il-figlio-di-gheddafi-si-candida-alle-presidenziali-in-libia
Keystone
14.11.2021 - 13:160
Aggiornamento : 14:12

Il figlio di Gheddafi si candida alle presidenziali in Libia

Saif Al-Islam ha presentato ufficialmente la propria candidatura per le elezioni che si terranno il 24 dicembre. A renderlo noto il The Libya Observer

Saif Al-Islam, il secondogenito di Gheddafi, ha annunciato la sua candidatura alle presidenziali in Libia. Lo ha reso noto il The Libya Observer su Twitter.

Secondo il giornale, Saif Al-Islam Gheddafi ha presentato ufficialmente per le elezioni del 24 dicembre la candidatura all’ufficio dell’Alta Commissione elettorale nazionale libica di Sabha. Il sito Al Marsad, su Twitter, ha pubblicato le immagini di Saif Al-Islam Gheddafi che presenta i documenti per la candidatura.

Saif, il cui nome significa “spada dell’Islam”, è il secondo degli otto figli di Gheddafi e primogenito della sua seconda moglie Safiya. Allo scoppio della guerra civile libica del 2011 si era schierato col padre diventando uno dei due portavoce ufficiale del governo.

Nonostante una richiesta della Corte penale internazionale di processarlo per crimini contro l’umanità e la sanguinosa repressione delle proteste, fu detenuto ma anche protetto a Zintan da milizie libiche che lo avevano catturato: un processo in contumacia celebrato a Tripoli, apertosi nell’aprile 2014, si concluse il 28 luglio dell’anno dopo con una condanna alla pena di morte per genocidio.

Il 5 luglio 2016 Saif fu scarcerato dalle autorità di Zintan in forza di un’amnistia varata nel 2015 dal governo di Tobruk (quello controllato dal generale Khalifa Haftar), e da allora ha vissuto da uomo libero in una località segreta libica, forse sul confine con l’Egitto.

Già nel luglio scorso, nella sua prima intervista con un giornale straniero in un decennio, Saif Al-Islam aveva dichiarato al New York Times che stava organizzando un ritorno politico per candidarsi alla presidenza. Secondo una stima accreditata da Al Arabiya i “gheddafiani” sarebbero ancora il 50-70% dei libici.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved