
19 ore

Ondata di maltempo a Stromboli, si lavora al ripristino

Protezione civile, abitanti e pure turisti fianco a fianco per ripulire le strade invase da fango e massi dopo i temporali
Ucraina
20 ore

Respinta un’offensiva russa verso Zaporizhzhia

Nell’assalto alle postazioni ucraine impiegati cannoni, artiglieria e carri armati. E pure aerei
Stati Uniti
20 ore

Su Trump l’ombra del sospetto di spionaggio

Pubblicato il mandato con cui l’Fbi ha messo a soqquadro la residenza in Florida dell’ex presidente Usa, sequestrando documenti ‘Top Secret’
Stati Uniti
21 ore

Aggressione a Rushdie, dimesso dall’ospedale il moderatore

Ralph Henry Reese punta il dito sull’attacco, ‘indicativo delle minacce che parecchi scrittori ricevono da parte di molti Governi’
Estero
1 gior

Sì della Camera Usa al maxi-piano su clima e inflazione

Il corposo pacchetto prevede investimenti per oltre 430 miliardi di dollari. Vittoria significativa per Joe Biden.
l'autore de "i versi satanici’
1 gior

Rushdie sotto i ferri, preso l’assalitore

L’autore dei ‘Versi Satanici’ ferito da un 24enne del New Jersey. Da oltre 30 anni è sotto minaccia di morte da parte degli integralisti iraniani.
Estero
1 gior

Altre bombe sulla centrale nucleare di Zaporizhzhia

Kiev e Mosca tornano ad accusarsi a vicenda, volano anche insulti. Zelensky sente il Papa, ‘ho parlato degli orrori russi’.
Estero
1 gior

Donald Trump indagato dall’Fbi per spionaggio

La conferma dopo la desecretazione del mandato di perquisizione della residenza dell’ex presidente in Florida
stati uniti
1 gior

Biden ha deciso, dopo le Midterm lancia la campagna per il 2024

Il presidente è pronto a correre nonostante i mal di pancia tra i democratici. Vuole la sfida con Trump
pacifico
1 gior

Gli Usa preparano nuove esercitazioni nello Stretto di Taiwan

‘Vogliamo approfondire i legami commerciali con l’isola’
laR
 
12.02.2022 - 05:30

Dal Canada alla Francia: i Convogli della Libertà

Il corteo verso Parigi: dentro no vax, gilet gialli, pro Zemmour e sinistra populista. Intanto le grandi città europee si blindano

Arrivano dal Canada, terra fredda di gente mite. Paese e popolo che vive e prospera nelle statistiche e nelle conversazioni grazie al continuo confronto con i vicini Stati Uniti: meno criminalità, più stato sociale, meno razzismo, più equità. Eppur si muove, il Canada, per protestare contro la pandemia e le sue restrizioni. Lo fa su grossi camion, i “trucks”, come li chiamano dall’altra parte dell’Atlantico. Cortei, proteste, strade bloccate, fino alla marcia su Ottawa, la capitale: è l’autoproclamato “Convoglio della libertà”.

Dove tutto è iniziato

All’inizio li hanno lasciati fare, li hanno sottovalutati, col risultato di trovarseli ovunque e in troppi per farli sgomberare. I camionisti in prima fila, con tanto di bandiere patriottiche, e tanto, troppo popolo a seguirli.

Ford e Toyota hanno annunciato la chiusura temporanea delle loro fabbriche in Canada a causa delle proteste che stanno fermando l’arrivo di componenti. E anche Fiat-Chrysler ha annunciato ritardi nella produzione.

I camionisti, intanto, stanno bloccando anche l’Ambassador Bridge, il più importante valico di frontiera tra Stati Uniti e Canada, dove passa circa un quarto del commercio tra i due Paesi, e le strade di Emerson, che collegano Manitoba con il Nord Dakota.


Le proteste a Ottawa, in Canada (Keystone)

Il Dipartimento per la sicurezza interna americana teme che il Convoglio della libertà possa addirittura puntare Los Angeles per paralizzare il Super Bowl di domani o dirigersi verso Washington in occasione del discorso sullo stato dell’Unione di Joe Biden.

Intanto la provincia dell’Ontario, la più grande del Canada, ha dichiarato lo Stato di emergenza. Il premier locale Doug Ford ha spiegato che i blocchi delle principali arterie sono “illegali e punibili” e non esclude la possibilità di arresti pur di arrivare a sbloccare le strade. “Gli occhi del mondo sono puntati su di noi”, ha detto Ford. Ma se i convogli della libertà non vogliono e non possono attraversare il mare, l’idea, lo spirito e il nome l’hanno già fatto.


Bandiere francesi e Convogli della libertà a Lione (Keystone)

La variante francese

Come spesso accade, quando c’è da scendere in piazza, i più ricettivi sono stati i francesi. Scorrendo una delle tante mappe che circolano su internet, sembra ci sia un’offensiva massiccia che parte da ogni angolo del Paese per arrivare a Parigi: Nizza, Brest, Annecy, Lille, Cherbourg, Pau, Bayonne, Perpignan, Strasburgo… al momento sono circa 4mila i veicoli in marcia verso la capitale.

Ma chi c’è dietro e dentro i convogli della libertà? Considerando che i camion in Francia nella stragrande maggioranza dei casi non sono di proprietà di chi li guida, ma delle aziende, a mettersi in fila sono perlopiù auto, furgoni, moto. Una galassia composita che sembra quasi sorteggiata a caso: no vax della prima e ultima ora, gilet gialli, sostenitori di Mélenchon fianco a fianco con quelli di Zemmour: la sinistra più sinistra e più spaesata a braccetto con la destra più populista e caciarona. Sorprende solo fino a un certo punto.

‘I convogli della vergogna’

Parigi ha reagito subito dicendo “no alle strumentalizzazioni politiche” della pandemia: questo l’avvertimento lanciato ieri dal portavoce del governo francese, Gabriel Attal. “C’è una strumentalizzazione della stanchezza dei francesi”. Un riferimento, in particolare, all’esponente di estrema destra Florian Philippot. “Basta vedere le sue dichiarazioni per comprendere che sta incoraggiando quel movimento”.

Già nei giorni scorsi, il segretario di Stato agli affari europei, Clément Beaune, aveva detto che quelli non sono Convogli della Libertà ma “della vergogna. Sono i convogli dell’egoismo. Questi non sono patrioti, ma irresponsabili”. Un attacco frontale a chi mostra tra i propri simboli la bandiera francese.


Protesta singola davanti a un blindato a Parigi (Keystone)

Alle parole sono seguiti però i fatti dopo il via libera della giustizia francese alla decisione della polizia di Parigi di vietare il raduno dei Convogli della Libertà, i cui primi mezzi sarebbero già alle porte della capitale.

Per ora le autorità hanno respinto il ricorso, non si sa se riusciranno a respingere i manifestanti, agguerriti nella lotta al pass vaccinale e a tutte le restrizioni imposte. Sono convinti di conquistare Parigi ora e Bruxelles lunedì, dove si sono dati appuntamento con gli altri Convogli della Libertà provenienti dal resto d’Europa. Qualcuno si è visto anche in Svizzera, ma sono fenomeni isolati.

Il movimento infatti si sta allargato, interessando diversi Paesi, in particolare il Belgio e l’Austria, dove si è già provveduto a bloccare le proteste sul nascere. “Metteremo in campo i mezzi per impedire il blocco della Regione di Bruxelles-Capitale”, ha avvertito il borgomastro Philippe Close, precisando che la decisione è stata presa di concerto con i vertici nazionali.

Lo stesso divieto è stato poi adottato dalla polizia austriaca in vista di una manifestazione annunciata vicino a un parco nel centro di Vienna. Basterà?

Al momento la rabbia no vax ha saputo intercettare un malessere legato più all’economia che alla pandemia. Più della salute poté il denaro. Ora resta da capire quanto questi convogli siano organizzati, quanto coesi, quanto determinati.


Blindati a Parigi (Keystone)

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved