israele-sfida-gli-usa-con-3-100-nuove-case-in-cisgiordania
Keystone
Il ministro della difesa israeliano Benny Gantz
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
7 ore

Fermata di nuovo la giornalista russa col cartello ‘No War’

Marina Ovsyannikova era apparsa in tv durante un tg inneggiando alla pace: ora rischia fino a dieci anni di carcere
alpi
8 ore

Persi 200 ghiacciai, lo zero termico a 5mila metri

La temperatura registrata in Svizzera, a luglio, all’altezza di 5’184 metri. ‘Un dato senza precedenti’
Estero
8 ore

‘È in ritardo’, torna indietro la prima nave ucraina con il mais

Partita da Odessa per il Libano, l’acquirente non ha voluto farla attraccare e si è infine diretta verso la Turchia
pacifico
8 ore

La Cina chiude le manovre a Taiwan, ma la tensione resta alta

Pechino ha ribadito il proposito di prendere il controllo dell’isola anche con la forza, se necessario. Per Taipei non ci sarà alcuna riunificazione
la guerra in ucraina
8 ore

Kiev, a Zaporizhzhia il rischio di una nuova Fukushima

‘I russi danneggiano la centrale’. Zelensky azzarda: ‘Libereremo la Crimea’
Estero
9 ore

Trump interrogato sul fisco a New York: ‘Non rispondo’

L’ex presidente invoca il quinto emendamento e attacca la procuratrice afroamericana James, accusata di essere ‘razzista’
Estero
10 ore

Naufragio nell’Egeo, sono 50 i profughi dispersi in mare

Sulla barca salpata dalla Turchia, diretta in Italia, c’erano circa 80 persone. Intanto gli sbarchi sulle coste italiane entrano nella campagna elettorale
italia
10 ore

Niente calcio in piazza, arriva la protesta dello smartphone

A Melendugno, nel Salento, bambini incollati al cellulare per contestare la decisione di vietare i giochi col pallone nel centro abitato
Estero
10 ore

Rinuncia all’eredità di 4 miliardi: ‘Potrei non essere felice’

Marlene Engelhorn, discendente del fondatore del colosso Basf: sua nonna è al 687º posto nella classifica dei più ricchi del mondo stilata da Forbes
27.10.2021 - 20:29
Aggiornamento: 20:48

Israele sfida gli Usa con 3’100 nuove case in Cisgiordania

Anche la sinistra nel Paese è contraria. Dal presidnete dell’Anp Abu Mazen ‘condanna e rifiuto totale’.

Tel Aviv – In un’aperta sfida agli Usa e ai palestinesi, Israele ha approvato oggi oltre 3’100 case negli insediamenti ebraici in Cisgiordania. Di queste, per 1’800 il varo è immediato mentre per altre 1’344 si dovranno attendere i prossimi giorni. La mossa, la prima dell’era Biden e nell’aria da tempo, ha provocato anche l’immediata reazione della presidenza di Abu Mazen che ha espresso “un rifiuto totale ed una condanna“ di misure “unilaterali che distruggeranno quanto resta della soluzione dei Due Stati". È - ha proseguito chiedendo una reazione da Washington - "una sfida al Consiglio di sicurezza ed un messaggio di disprezzo verso gli sforzi dell’amministrazione Usa”.

Anche la sinistra del composito schieramento di governo di Naftali Bennett è andata all’attacco del ministro della difesa Benny Gantz (Blu Bianco) da cui dipende la Commissione edilizia nazionale. Una maggioranza, già in difficoltà sullo scoglio della finanziaria, che nei giorni scorsi si è divisa sulla mossa di Gantz di mettere fuori legge 6 ong palestinesi accusate di essere il “braccio” del Fronte popolare liberazione della Palestina (Fplp), illegale in Israele ma anche negli Usa e nella Ue. Una scelta tuttavia criticata sia a Washington sia a Bruxelles.

‘Inaccettabili’ per il segretario di Stato Usa

Ora l’approvazione delle nuove case rischia di mettere un bastone pesante nei rapporti con l’amministrazione di Joe Biden. I media hanno riferito di una conversazione telefonica piuttosto “tesa” tra il segretario di stato Usa Antony Blinken e Gantz prima del via alle decisioni di oggi con il primo che le ha definite “inaccettabili” come numero e come collocazione geografica. Gantz avrebbe replicato di aver tentato di ridurre il numero e che in futuro avrebbe tenuto conto delle osservazioni della amministrazione Usa. Sul piatto della bilancia avrebbe poi messo la prossima approvazione di Israele di 1’300 case (bloccate da tempo) per i Palestinesi dell’Area C della Cisgiordania, quella, in base agli Accordi di Oslo, sotto pieno controllo dello stato ebraico. Che questo basti a placare Biden, lo si potrà capire nelle prossime settimane.

Non ha invece attutito le proteste della sinistra di governo dirette contro Gantz. “Chiunque irresponsabilmente annunci dichiarazioni politiche con implicazioni internazionali, senza coordinamento e senza alcuna preparazione, chiunque approvi la costruzione di 3’000 case in Cisgiordania, non è sicuramente Rabin”, hanno sostenuto su twitter i Laburisti riferendosi al fatto che Gantz abbia detto in passato di voler seguire la politica di pace dell’ex premier Yitzhak Rabin. Il deputato del Meretz Mossi Raz si è augurato che Gantz si "mostri responsabile e fermi sia le costruzioni sia questa serie di decisioni populiste che danneggiano il governo e lo Stato di Israele”. Da destra invece Yossi Dagan, leader degli insediamenti ebraici nella Samaria (Cisgiordania settentrionale), ha denunciato che le nuove case "sono troppo poche e in ritardo”.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
benny gantz cisgiordania insediamenti israele stati uniti
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved