putin-biden-un-dialogo-e-possibile
Uno sciamano con le foto di Biden e Putin (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
LIVE

L’Ucraina teme attacchi da parte della Bielorussia

Sui soldati del battaglione Azov il negoziatore russo chiarisce: ‘Nessuno scambio con l’oligarca Medvedchuk’. Segui il live de laRegione
Estero
1 ora

Anthony Albanese promette di riparare l’immagine dell’Australia

Il neoeletto primo ministro laburista vuole puntare sulla politica climatica. Su questo aspetto il Paese viene spesso considerato in ritardo.
Estero
1 ora

Vaiolo delle scimmie: 92 casi confermati in 12 Paesi

Lo segnala l’Organizzazione mondiale della sanità. Si tratta di zone dove la malattia non è endemica.
Confine
1 ora

Un carro attrezzi per rimuovere... solo le vetture straniere

L’obiettivo è costringere principalmente i ticinesi a pagare le multe per divieto di sosta. Lo propone Alessandro Rapinese, candidato a sindaco di Como.
Estero
2 ore

Dopo la strage a Buffalo gli afroamericani temono altri attacchi

Un sondaggio rivela che solo l’8% è rimasto sorpreso dall’accaduto. La maggior parte prevede un incremento del fenomeno razzista.
Estero
3 ore

Moto contro pedoni: due morti e un ferito in provincia Lecco

Deceduto il motociclista, che avrebbe perso il controllo della sua due ruote, e uno dei giovani travolti.
Estero
6 ore

Tempeste di sabbia, un rischio per la salute umana

Gli specialisti si attendono un aumento del fenomeno a causa del cambiamento climatico
Estero
6 ore

Cina e politica ‘zero covid’: l’atout è diventato un handicap

I continui confinamenti si ripercuotono sulla popolazione e l’economia. A risentire di questa strategia è anche l’immagine de presidente Xi Jinping.
Estero
6 ore

Ragni consegnati per posta: un mercato senza controllo

L’interesse per gli aracnidi è aumentato durante la pandemia. A causa del commercio illegale molte specie sono a rischio estinzione.
Estero
17 ore

Voli europei, tariffe quasi raddoppiate

Per quelli intercontinentali il rincaro supera il 35 per cento. Aumento dei prezzi anche per i traghetti.
speciale ucraina
19 ore

Zelensky: ‘Senza uno scambio di prigionieri nessun negoziato’

Sul fronte bellico l’acciaieria Azovstal è ora sotto il controllo russo. Segui il live de laRegione
30.12.2021 - 21:56

Putin-Biden: ‘Un dialogo è possibile’

Dall’Ucraina alla stabilità strategica, i due leader convinti di poter arrivare a un accordo a meno di due settimane dai colloqui Usa-Russia di Ginevra

Ansa, a cura de laRegione

“Il dialogo è possibile”, dall’Ucraina alla stabilità strategica: è la convinzione comune di Joe Biden e Vladimir Putin nella loro nuova telefonata, la seconda nel giro di un mese, questa volta su richiesta russa.

Un’apertura ribadita anche poche ore prima del colloquio da entrambe le parti, per alimentare una possibile atmosfera di disgelo in vista delle cruciali discussioni che dal 10 gennaio si apriranno a Ginevra in tre sedi diverse: i negoziati bilaterali Usa-Russia, seguiti dal consiglio Nato-Russia e dalla riunione Osce.

“Sono convinto che ... possiamo andare avanti e stabilire un dialogo russo-americano efficace basato sul rispetto reciproco e sulla considerazione degli interessi nazionali reciproci”, ha detto lo zar nel suo messaggio di auguri al presidente americano, ricordando il summit di giugno a Ginevra.

“La Russia ha messo le sue preoccupazioni sul tavolo e siamo pronti a discuterle, ci aspettiamo che anche Mosca sia preparata a discutere le nostre e quelle dei nostri alleati, sulla base della reciprocità”, ha spiegato in una conference call un alto dirigente della Casa Bianca anticipando le mossa di Biden.

La via diplomatica

Il commander in chief è pronto ad offrire una "via diplomatica" ma anche a rispondere in caso di ulteriore aggressione russa in Ucraina: sanzioni economiche e finanziarie “ben oltre” quelle del 2014 per l’annessione della Crimea, rafforzamento delle forze Nato in Europa, soprattutto sul fianco orientale, e ulteriore assistenza militare a Kiev. Tutte misure in stretto coordinamento con gli alleati, rispettando il principio “nothing about them without them” (nessuna decisione che li riguardi senza di loro).

Biden continua a restare “fortemente preoccupato” per l’ammassamento di forze e mezzi russi al confine con l’Ucraina e auspica che l’inizio del dialogo porti ad una de-escalation, con una riduzione delle truppe di Mosca e il loro ritorno alle caserme di partenza.


Biden e Putin il 16 giugno scorso a Ginevra (Keystone)

Gli Usa non hanno un documento né stanno lavorando a una bozza su cui discutere, come ha fatto il Cremlino, che vuole rinegoziare i trattati sull’equilibrio e l’architettura della sicurezza in Europa chiedendo garanzie contro l’allargamento della Nato ad est e la fine delle attività militari occidentali vicino alla frontiera russa, riproponendo la vecchia Urss come area off limits per l’Alleanza. Una posizione che riflette l’ambizione di Putin di mantenere la sua influenza su tutto l’ex territorio sovietico.

L’amministrazione Biden ha già fatto sapere che alcune richieste sono “inaccettabili” ma è evidente che il presidente americano, forte del suo pragmatismo, vede margini di manovra. Una intesa con Putin gli consentirebbe inoltre di concentrarsi sull’avversario numero uno, ossia la Cina. Al centro della telefonata quindi i temi dell’agenda che verrà sviscerata a Ginevra dalle due delegazioni, guidate dal vicesegretario di Stato Usa Wendy Sherman e dal viceministro degli Esteri russi Sergei Ryabkov. È naturale che molte questioni si intrecciano e quindi verranno trattate su più tavoli, a partire dall’Ucraina.

Nel frattempo il segretario di stato Antony Blinken continua a tessere la sua tela: mercoledì ha telefonato a Volodymyr Zelensky e ai colleghi francese, tedesco e inglese. Il presidente ucraino ha riferito di aver ricevuto nuovamente l’assicurazione di un “pieno sostegno americano” per “contrastare un eventuale attacco russo”.

Putin invece si è presentato all’appuntamento telefonico con Biden con un’ulteriore stretta contro l’opposizione interna: dopo la chiusura della storica ong Memorial, sono finiti nella lista degli “agenti stranieri” due componenti del gruppo di protesta Pussy Riot e un autore satirico di primo piano, Victor Shenderovich.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved