joe-biden-all-onu-no-a-una-nuova-guerra-fredda
Joe Biden all’Onu (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
25 min

L’Estonia finisce nel mirino degli hacker

Massiccio cyber attacco a siti pubblici e privati nella giornata di ieri. Il più imponente degli ultimi 15 anni
Estero
1 ora

Addio a Ghedini, l’amico e storico avvocato di Berlusconi

Aveva 62 anni. Sua l’espressione ‘utilizzatore finale e quindi mai penalmente punibile’ in difesa del Cavaliere nei processi sui rapporti con le escort
Nuova Zelanda
4 ore

Dalle valigie all’asta spuntano i resti di due bambini

Macabro ritrovamento in Nuova Zelanda. Le vittime avevano probabilmente un’età compresa tra i 5 e i 10 anni
la guerra in ucraina
13 ore

Trovato morto a Washington banchiere anti-Putin

Dan Rapoport, lettone con forti legami a Kiev, era molto legato a Navalny e si era schierato apertamente contro il Cremlino
Estero
14 ore

Fiamme a Pantelleria, evacuate ville dei vip

Il rogo sta divorando ettari di vegetazione e minacciando diverse abitazioni. Scarsi i mezzi a disposizione dei soccorritori impegnati nello spegnimento
Estero
16 ore

Fanno surf a Venezia: multati per 1’500 euro ciascuno

Protagonisti della bravata due giovani turisti stranieri. Ripresi dalle telecamere sono stati fermati nel giro di poche ore
Estero
16 ore

Esplosione in una moschea a Kabul, decine di vittime

In Afghanistan i talebani non riescono a garantire la sicurezza della popolazione. I morti sarebbero,al momento, almeno 20
Stati Uniti
17 ore

‘Ho aggredito Rushdie perché ha attaccato l’Islam’

Parla l’assalitore. Che nega di essere stato in contatto con i pasdaran iraniani. ‘Ispirato dai video dello scrittore su Youtube’
Spagna
18 ore

Spagna, si rovescia un trenino turistico: undici feriti

L’incidente si è verificato a Maiorca. Tra le persone contuse anche quattro minori. Di cui uno in gravi condizioni
Spagna
18 ore

Oltre 21mila ettari di bosco arsi dalle fiamme in Spagna

Due grossi incendi stanno devastando le località di Bejís e la Valle d’Ebo, nell’Est della Spagna. Tremila le persone sfollate
Estero
19 ore

Covid, quindicimila decessi in una settimana

Per il direttore dell’Oms Tedros Ghebreyesus, una ‘situazione inaccettabile ora che abbiamo gli strumenti per prevenire le infezioni’
Italia
20 ore

Secca del Po, ‘il peggio è passato, ma ora si deve agire’

Lo afferma Alessandro Bratti, segretario generale dell’Autorità distrettuale del Fiume Po: ‘Interventi strutturali non più procrastinabili’
21.09.2021 - 22:34
Aggiornamento: 22:52
Ansa, a cura de laRegione

Joe Biden all’Onu: ‘No a una nuova Guerra fredda’

‘Sì a competizione con la Cina, ma non conflitto’. Mano tesa all’Europa dopo il caso dei sottomarini nucleari

Joe Biden vuole aprire “una nuova era di incessante diplomazia" e “di pace” nel mondo dopo il ritiro dall’Afghanistan e assicura che l’America non cerca “una nuova guerra fredda” con la Cina, anche se resta il monito a Pechino a non aggredire i Paesi vicini e a non violare i diritti umani come fa con gli Uiguri. E’ il suo messaggio nel debutto come presidente all’assemblea generale dell’Onu, "il primo in 20 anni senza guerre aperte”.

Ad ascoltarlo una platea per la prima volta in presenza dopo l’inizio della pandemia, anche se a delegazioni ristrette, con l’apparizione di leader come Jair Bolsonaro e Recep Tayyip Erdogan e l’esordio del nuovo presidente iraniano Ebrahim Raisi. Un intervento di 34 minuti, lontanissimo dai toni minacciosi di Donald Trump, nel quale ha cercato di rilanciare la leadership americana nel mondo ma con la cooperazione di tutti i Paesi che perseguono fini pacifici, invitando a lavorare insieme per affrontare le sfide più urgenti di questo “decennio decisivo”, come la pandemia, il cambiamento climatico, i diritti umani ma anche i cyber attacchi.

Gli echi dell’Aukus

In una visione multilateralista in cui ha posto l’accento sull’importanza delle alleanze. A partire da quella “fondamentale" con l’Ue, messa a dura prova prima dal caotico ritiro da Kabul e poi dal nuovo patto di sicurezza Usa-Australia-Gran Bretagna nell’Indo-Pacifico, con la conseguente crisi dei sommergibili e il “sostegno solidale” dei Paesi europei alla Francia dopo la ministeriale Esteri di lunedì a New York. "Continueremo a difenderci dal terrorismo e a usare la forza se necessario, ma come ultima risorsa, e lo dobbiamo fare con il consenso degli americani e in concertazione con i nostri alleati e i nostri partner”, ha chiarito, invocando il ricorso alle istituzioni multilaterali per affrontare le sfide globali, comprese quelle nell’area Indo-Pacifica.

“Non vogliamo una nuova guerra fredda, o un mondo diviso in blocchi rigidi“, ha poi assicurato Biden senza mai nominare Pechino. Ma, ha avvisato, "gli Stati Uniti vogliono partecipare alla competizione e parteciparvi con forza”. Competizione, quindi, non conflitto. "Con i nostri valori e la nostra forza difenderemo la democrazia, i nostri alleati e i nostri amici, e ci opporremo ai tentativi dei Paesi più forti di dominare i più deboli”, ha messo in guardia le autocrazie, prima che il presidente cinese Xi Jinping intervenisse con un videomessaggio in una sorta di duello a distanza.

Le preoccupazioni di Guterres

A suonare il campanello d’allarme era stato in apertura il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres, che ha lanciato un appello a Washington e Pechino al “dialogo“ e alla “comprensione” per evitare una degenerazione delle crisi mondiali che sarebbe “molto meno prevedibile della guerra fredda”. “Il mondo non è mai stato più minacciato o più diviso, siamo sull’orlo di un abisso e ci muoviamo nella direzione sbagliata”, ha ammonito Guterres evocando un pianeta che si muove "verso due insiemi differenti di regole economiche, commerciali, finanziarie e tecnologiche, due approcci divergenti nello sviluppo dell’intelligenza artificiale e alla fine due strategie militari e geopolitiche diverse”. "Una ricetta per i guai”, ha avvertito il capo dell’Onu, prima di elencare le crisi aperte, come la pandemia, il riscaldamento climatico, gli sconvolgimenti dall’Afghanistan all’Etiopia allo Yemen, l’ondata di sfiducia e disinformazione.

Biden ha cercato di ribadire che "l’America è tornata" sul fronte internazionale, promettendo nuovi aiuti per affrontare le principali emergenze: ulteriori impegni (vaccinali) nella lotta al virus, che saranno annunciati mercoledì nel vertice alla Casa Bianca, il raddoppio del contributo Usa per arrivare ai 100 miliardi di dollari promessi dai Paesi sviluppati a quelli più vulnerabili nella lotta al climate change, e un impegno di 10 miliardi di dollari contro la fame nel mondo. Il presidente non ha dimenticato due dossier delicati come il nucleare iraniano e il conflitto israelo-palestinese, ribadendo che gli Usa sono pronti a rientrare nell’accordo sul nucleare “se Teheran farà altrettanto” e che la “soluzione migliore” in Medio Oriente resta quella dei due Stati.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
cina guerra fredda joe biden new york onu stati uniti
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved