afghanistan-l-unicef-parla-di-300-000-bambini-sfollati
In pericolo ci sono i più piccoli
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
9 ore

Gli hacker russi ‘dichiarano guerra’ a dieci Paesi ‘russofobi’

Il collettivo filorusso Killnet ha iniziato con l’attacco al sito della polizia italiana. Nel mirino anche Usa, Germania, Regno Unito e gli Stati baltici
Francia
10 ore

Francia, Elisabeth Borne è la prima donna premier dopo 30 anni

La ministra del Lavoro è stata nominata oggi dal presidente Macron. Succede a Jean Castex appena dimessosi
Stati Uniti
11 ore

Il killer di Buffalo ha risparmiato un cliente bianco scusandosi

La scena è stata immortalata nel video pubblicato su Twitch (poi rimosso) da Payton Gendron, il 18enne suprematista autore della strage a sfondo razziale
Confine
11 ore

Como, investimenti per 44 milioni nel teleriscaldamento

L’investimento verrà effettuato da Varese Risorse. I consumi energetici verranno ridotti del 38,7% e le emissioni di anidride carbonica del 32,5%
Estero
11 ore

Francia, si è dimesso il premier Castex, pronta Elisabeth Borne

Pochi dubbi sull’imminente nomina a primo ministro dell’attuale ministra del Lavoro, che sarebbe la prima donna in carica dopo 30 anni
Estero
12 ore

Crisi Covid in Corea del Nord, Kim Jong-Un mobilita l’Esercito

Il leader nordcoreano ha contestato la reazione del suo gabinetto e ordinato la mobilitazione di medici ed attrezzature sanitarie dell’Esercito popolare
Estero
12 ore

Abusi in coppia su 13enne, condannata attrice di Doctor Strange

Zara Phythian e il marito Vitkor Marke sono stati condannati a 8 e 14 anni di carcere per aver abusato di una ragazza adolescente
Estero
13 ore

La Svezia farà richiesta di adesione alla Nato

Lo ha comunicato la premier Magdalena Andersson. Quasi tutti i partiti svedesi hanno dato il loro appoggio. Contrari Sinistra e Verdi
Estero
15 ore

Somalia, partner internazionali salutano il nuovo presidente

L’elezione di ieri di Hassan Sheickh Mohamud è avvenuta dopo mesi di instabilità politica e attacchi di matrice jihadista, a cui si aggiunge la siccità
29.08.2021 - 11:48

Afghanistan: l'Unicef parla di 300'000 bambini sfollati

L'organizzazione umanitaria lancia un appello ai donatori invitati ad aumentare il loro sostegno alle famiglie e ai più piccoli vulnerabili

di Ats/Ansa

"Non possiamo abbandonare i bambini dell'Afghanistan nel momento del bisogno": è l'appello del direttore regionale dell'Unicef George Laryea-Adjei. L'organizzazione umanitaria stima che sono 300'000 i bambini costretti a lasciare le loro case, in alcuni casi mentre dormivano, in seguito all'arrivo dei talebani e alla corsa a lasciare il paese. Un milione di bambini sotto i cinque anni soffrirà di malnutrizione grave, pericolosa per la vita. Oltre quattro milioni di bambini, tra cui 2,2 milioni di ragazzine, sono fuori dalla scuola. "Stanno lottando con ansie e paure: in troppi hanno assistito a scene che nessun bambino dovrebbe mai vedere", afferma in un comunicato.

'Bisogni mai stati così grandi'

"Nelle ultime settimane, con l'aumento del conflitto e dell'insicurezza, sono i bambini, i meno responsabili della crisi in Afghanistan, ad aver pagato il prezzo più pesante. Non solo alcuni sono stati costretti a lasciare le loro case, sono stati tagliati fuori dalle loro scuole e allontanati dai loro amici, ma sono stati anche privati dell'assistenza sanitaria di base che può salvarli da malattie come la polio e il tetano. Ora, con una crisi di sicurezza, prezzi alimentari alle stelle, una grave siccità, la diffusione del Covid-19 e un altro inverno rigido alle porte, i bambini sono più a rischio che mai", dichiara Laryea-Adjei. "L'Uunicef ha recentemente lanciato un appello per 192 milioni di dollari - ricorda il rappresentante dell'organizzazione umanitaria - e noi esortiamo i donatori ad aumentare il loro sostegno alle famiglie e ai bambini vulnerabili. I bisogni dei bambini dell'Afghanistan non sono mai stati così grandi. Non possiamo abbandonarli ora". "Sappiamo che alcuni partner stanno pensando di tagliare gli aiuti all'Afghanistan. Questo è molto preoccupante", dice ancora Laryea-Adje.

Balkhi: 'L'autodeterminazione è un diritto'

Un responsabile dei militanti islamici talebani ha indicato in un'intervista scritta con il SonntagsBlick che il nuovo regime in Afghanistan ha interesse a intrattenere buone relazioni con la comunità internazionale, compresa la Svizzera. L'aiuto umanitario sarà accettato purché sia incondizionato, ha aggiunto l'alto funzionario Abdul Qahar Balkhi. "Chiediamo ai paesi del mondo - compresa la Svizzera - di riconoscere il diritto all'autodeterminazione del popolo afgano e di mantenere buone relazioni diplomatiche, economiche e interpersonali con l'Afghanistan", ha detto Balkhi. Questi parla inglese ed è un membro della commissione culturale dei talebani, il movimento islamista che ha preso il potere a Kabul a metà agosto.

La paura dei talebani è infondata, ha indicato Balkhi nell'intervista. "Abbiamo annunciato un'amnistia generale per tutti i membri dell'opposizione". Balkhi ha smentito informazioni credibili dei media e delle Nazioni Unite su numerose esecuzioni arbitrarie e persecuzioni, per esempio, di ex funzionari pubblici e giornalisti da quando i talebani hanno preso il potere. "Garantiamo la protezione della vita di tutte le persone". Balkhi ha poi aggiunto che il regime accetta "qualsiasi aiuto umanitario e di sviluppo che non sia condizionato". Il funzionario talebano ha detto inoltre che le donne avranno anche il diritto al lavoro e all'istruzione "a condizione che lavorino in abiti islamici adeguati". Tutte le donne che professano l'Islam sono obbligate a coprire il loro corpo, sia con un burqa, un hijab, un nikab o qualsiasi altro indumento.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
afghanistan bambini organizzazione umanitaria pericolo unicef
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved