Yverdon-sport Fc
0
FC Stade Ls Ouchy
0
1. tempo
(0-0)
Aarau
Xamax
20:15
 
Langnau
Lugano
19:45
 
Ginevra
Zurigo
19:45
 
Friborgo
Bienne
19:45
 
Davos
Berna
19:45
 
Zugo
Ajoie
19:45
 
Visp
Turgovia
19:45
 
Olten
Zugo Academy
19:45
 
Kloten
La Chaux de Fonds
19:45
 
Ticino Rockets
Langenthal
20:00
 
Sierre
GCK Lions
20:00
 
la-corte-suprema-usa-verso-una-stretta-sull-aborto
Manifestazione anti-aborto a Washington (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
germania
33 sec

Ultradestra tedesca fuori controllo, lascia il leader

Con l’addio di Meuthen si tratta del terzo leader di Afd a mollare: ‘Parte del partito si muove fuori dai limiti della democrazia’
italia
1 ora

Morto l’ex brigatista Corrado Alunni

Aveva 75 anni, componente delle Br della prima ora, fu anche protagonista con Vallanzasca della maxievasione nel 1980 dal carcere di San Vittore
stati uniti
1 ora

Giudice cancella licenze petrolifere concesse da Biden

Ennesimo schiaffo al presidente: ‘Ignorati gli effetti sul riscaldamento globale’. L’area, nel Nuovo Messico, è di oltre 300mila chilometri quadrati
Estero
2 ore

Il Covid pesa sui conti del Vaticano, deficit da 33 milioni

Oltre alla pandemia, a condizionare le finanze della Santa Sede anche il calo costante, da anni, delle donazioni all’Obolo di San Pietro
italia
2 ore

Casellati bocciata al Quirinale

La candidata di Salvini ha ottenuto meno di 400 voti: il quorum è 505. La Lega a caccia dei franchi tiratori
Confine
4 ore

Nei due bar chiusi nel Comasco anche ’ndranghetisti dal Ticino

I due locali a Cirimido e Cadorago sono considerati basi logistiche della potentissima cosca Molè della piana di Gioia Tauro
CONFINE
4 ore

A processo per il furto delle ceneri del marito

I fatti sono stati scoperti il 31 gennaio dell’anno scorso nel cimitero di Monte Olimpino. La vedova nega ogni addebito.
Estero
7 ore

Italia, multata l’azienda che aveva chiesto foto in costume

La multa per l’annuncio di lavoro di una società di Napoli che cercava una receptionist è stata inflitta dall’Ispettorato nazionale del lavoro
Confine
8 ore

’Ndrangheta, chiusi due locali nel Comasco

Secondo quanto emerso dalle indagini, i due bar a Cirimido e a Cadorago, gestiti da incensurati, avrebbero ospitato incontri e vertici fra malavitosi
venti di guerra
11 ore

Tra Russia e Ucraina c’è il Generale Inverno

Mosca ha strategia e forza d’urto, ma deve stare attenta al meteo e ai soldati di Kiev, ben addestrati e ben armati. L’invasione? Se ci sarà, sarà da sud
Estero
11 ore

‘Invasione russa dell’Ucraina possibilità concreta a febbraio’

A dirlo il presidente Usa in una telefonata con l’omologo ucraino Zelensky
stati uniti
01.12.2021 - 19:510
Aggiornamento : 20:12

La Corte Suprema Usa verso una stretta sull’aborto

La maggioranza conservatrice pronta a porre nuovi limiti dopo 50 anni. Biden contrario: ‘Sono per la libertà di scelta’

a cura de laRegione

Si riaccende in America la battaglia per l’aborto. La Corte Suprema, a maggioranza conservatrice, sembra orientata a porre nuovi limiti ai diritti delle donne e a sostenere la legge dello Stato del Mississippi che vieta l’interruzione della gravidanza dopo 15 settimane. Mettendo così in discussione la storica sentenza ‘Roe v. Wade’ che nel 1973 legalizzò l’aborto nel Paese facendo da apripista per gran parte del resto del mondo. L’udienza nel corso della quale sono state ascoltate le argomentazioni delle parti, durata due ore, è stata seguita da una folla di centinaia e centinaia di persone radunatesi davanti alla sede della Corte, con un tifo da stadio che ha visto contrapporsi esponenti delle associazioni per la difesa dei diritti civili e attivisti pro-life.

Un clima teso che lascia presagire una nuova stagione di scontro sociale negli Stati Uniti. Un clima che è facile prevedere sarà esacerbato dalla prossima campagna elettorale per le elezioni politiche di metà mandato che si svolgeranno il prossimo novembre, con il pronunciamento dell’Alta Corte atteso non prima del giugno 2022.

L’ombra di Trump

Dentro il palazzo sembrerebbe prevalsa la linea dei giudici costituzionali di nomina repubblicana, tre dei quali scelti dall’ex presidente Donald Trump, mentre Joe Biden ha ribadito il suo fermo sostegno ai diritti delle donne acquisiti e consolidatisi nel corso dei decenni. Una posizione pro-aborto che di recente lo ha messo in rotta di collisione anche con i cattolici americani, pur incassando le parole di Papa Francesco secondo cui la comunione non va negata a chi si schiera per l’interruzione della gravidanza.


Deputate e senatrici pro-aborto durante una manifestazione (Keystone)

Ma il fronte dei conservatori in seno alla Corte Suprema non è un monolite, con i falchi Amy Coney Barrett, Clarence Thomas, Samuel Alito e Neil Gorsuch propensi a smantellare l’iconica sentenza del ’73 e i più moderati John Roberts e Brett Kavanaugh più prudenti, favorevoli a non andare oltre il via libera alla legge del Mississippi. Quest’ultima prevede il divieto di aborto oltre le 15 settimane anche in caso di stupro e incesto. Più restrittivo è solo il bando varato dal Texas, che vieta l’aborto dopo sei settimane, al primo battito del feto. “Negli ultimi 50 anni la marcia del progresso nei posti di lavoro rende ormai i diritti sull’aborto non necessari, superflui, visto che oggi per le donne è molto più facile combinare famiglia e lavoro, vita professionale e vita privata”, la tesi portata davanti alla Corte dai rappresentanti legali del Mississippi, secondo i quali va anche considerato come “i progressi scientifici rendano oramai possibile che un feto sopravviva fuori dal grembo materno molto prima”.

Tempi lunghi

Per i sostenitori della stretta, infine, devono essere i singoli Stati Usa a decidere su materie come questa, e non dei giudici costituzionali che non sono eletti e, dunque, non rappresentano la volontà del popolo. Una tesi sostenuta anche dall’ex vicepresidente Mike Pence, che è tornato a definire la Roe v. Wade “una sentenza sbagliata che ha colpito milioni di bambini mai nati”. Durissimo l’intervento della giudice di nomina democratica Sonia Sotomayor, che ha puntato il dito contro chi vuole politicizzare e ridurre solo a una dimensione legata alla fede religiosa un tema come l’aborto, a danno di milioni di donne e del loro diritto di scegliere, soprattutto all’interno delle fasce e delle comunità più disagiate della popolazione.

Ora i saggi della Corte si riuniranno nei prossimi giorni in forma privata per esprimere un voto preliminare da cui scaturiranno un’opinione maggioritaria e le dichiarazioni sui distinguo e di dissenso. Ma la decisione finale non dovrebbe arrivare prima del giugno-luglio del 2022.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved