joe-biden-all-onu-no-a-una-nuova-guerra-fredda
Joe Biden all’Onu (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
15 min

Germania, scappò dal processo, oggi in aula ex segretaria Nazi

Irmgard Furchner, 96 anni, è imputata per complicità nel massacro di 11mila persone nel lager di Stutthof. La sua fuga il 30 settembre era durata 5 ore
Confine
3 ore

Oltre 256’000 euro non dichiarati intercettati in dogana

È il totale delle tredici operazioni di controllo contro il traffico transfrontaliero di valuta svolte al valico di Ponte Chiasso nelle ultime settimane
germania
12 ore

Axel Springer licenzia il direttore della Bild

La decisione a seguito di “ricerche sul comportamento” di Reichelt, che non avrebbe “separato in modo chiaro la sfera professionale e quella privata”
Estero
13 ore

Ungheria, un outsider per sfidare Orban

Peter Marki-Zay guiderà il fronte unito delle opposizioni al voto 2022: ‘Ringrazio gli elettori, ora sfidiamo il regime’
Estero
16 ore

Ballottaggi in Italia, il Pd conquista anche Roma e Torino

In mano al centrosinistra tutti i capoluoghi di regione. Trieste unica eccezione. Letta: vittoria trionfale
Estero
16 ore

Russia e Nato ai ferri corti, Mosca rompe le relazioni

Mosca ‘sospende’ il lavoro della sua missione permanente alla Nato come rappresaglia per l’espulsione di otto funzionari accusati di spionaggio
Confine
17 ore

A Varese riconfermato il sindaco di centrosinistra

Al ballottaggio passa Davide Galimberti. Sconfitti il candidato del centrodestra e la Lega di Salvini
Estero
18 ore

Morto di Covid Colin Powell, ex segretario di Stato di Bush

L’84enne fu il primo afroamericano a ricoprire il ruolo di capo di Stato maggiore prima di divenire segretario di Stato sotto George W. Bush
Confine
19 ore

Una pista ciclabile di 5 km lungo il Ceresio più selvaggio

Risorge il progetto di cui si parla da 25 anni da Osteno a Santa Margherita di Valsolda dopo il via libera al finanziamento degli enti preposti
Estero
19 ore

Comunali in Italia, il centrosinistra avanti a Roma e Torino

Gli exit poll danno in vantaggio Gualtieri nella capitale e Lo Russo sotto la Mole. Trieste in bilico
Estero
20 ore

È morto Angelo Licheri, cercò di salvare Alfredino nel pozzo

Licheri si offrì volontario e si fece calare a testa in giù per 45 minuti nel pozzo in cui era caduto il bambino di Vermicino, ma senza successo
Estero
20 ore

Escort a Berlusconi, per Tarantini 2 anni e 10 mesi definitivi

La Corte di Cassazione ha confermato la condanna all’imprenditore pugliese per aver portato escort nelle residenze dell’ex premier fra il 2008 e il 2009
Estero
21.09.2021 - 22:340
Aggiornamento : 22:52

Joe Biden all’Onu: ‘No a una nuova Guerra fredda’

‘Sì a competizione con la Cina, ma non conflitto’. Mano tesa all’Europa dopo il caso dei sottomarini nucleari

Joe Biden vuole aprire “una nuova era di incessante diplomazia" e “di pace” nel mondo dopo il ritiro dall’Afghanistan e assicura che l’America non cerca “una nuova guerra fredda” con la Cina, anche se resta il monito a Pechino a non aggredire i Paesi vicini e a non violare i diritti umani come fa con gli Uiguri. E’ il suo messaggio nel debutto come presidente all’assemblea generale dell’Onu, "il primo in 20 anni senza guerre aperte”.

Ad ascoltarlo una platea per la prima volta in presenza dopo l’inizio della pandemia, anche se a delegazioni ristrette, con l’apparizione di leader come Jair Bolsonaro e Recep Tayyip Erdogan e l’esordio del nuovo presidente iraniano Ebrahim Raisi. Un intervento di 34 minuti, lontanissimo dai toni minacciosi di Donald Trump, nel quale ha cercato di rilanciare la leadership americana nel mondo ma con la cooperazione di tutti i Paesi che perseguono fini pacifici, invitando a lavorare insieme per affrontare le sfide più urgenti di questo “decennio decisivo”, come la pandemia, il cambiamento climatico, i diritti umani ma anche i cyber attacchi.

Gli echi dell’Aukus

In una visione multilateralista in cui ha posto l’accento sull’importanza delle alleanze. A partire da quella “fondamentale" con l’Ue, messa a dura prova prima dal caotico ritiro da Kabul e poi dal nuovo patto di sicurezza Usa-Australia-Gran Bretagna nell’Indo-Pacifico, con la conseguente crisi dei sommergibili e il “sostegno solidale” dei Paesi europei alla Francia dopo la ministeriale Esteri di lunedì a New York. "Continueremo a difenderci dal terrorismo e a usare la forza se necessario, ma come ultima risorsa, e lo dobbiamo fare con il consenso degli americani e in concertazione con i nostri alleati e i nostri partner”, ha chiarito, invocando il ricorso alle istituzioni multilaterali per affrontare le sfide globali, comprese quelle nell’area Indo-Pacifica.

“Non vogliamo una nuova guerra fredda, o un mondo diviso in blocchi rigidi“, ha poi assicurato Biden senza mai nominare Pechino. Ma, ha avvisato, "gli Stati Uniti vogliono partecipare alla competizione e parteciparvi con forza”. Competizione, quindi, non conflitto. "Con i nostri valori e la nostra forza difenderemo la democrazia, i nostri alleati e i nostri amici, e ci opporremo ai tentativi dei Paesi più forti di dominare i più deboli”, ha messo in guardia le autocrazie, prima che il presidente cinese Xi Jinping intervenisse con un videomessaggio in una sorta di duello a distanza.

Le preoccupazioni di Guterres

A suonare il campanello d’allarme era stato in apertura il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres, che ha lanciato un appello a Washington e Pechino al “dialogo“ e alla “comprensione” per evitare una degenerazione delle crisi mondiali che sarebbe “molto meno prevedibile della guerra fredda”. “Il mondo non è mai stato più minacciato o più diviso, siamo sull’orlo di un abisso e ci muoviamo nella direzione sbagliata”, ha ammonito Guterres evocando un pianeta che si muove "verso due insiemi differenti di regole economiche, commerciali, finanziarie e tecnologiche, due approcci divergenti nello sviluppo dell’intelligenza artificiale e alla fine due strategie militari e geopolitiche diverse”. "Una ricetta per i guai”, ha avvertito il capo dell’Onu, prima di elencare le crisi aperte, come la pandemia, il riscaldamento climatico, gli sconvolgimenti dall’Afghanistan all’Etiopia allo Yemen, l’ondata di sfiducia e disinformazione.

Biden ha cercato di ribadire che "l’America è tornata" sul fronte internazionale, promettendo nuovi aiuti per affrontare le principali emergenze: ulteriori impegni (vaccinali) nella lotta al virus, che saranno annunciati mercoledì nel vertice alla Casa Bianca, il raddoppio del contributo Usa per arrivare ai 100 miliardi di dollari promessi dai Paesi sviluppati a quelli più vulnerabili nella lotta al climate change, e un impegno di 10 miliardi di dollari contro la fame nel mondo. Il presidente non ha dimenticato due dossier delicati come il nucleare iraniano e il conflitto israelo-palestinese, ribadendo che gli Usa sono pronti a rientrare nell’accordo sul nucleare “se Teheran farà altrettanto” e che la “soluzione migliore” in Medio Oriente resta quella dei due Stati.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved