ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
50 min

Bosnia: il secessionista Dodik in vantaggio

Dopo lo spoglio di circa la metà delle schede elettorali, sono in vantaggio il bosgnacco musulmano Becirovic, la serba Cvijanovic e il croato Komsic
Estero
1 ora

In Bulgaria vincono i conservatori ma il governo è un rebus

il partito Gerb dell’ex premier Boyko Borissov viene dato in chiaro vantaggio nelle elezioni parlamentari anticipate svoltesi oggi, le quarte in due anni
Estero
3 ore

Il ritorno delle bandiere ucraine nel Donbass

Kiev si riprende Lyman, snodo strategico nel Donetsk. La Nato avverte Putin: ‘Reazione dura se userà il nucleare’
Estero
3 ore

Brasile al voto: Lula si riprende la scena ma il Paese è diviso

Nonostante la campagna più polarizzata nella storia del colosso verde-oro, l‘ex sindacalista è convinto che sarà ’facile ristabilire pace e democrazia’
Confine
3 ore

La Lombardia vista come ‘capitale italiana della ’ndrangheta’

È quanto emerge dalla relazione dalla Direzione investigativa antimafia inoltrata in questi giorni al Parlamento
Confine
6 ore

Valmorea, centinaia di persone al tributo per don Renzo Scapolo

Sabato pomeriggio si è celebrata l’intitolazione del ‘Parco dell’accoglienza’ dedicato all’ex parroco di Caversaccio tra ritratti e testimonianze
Estero
6 ore

Re Carlo non parteciperà alla conferenza sul clima

Nonostante negli anni passati vi abbia partecipato, quest’anno il sire non presenzierà all’incontro seguendo il consiglio della premier Truss
Italia
7 ore

Curato grazie a Maradona, nei guai per spaccio

Per l’ex bimbo di Acerra salvato (e curato in Svizzera) dal Pibe de Oro sono scattati gli arresti domiciliari e la revoca del reddito di cittadinanza
Iran
9 ore

Caso Mahsa Amini: da inizio proteste morte almeno 92 persone

L’Ong Iran Human Rights ha accusato le forze di sicurezza di aver ‘represso in modo sanguinario’ le rivolte
22.10.2021 - 17:45
Aggiornamento: 18:19

Joe Biden alla Cina: ‘Se invadete Taiwan la difenderemo’

La Casa Bianca poi corregge il tiro: nessun cambiamento nella politica estera Usa. Ma Pechino si arrabbia comunque: ‘Segnali sbagliati’

joe-biden-alla-cina-se-invadete-taiwan-la-difenderemo
Keystone
Il presidente americano usa parole forti, la Casa Bianca corregge il tiro

Washington – Joe Biden lo va ripetendo ad ogni occasione: gli Stati Uniti non vogliono una nuova Guerra Fredda con la Cina. Ma la temperatura nei rapporti tra Washington e Pechino si fa sempre più gelida ogni giorno che passa, mettendo a rischio anche il summit virtuale tra l’inquilino della Casa Bianca e Xi Jinping, previsto entro la fine dell’anno. Nelle ultime ore a far tornare alle stelle la tensione tra le due superpotenze è ancora una volta la questione Taiwan: “Se sarà invasa la difenderemo”, ha promesso a chiare lettere Biden, parlando nel corso di un dibattito televisivo e provocando la reazione stizzita della leadership cinese. “Bisogna evitare di inviare segnali sbagliati. Su Taiwan non c’è spazio per alcun compromesso”, avvertono da Pechino.

Le parole del presidente americano, che mettono in discussione il principio di ‘una sola Cina’, acquistano più peso perché arrivano il giorno dopo quelle del neoambasciatore Usa Nicholas Burns, che in Congresso aveva definito la politica estera portata avanti dal Paese del Dragone “prepotente e aggressiva”. Non solo per le pressioni sempre più forti su Taipei, ma anche per le mire espansionistiche nel Pacifico e nel Sudest asiatico.

La Casa Bianca getta acqua sul fuoco

“Abbiamo preso un impegno preciso, per noi sacro – ha affermato Biden nel town hall organizzato dalla Cnn – ed è quello di difendere tutti gli alleati della Nato in Canada e in Europa. E questo vale anche per alleati come il Giappone, la Corea del Sud e Taiwan”. Subito dopo, però, la Casa Bianca si è affrettata a gettare acqua sul fuoco, e a specificare che nella politica estera statunitense non è previsto alcun cambiamento: si va dunque avanti con quella linea, definita “strategia dell’ambiguità”, finora seguita da Washington sulla questione Taiwan. Nel rispetto della legge (il Taiwan Relations Act) che prevede di sostenere gli sforzi di autodifesa dell’isola. Non a caso qualche settimana fa si è scoperto che uomini delle forze speciali Usa e dei marines sono da tempo a Taiwan per addestrare ed equipaggiare le forze locali.

Da Pechino comunque il portavoce del Ministero degli esteri Wang Wenbin fa trapelare come le bordate che arrivano dagli Usa non fanno altro che irrigidire la linea intransigente di Xi: “La Cina difenderà la propria sovranità nazionale e la propria integrità territoriale con tutte le misure adeguate e necessarie”, ha avvertito, lanciando un chiaro segnale non solo agli Stati Uniti ma a tutti quei Paesi che intendono stabilire o sviluppare rapporti diplomatici con Taiwan. Questo anche in vista della visita del ministro degli esteri taiwanese, Joseph Wu, che la prossima settimana sarà nella Repubblica Ceca e in Slovacchia. Intanto dal quartier generale della Nato arriva l’appello del segretario generale Jens Stoltenberg a ridurre le tensioni e a risolvere le controversie come quella di Taiwan con mezzi politici e diplomatici.

La preoccupazione è tanta, ma non è certo la prima volta che un presidente americano minaccia di intervenire nel caso di un’aggressione cinese a Taiwan. Lo fece anche George W. Bush nel 2001, anche se oggi il clima è molto più rovente di allora, col ministro della difesa di Taipei, Chiu Kuo-cheng, che denuncia una tensione nello stretto di Taiwan mai così alta da 40 anni a questa parte.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved