nuovo-colloquio-biden-putin-si-cerca-il-disgelo-sull-ucraina
Putin e Biden a Ginevra il 16 giugno scorso (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
2 ore

Italia, dissequestrata la storica biblioteca dei Girolamini

I sigilli vennero messi dieci anni fa nell’ambito di un’inchiesta sul furto di migliaia di volumi antichi
Estero
2 ore

Trasporto aereo, aumentano i bagagli persi o in ritardo

Sono più di quattro ogni mille passeggeri le borse e valigie smarrite, giunte tardivamente, rubate o danneggiate.
Estero
2 ore

Partire, restare... l’incertezza attanaglia i rifugiati siriani

Dall’inizio della guerra in Siria nel 2011, cinque milioni di persone hanno cercato rifugio in Turchia. Ora ci sono pressioni perché rientrino in patria.
Confine
13 ore

Pfizer: vaccini a prezzo di costo nei paesi poveri

‘È ora di cominciare a chiudere questo divario fra chi ha accesso alle cure più avanzate e chi no’, ha detto al Wef il Ceo del colosso farmaceutico
Confine
13 ore

Stroncato da un infarto il senzatetto svizzero trovato a Como

Si tratta di un 66enne il cui corpo era stato scoperto da un giovane lo scorso 15 maggio
Estero
15 ore

Francia, fermato un 18enne: ‘Preparava un attentato per l’Isis’

Il giovane ha ammesso di star organizzando l’attacco. Un video in cui presta fedeltà allo Stato islamico è stato trovato in suo possesso.
Stati Uniti
18 ore

‘Aveva provato a chiamare i soccorsi, ma lui le ha sparato’

Massacro di Uvalde, lo straziante racconto delle piccole vittime della follia omicida del diciottenne
Estero
18 ore

Adesione alla Nato, delegazioni di Svezia e Finlandia in Turchia

Ankara appoggerà la candidatura dei Paesi scandinavi solo se questi rinunceranno al sostegno al gruppo armato Pkk
Speciale Ucraina
19 ore

Zelensky apre ai negoziati. Ma a patto che la Russia si ritiri

Orrore a Mariupol: rinvenuti duecento cadaveri tra le macerie di un rifugio. Segui il live de laRegione
Vaticano
23 ore

‘Basta col traffico indiscriminato delle armi!’

Al cordoglio per le vittime in Texas si unisce Papa Bergoglio. ‘Impegniamoci tutti perché tragedie così non possano più accadere’
Stati Uniti
1 gior

Foto di armi al compagno pochi giorni prima della strage

Dal racconto di altri studenti, il killer veniva spesso deriso per gli abiti che indossava e la situazione finanziaria della famiglia
29.12.2021 - 20:52
Aggiornamento : 21:29

Nuovo colloquio Biden-Putin, si cerca il disgelo sull’Ucraina

Stati Uniti pronti alla via diplomatica, ma resta la minaccia delle sanzioni. Il 10 gennaio incontro previsto a Ginevra

Ansa, a cura de laRegione

Una nuova telefonata, la seconda in un mese, tra il presidente americano Joe Biden e quello russo Vladimir Putin per provare a imboccare la difficile strada del disgelo sul dossier Ucraina. Il colloquio tra i due leader è previsto alle 21.30 (ora italiana) di giovedì e si inserisce in un contesto nel quale, dietro la coltre di dichiarazioni alla stampa, le due potenze stanno entrambe aprendo alla possibilità di un alleggerimento delle tensioni. Il contatto, secondo fonti americane, sarebbe stato chiesto da Putin e Biden avrebbe accettato. Pronto – hanno spiegato da Washington – ad offrire al suo interlocutore “una via diplomatica”.

Saranno diversi gli argomenti, tutti caldissimi, che Biden e Putin toccheranno nel corso della telefonata. All’orizzonte ci sono i colloqui che si apriranno a inizio 2022 con il Consiglio Nato-Russia, previsto il 10 gennaio proprio sul dossier Kiev e anche sul tema del controllo delle armi nucleari. E il 12 e 13 dello stesso mese nuovi colloqui tra l’Occidente e Mosca avranno luogo in occasione del summit dell’Osce.

La Casa Bianca chiama

Washington, sul dossier ucraino, continua a tenere aperto un doppio binario. Da una parte, come hanno sottolineato anche in queste ore fonti dell’amministrazione Biden, conferma l’impegno ad uno sforzo diplomatico che porti ad una soluzione concordata con Mosca. Dall’altra ribadisce "la preoccupazione" per l’integrità territoriale dell’Ucraina e si dice "pronta a rispondere con nuove e dure sanzioni" in caso di escalation. nell’eventualità di invasione da parte della Russia, gli Usa “prevedono di rafforzare la posizione della Nato” e di “fornire ulteriore assistenza” all’Ucraina se necessario, ha aggiunto alla Cnn un funzionario dell’amministrazione americana. La strada delle sanzioni, al momento, resta comunque nettamente sullo sfondo e anche l’Unione Europea, al vertice dei leader del dicembre scorso, si è mostrata prudente.

Gli Usa hanno anche ribadito i loro sforzi “nel consultarsi e coordinarsi" con i propri alleati, Europa su tutti, “per un approccio comune nella risposta” a Mosca, alla quale si chiede un passo concreto per una de-escalation. Al momento gli Stati Uniti non hanno registrato alcun passo da parte della Russia per abbassare la tensione. "Continuiamo a vedere una significativa presenza di truppe russe al confine con l’Ucraina”, hanno sottolineato fonti del governo americano. E, nelle stesse ore in cui è stato annunciato il nuovo colloquio tra Biden e Putin, il segretario di Stato Usa Anthony Blinken ha telefonato al presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelensky per ribadire “l’appoggio” di Washington.

Il Cremlino risponde

Da parte sua, Putin potrebbe ribadire quanto già scritto nero su bianco nel documento sulle “proposte per la sicurezza” della Russia. È il ruolo della Nato, con la possibile adesione di Kiev, a essere in particolare nel mirino di Mosca, che reputa “inaccettabile” l’espansione a Est dell’Alleanza Atlantica e su questo vuole garanzie dagli Usa. Non è ancora chiaro se la nuova telefonata tra Putin e Biden sarà una videochiamata come è accaduto lo scorso 7 dicembre, quando i due leader si parlarono virtualmente ‘vis a vis’ per due ore.

E non è neanche chiaro se Biden porrà sul tavolo anche il tema dei diritti umani, sull’onda dell’indignazione che, nei principali Paesi dell’Occidente, ha innescato la chiusura del gruppo Memorial, considerata dallo stesso Blinken “un affronto” dopo la “repressione” sofferta nell’era sovietica. Il gruppo Memorial ha inoltrato un ricorso d’urgenza alla Corte europea dei diritti dell’uomo e il tribunale con sede a Strasburgo ha chiesto a Mosca di sospendere la chiusura almeno per il tempo necessario ad esaminare il caso. Ma il Cremlino, finora, non ha risposto mentre un tribunale di Mosca ha ordinato lo scioglimento del Centro per i Diritti Umani dell’Ong.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
colloqui cremlino ginevra joe biden memorial mosca ong russia sanzioni stati uniti
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved