CAL Flames
2
ANA Ducks
3
fine
(1-1 : 1-0 : 0-1 : 0-1)
ARI Coyotes
4
STL Blues
7
fine
(1-1 : 1-5 : 2-1)
afghanistan-l-unicef-parla-di-300-000-bambini-sfollati
In pericolo ci sono i più piccoli
ULTIME NOTIZIE Estero
germania
8 ore

Axel Springer licenzia il direttore della Bild

La decisione a seguito di “ricerche sul comportamento” di Reichelt, che non avrebbe “separato in modo chiaro la sfera professionale e quella privata”
Estero
9 ore

Ungheria, un outsider per sfidare Orban

Peter Marki-Zay guiderà il fronte unito delle opposizioni al voto 2022: ‘Ringrazio gli elettori, ora sfidiamo il regime’
Estero
11 ore

Ballottaggi in Italia, il Pd conquista anche Roma e Torino

In mano al centrosinistra tutti i capoluoghi di regione. Trieste unica eccezione. Letta: vittoria trionfale
Estero
12 ore

Russia e Nato ai ferri corti, Mosca rompe le relazioni

Mosca ‘sospende’ il lavoro della sua missione permanente alla Nato come rappresaglia per l’espulsione di otto funzionari accusati di spionaggio
Confine
13 ore

A Varese riconfermato il sindaco di centrosinistra

Al ballottaggio passa Davide Galimberti. Sconfitti il candidato del centrodestra e la Lega di Salvini
Estero
13 ore

Morto di Covid Colin Powell, ex segretario di Stato di Bush

L’84enne fu il primo afroamericano a ricoprire il ruolo di capo di Stato maggiore prima di divenire segretario di Stato sotto George W. Bush
Confine
14 ore

Una pista ciclabile di 5 km lungo il Ceresio più selvaggio

Risorge il progetto di cui si parla da 25 anni da Osteno a Santa Margherita di Valsolda dopo il via libera al finanziamento degli enti preposti
Estero
15 ore

Comunali in Italia, il centrosinistra avanti a Roma e Torino

Gli exit poll danno in vantaggio Gualtieri nella capitale e Lo Russo sotto la Mole. Trieste in bilico
Estero
15 ore

È morto Angelo Licheri, cercò di salvare Alfredino nel pozzo

Licheri si offrì volontario e si fece calare a testa in giù per 45 minuti nel pozzo in cui era caduto il bambino di Vermicino, ma senza successo
Estero
29.08.2021 - 11:480

Afghanistan: l'Unicef parla di 300'000 bambini sfollati

L'organizzazione umanitaria lancia un appello ai donatori invitati ad aumentare il loro sostegno alle famiglie e ai più piccoli vulnerabili

"Non possiamo abbandonare i bambini dell'Afghanistan nel momento del bisogno": è l'appello del direttore regionale dell'Unicef George Laryea-Adjei. L'organizzazione umanitaria stima che sono 300'000 i bambini costretti a lasciare le loro case, in alcuni casi mentre dormivano, in seguito all'arrivo dei talebani e alla corsa a lasciare il paese. Un milione di bambini sotto i cinque anni soffrirà di malnutrizione grave, pericolosa per la vita. Oltre quattro milioni di bambini, tra cui 2,2 milioni di ragazzine, sono fuori dalla scuola. "Stanno lottando con ansie e paure: in troppi hanno assistito a scene che nessun bambino dovrebbe mai vedere", afferma in un comunicato.

'Bisogni mai stati così grandi'

"Nelle ultime settimane, con l'aumento del conflitto e dell'insicurezza, sono i bambini, i meno responsabili della crisi in Afghanistan, ad aver pagato il prezzo più pesante. Non solo alcuni sono stati costretti a lasciare le loro case, sono stati tagliati fuori dalle loro scuole e allontanati dai loro amici, ma sono stati anche privati dell'assistenza sanitaria di base che può salvarli da malattie come la polio e il tetano. Ora, con una crisi di sicurezza, prezzi alimentari alle stelle, una grave siccità, la diffusione del Covid-19 e un altro inverno rigido alle porte, i bambini sono più a rischio che mai", dichiara Laryea-Adjei. "L'Uunicef ha recentemente lanciato un appello per 192 milioni di dollari - ricorda il rappresentante dell'organizzazione umanitaria - e noi esortiamo i donatori ad aumentare il loro sostegno alle famiglie e ai bambini vulnerabili. I bisogni dei bambini dell'Afghanistan non sono mai stati così grandi. Non possiamo abbandonarli ora". "Sappiamo che alcuni partner stanno pensando di tagliare gli aiuti all'Afghanistan. Questo è molto preoccupante", dice ancora Laryea-Adje.

Balkhi: 'L'autodeterminazione è un diritto'

Un responsabile dei militanti islamici talebani ha indicato in un'intervista scritta con il SonntagsBlick che il nuovo regime in Afghanistan ha interesse a intrattenere buone relazioni con la comunità internazionale, compresa la Svizzera. L'aiuto umanitario sarà accettato purché sia incondizionato, ha aggiunto l'alto funzionario Abdul Qahar Balkhi. "Chiediamo ai paesi del mondo - compresa la Svizzera - di riconoscere il diritto all'autodeterminazione del popolo afgano e di mantenere buone relazioni diplomatiche, economiche e interpersonali con l'Afghanistan", ha detto Balkhi. Questi parla inglese ed è un membro della commissione culturale dei talebani, il movimento islamista che ha preso il potere a Kabul a metà agosto.

La paura dei talebani è infondata, ha indicato Balkhi nell'intervista. "Abbiamo annunciato un'amnistia generale per tutti i membri dell'opposizione". Balkhi ha smentito informazioni credibili dei media e delle Nazioni Unite su numerose esecuzioni arbitrarie e persecuzioni, per esempio, di ex funzionari pubblici e giornalisti da quando i talebani hanno preso il potere. "Garantiamo la protezione della vita di tutte le persone". Balkhi ha poi aggiunto che il regime accetta "qualsiasi aiuto umanitario e di sviluppo che non sia condizionato". Il funzionario talebano ha detto inoltre che le donne avranno anche il diritto al lavoro e all'istruzione "a condizione che lavorino in abiti islamici adeguati". Tutte le donne che professano l'Islam sono obbligate a coprire il loro corpo, sia con un burqa, un hijab, un nikab o qualsiasi altro indumento.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved