01.11.2021 - 12:49
Aggiornamento: 14:16

Cop26, Paesi poveri delusi dal G20: ‘Nessun piano concreto’

Secondo questi Stati, la prospettiva di limitare il riscaldamento globale a 1,5 gradi sopra i livelli preindustriali si sta allontanando

cop26-paesi-poveri-delusi-dal-g20-nessun-piano-concreto
Keystone

Delusi dai risultati del G20 in tema di impegni sul clima, i leader dei Paesi poveri, che rappresentano oltre un miliardo di persone, sperano ora nella Cop26 di Glasgow. “Siamo estremamente preoccupati”, hanno dichiarato al Guardian, sottolineando di aver sperato di più dal vertice del G20 a Roma e affermando che la prospettiva di limitare il riscaldamento globale a 1,5 gradi sopra i livelli preindustriali, una soglia vitale che gli scienziati definiscono un “confine planetario”, si sta allontanando.

“Da quello che ho visto sembra che supereremo gli 1,5 gradi. Siamo molto preoccupati per questo. Per noi è una questione di sopravvivenza”, ha dichiarato Gaston Browne, primo ministro di Antigua e Barbuda e presidente dell’Alleanza dei piccoli Stati insulari, che rappresenta 39 Paesi, dando la colpa all’influenza dei potenti interessi di “aziende e lobby multinazionali molto potenti... che beneficiano dei sussidi ai combustibili fossili”.

Secondo i Paesi poveri, non sono accompagnate da piani chiari le promesse del G20 di raggiungere zero emissioni entro la metà del secolo e agire in questo decennio per limitare il riscaldamento globale a 1,5 gradi. L’esortazione ai leader del G20 presenti a Glasgow per due giorni di colloqui con più di altri 100 capi di Stato, che saranno seguiti da quasi due settimane di colloqui tra alti funzionari, è di elaborare piani più ambiziosi per ridurre le emissioni di gas serra. “Sono estremamente preoccupato, ma nonostante la delusione sono ancora fiducioso”, ha detto ancora Browne.

“I progressi non sono sicuramente sufficienti fino a ora. Siamo molto lontani da un percorso di 1,5 gradi. Abbiamo bisogno di loro (dei Paesi ricchi, ndr) per aumentare il livello dell’asticella. Abbiamo fatto la nostra parte e abbiamo contribuito meno al problema”, ha detto a sua volta Sonam Wangdi, presidente del gruppo dei Paesi meno sviluppati, che rappresenta più di un miliardo di persone a livello globale.

Tra l’altro a un livello di riscaldamento che supera 1,5 gradi, ha ricordato Browne, molte piccole isole subiscono inondazioni dovute all’innalzamento del livello del mare, ma anche i Paesi sviluppati sono a rischio in quanto “molti di loro hanno anche zone costiere”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved