non-sono-cambiati-i-talebani-e-cambiato-il-mondo
Un gruppo di talebani pattuglia le strade di Kabul (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
1 ora

Caso ‘Carlos’, tre psichiatri oggi in tribunale

Processo d’appello ai tre medici, assolti in prima istanza dall’accusa di sequestro di persona per aver legato il giovane al letto per 13 giorni
Confine
2 ore

Tilo sostituiti da bus fra sabato 30 e domenica 31 ottobre

Il provvedimento causa nuovi sistemi di sicurezza toccherà il tragitto tra le stazioni di Como San Giovanni, Monza e Milano Centrale
Italia
3 ore

Un’altra notte di tregua a Catania, aspettando il ciclone

Oggi è spuntato il sole sulla città etnea, ma nelle prossime ore sulle coste della Sicilia orientale potrebbe abbattersi un uragano mediterraneo
Estero
15 ore

L’Iran annuncia il ritorno ai negoziati sul nucleare

Erano bloccati da giugno, dopo l’elezione del falco Raisi. Ancora nessuna conferma ufficiale da parte dell’Ue.
Estero
16 ore

Al via il processo in appello di Julian Assange

Battaglia cruciale dinanzi alla giustizia britannica. Il cofondatore rischia l’estradizione negli Stati Uniti. Ci vorranno mesi per la sentenza.
Estero
16 ore

Israele sfida gli Usa con 3’100 nuove case in Cisgiordania

Anche la sinistra nel Paese è contraria. Dal presidnete dell’Anp Abu Mazen ‘condanna e rifiuto totale’.
Estero
16 ore

‘Bolsonaro sia giudicato per crimini contro l’umanità’

La richiesta proviene da una commissione del Senato brasiliano. ‘Sulla pandemia ha agito da serial killer’.
Video-gallery
Estero
17 ore

Il ciclone-uragano MediCane ora fa davvero paura

Muove i suoi tentacoli carichi di acqua, vento ed elettricità sul versante ionico del Mediterraneo portando morte e devastazione
Estero
19 ore

Affossata al Senato italiano la legge contro l’omotransfobia

La votazione è avvenuta a scrutinio segreto. Per il segretario Pd Letta: ‘Hanno voluto fermare il futuro’
Confine
20 ore

Como, riapre il 1° novembre il dormitorio per senzatetto

Torna il servizio di accoglienza notturna ‘Emergenza freddo’. In via Borgovico saranno ospitati oltre 30 indigenti, ma il fabbisogno sarebbe per 150
Estero
20 ore

Emesso il primo passaporto con la X per il terzo genere

Un passo storico negli Stati Uniti per le persone che non si riconoscono nella categoria binaria maschio o femmina
Estero
21 ore

Brasile, cittadino svizzero ucciso con tre colpi alla testa

L’omicidio avvenuto a Goianésia, sarebbe avvenuto per un diverbio su questioni di soldi. Arrestato l’assassino, avrebbe rapito l’uomo prima di ucciderlo
Estero
22 ore

Corte Ue, multa di 1 milione di euro al giorno alla Polonia

Varsavia sanzionata per non aver sospeso l’applicazione delle disposizioni nazionali sulle competenze della camera disciplinare della Corte Suprema
Estero
22 ore

Chiavi di green pass rubate: in rete falso certificato di Hitler

Il green pass intestato ad Adolf Hitler e valido a un controllo con l’app di verifica, è realizzato con chiavi digitali sottratte illegalmente
Video
Italia
23 ore

Uragano mediterraneo sulla Sicilia, è stato di emergenza

Dopo l’alluvione a Catania, previsto per domani l’arrivo di un ‘MediCane’, la tempesta con potenza pari a un uragano di grado 1 della scala Saffir
Estero
1 gior

Stragi mafiose del ’93 in Italia, in corso perquisizioni

Le nuove verifiche hanno preso il via dopo le dichiarazioni dell’ex boss Graviano che accusa Berlusconi di aver fatto affari immobiliari con suo nonno
Estero
1 gior

L’Australia revoca il divieto di viaggio all’estero

Il divieto era in vigore da quasi 600 giorni, migliaia i cittadini rimasti bloccati all’estero e molte le famiglie separate per 18 mesi
Brasile
1 gior

‘Sul Covid Bolsonaro sia giudicato per crimini contro l’umanità’

La Commissione parlamentare d’inchiesta ha approvato il rapporto che accusa il governo di aver ‘deliberatamente esposto’ i brasiliani al contagio di massa
Estero
1 gior

La regina Elisabetta non andrà alla conferenza sul clima

Il no dei medici al viaggio a Glasgow per la CoP26. ‘Sua Maestà è dispiaciuta, indirizzerà ai delegati un videomessaggio registrato’, precisano a corte.
Estero
1 gior

Capitol Hill, ci furono incontri tra assalitori e deputati

Due tra gli organizzatori delle proteste rivelano la pianificazione, avvenuta incontrando funzionari della Casa Bianca e deputati repubblicani
Estero
1 gior

Iran, cyberattacco a distributori: ‘Dov’è il nostro petrolio?’

Colpito il sistema che regola i benzinai sovvenzionati dallo Stato. Ammesso in ritardo dalla tv di Stato il coinvolgimento degli hacker
Estero
1 gior

Clima, la Cop26 accessibile a tutti in ‘livestream’

Google annuncia una collaborazione con la presidenza della Conferenza Onu. Potremo vederla su YouTube e Google Arts and Culture
Estero
1 gior

Allarme Pentagono, fra sei mesi possibili attacchi Isis-K

Obiettivi internazionali nel mirino, secondo le dichiarazioni del vicesegretario alla difesa Usa davanti alla Commissione forze armate del Senato
Estero
1 gior

Evergrande, la Cina chiede al fondatore di usare i suoi soldi

Hui Ka Yan guarda al debito da 305 miliardi di dollari del suo colosso mettendo mano al borsello. L’insofferenza di Xi Jinping per i miliardari
Estero
1 gior

Quattro bimbi morti nel naufragio di un barcone in Grecia

Migranti, un’altra tragedia del mare nell’Egeo. Il natante era salpato dalla Turchia in mezzo a forti venti, ma nessuno aveva il giubbotto
Estero
1 gior

Italia, crescono morti e contagi. Record di tamponi nelle 24 ore

I decessi da inizio pandemia sono 131’904 su 4,7 milioni di casi, di cui 4,5 dimessi o guariti. In calo il tasso di positività
Estero
1 gior

Le Pen guarda all’Eliseo e inizia a flirtare con Orbán

La leader del Rassemblement National loda il presidente ungherese: ‘Lavorerò al suo fianco per costruire una grande alleanza di nazioni europee’
Confine
1 gior

Richiamata in ufficio, si presenta al lavoro in pigiama

Una funzionaria dell’Ufficio delle tasse di Como protesta così contro la decisione di sospendere il telelavoro
Estero
2 gior

In Austria obbligo di Green pass sul lavoro in vigore da lunedì

Sarà necessario in tutti i luoghi di lavoro in cui ‘non può essere escluso contatto con persone’. Esentato chi lavora da solo, ad esempio i camionisti
Estero
2 gior

 Zuckerberg: contro Facebook una campagna coordinata

Il patron del social sostiene che le fughe di documenti recenti diano una falsa immagine della compagnia. Intanto i ricavi crescono ma meno delle attese
Estero
2 gior

Erdogan fa retromarcia, non espellerà gli ambasciatori

Il presidente turco: ‘Promettono di non interferire’. Ma resta lo strappo sul filantropo Kavala. Gli Usa: continueremo a promuovere lo stato di diritto.
Estero
2 gior

Eruzione Canarie, il vulcano emette grandi quantità di lava

Il magma ha già sepolto oltre 906 ettari di terreno e sono oltre mille le abitazioni distrutte o danneggiate
Estero
2 gior

Amnesty International chiude i suoi uffici a Hong Kong

Decisione presa ‘a malincuore’ e dovuta alla legge sulla sicurezza nazionale che rende ‘impossibile’ lavorare in libertà
Estero
2 gior

Facebook alle corde, per Zuckerberg è la crisi peggiore

I ‘Fb papers’ denunciano disinformazione, allarmi ignorati e odio. I manager della società avrebbero avuto un ruolo chiave nella disinformazione
l'intervista
 
25.08.2021 - 05:300
Aggiornamento : 12:15

‘Non sono cambiati i talebani, è cambiato il mondo’

L'esperto di Medio Oriente Gilles Kepel: ‘Interessati a fare affari, non al terrorismo. E attenzione a Erdogan’

Gilles Kepel non crede ai "talebuoni", i talebani buoni, piuttosto riconosce in loro un tratto fortemente nazionalista, ma più al passo coi tempi (‘Nessuno distruggerà tv e linee telefoniche, perché servono anche a loro’). E soprattutto non legati al terrorismo internazionale, per quanto le loro gesta possano aver galvanizzato i gruppi islamici più estremisti. Kepel, tra i massimi esperti europei di Medio Oriente, certifica le difficoltà interne ed esterne degli Stati Uniti, quelle di dialogo dell’Europa e la grande ascesa della Cina, oltre al tentativo di Erdogan di accreditarsi come nuovo guida globale dell’Islam.

Kepel, professore all’Usi di Lugano e alla Psl di Parigi - autore del libro “Il ritorno del profeta. Perché il destino dell’Occidente si decide in Medio Oriente” (Feltrinelli editore) - è intervenuto ieri al Mem Summer Summit organizzato dall’Università della Svizzera Italiana, forum dedicato al Medio Oriente Mediterraneo che sarà visibile online da sabato mattina collegandosi al sito www.mem-summersummit.ch.

Professor Kepel, quanto crede alla svolta buonista talebani e che tipo di governo potrebbe venire fuori in Afghanistan?

Non credo che abbiano cambiato ideologia, questi talebani di vent’anni sono tutti figli dei talebani che erano fuggiti dall’Afghanistan e sono stati poi educati nelle scuole religiose dei talebani pakistani secondo la medesima dottrina. La situazione generale è cambiata, loro no. Quando i loro padri sono andati via, Kabul era una città di 300 mila abitanti con quasi niente, ora ha 4 milioni di persone. I primi talebani avevano distrutto le tv, ora nessuno la guarda più nel mondo perché tutti hanno i telefonini e i talebani non vogliono distruggere la rete, perché anche loro per primi ne avranno bisogno.


Il politologo e saggista Gilles Kepel (Keystone)

Cosa è cambiato allora?

In passato il mondo era basato sulla rivalità tra Stati Uniti e Unione Sovietica, poi sullo strapotere americano, ora l’Urss non c’è più e la Russia è una potenza regionale, seppur con ambizioni planetarie. L’altra iperpotenza è la Cina, che non è un paese ideologico. È comunista, certo, ma lì comunismo vuol dire che solo i membri del partito sono autorizzati a essere capitalisti e monopolisti. Hanno ricevuto una delegazione dei talebani due settimane fa a Pechino e sono aperti a una collaborazione con l’Afghanistan per questioni economiche e strategiche: vogliono mettere i bastoni tra le ruote agli americani. E aggiungere lì una stazione della loro nuova Via della Seta, come già accadeva in un lontano passato.

L’entusiasmo tra gli islamici più radicali per questa vittoria talebana può risvegliare i gruppi terroristici nel mondo?

I talebani sono un movimento religioso, rigido, certo, ma soprattutto nazionalista e fortemente radicato nelle tribù. Non sono interessati a promuovere il terrorismo. Soprattutto ora che sanno che possono fare affari con la Cina, che è meno pericoloso e molto più redditizio. Inoltre non hanno alcuna urgenza o convenienza a ospitare terroristi internazionali come invece aveva fatto il Mullah Omar con Bin Laden. Sicuramente la caduta di Kabul regala grande ottimismo ai talebani del Pakistan, che è il loro luogo di formazione, ma non solo lì. Pensiamo a Erdogan, che si è congratulato con loro e ha già detto che è pronto a lavorare con loro.

Che ruolo può avere Erdogan?

Erdogan vede quella vittoria all’interno di quel sistema in cui rientra anche - a livello non solo simbolico - la riconversione a moschea di Santa Sofia dell’anno scorso e la ricostruzione di un Islam universale in grado di vincere e governare il mondo. E lui si vede come il continuatore del profeta e i talebani portano acqua al suo mulino, quello di un Islam politico di cui lui stesso è un esponente. Per quanto riguarda la situazione locale, Erdogan vede nell’Afghanistan un alleato che può indebolire sia l’Iran che gli Stati Uniti. Lui pensa che se l’America ha abbandonato l’Afghanistan, forse presto potrebbe lasciare al loro destino anche i curdi.

E i grandi finanziatori del mondo islamico? Il Qatar, ad esempio, ha sostenuto i talebani, ma poi fa affari con l’Occidente.

Il Qatar agisce come la Turchia, appoggiando l’Islam politico. Anche loro sono senz’altro favorevoli alla vittoria dei talebani, ma sanno giocare su due tavoli in modo abile. Quando c’era lo scandalo delle vignette di Charlie Hebdo in Francia, Al Jazeera, che - ricordiamolo - è una rete qatariota che appoggia i Fratelli Musulmani, aveva trasmesso il discorso ai musulmani di Macron, ma poi aveva scelto opinioni molto ostili ai francesi. Era tutto in arabo e i francesi non capivano. Il Qatar ha 350 miliardi di dollari sotto gestione di fondi sovrani e un partenariato forte con l’Occidente che non vuole rovinare.


Donne con il burka per le strade di Kabul (Keystone)

Per i sauditi invece è diverso, perché i sauditi, sotto la guida del principe ereditario di Bin Salman, si sono allontanati dall’ideologia wahabita e le donne saudite stanno andando nel senso opposto rispetto a ciò che vorrebbero i talebani, si sono tolte il velo, guidano le automobili che fino a poco tempo fa era loro proibito. Il regno saudita cerca di allontanarsi dalla rendita petrolifera e vuole costruire un modello energetico sulle rinnovabili con investimenti enormi. E Bin Salman non vuole vedere i talebani al potere.

E l’Iran? Un vicino ingombrante di cui si parla sempre poco

Ecco, l'Iran è un altro Paese che forse non è totalmente felice e che ha una frontiera in comune con l’Afghanistan di migliaia di chilometri. Nel passato i talebani hanno trucidato tanti sciiti afghani considerati eretici, peggio dei cristiani e degli ebrei, e l’Iran ha una popolazione importante di afghani che lavorano un po’ come gli immigrati africani in Europa. Tra loro potrebbero esserci infiltrati agenti dei talebani e lì si creerebbe un problema per la sicurezza. I talebani odiano gli americani, ma forse odiano anche di più gli sciiti iraniani, e questa situazione può indebolire Teheran nelle negoziazioni sul nucleare che si stanno tenendo a Vienna. Penso che per il nuovo governo di Raisi la caduta di Kabul non è una buona notizia. Raisi era ostile all’Occidente, molto più del predecessore Rohani e credeva di trattare da una posizione di forza, ma con l’insorgere dei talebani si è fortemente indebolito. 

Quali sono stati gli errori principali degli americani in Afghanistan?

Avevano una tale voglia di andare via che hanno fatto male i loro conti. Per Biden era importante anche per le elezioni di metà mandato, perché l’elettore americano non vuole più vedere i figli partire per il Medio Oriente e tornare feriti o non tornare affatto. La maggioranza in Senato è minima, e basta un solo voto per cambiare tutto. Gli americani in generale sono contenti di non investire più soldi e vite umane per la difesa di un Paese lontano come l’Afghanistan considerato inoltre come fortemente corrotto.


I giornali pachistani dopo l'arrivo dei talebani a Kabul (Keystone)

Questa strategia di chiusura in se stessi da parte degli Usa, può creare problemi?

Gli Stati Uniti sono in una crisi trasformazionale profonda. Sono alla ricerca di un nuovo patto sociale interno basato soprattutto sulla preservazione delle identità di genere, di razza e di religione e meno sull’integrazione. Sono loro stessi a rischio. Hanno bisogno di ridefinire tutto questo e ridefinirsi. L’elezioni di Biden, anziano, anagraficamente e come pensiero, può ritardare ulteriormente questo percorso.

L'alleato storico degli Usa, Israele, ha invece accantonato Netanyahu. È una vera svolta?

I rapporti di forza sono cambiati. La caduta di Netanyahu ha visto in Israele la partecipazione di partiti arabi islamisti nella coalizione di governo, una cosa strana, perché quelli sono i fratelli di Hamas, appoggiati anche dall’Iran. Ma così facendo Israele è riuscito a creare un sistema di alleanze, e ora non è più isolato com’era nella regione. Soprattutto con gli Emirati Arabi Uniti. Sarà probabilmente un rapporto tempestoso quello all'interno del governo, come sempre in Israele, ma per ora sta andando bene. Anche il nuovo primo ministro Bennett è passato dall’essere un estremista all’essere un politico realista.


Il premier israeliano Naftali Bennett (Keystone)

Resta il nodo Libano, in una profonda crisi innanzitutto sociale.

La situazione è legata alla presenza dell’Iran e alla supremazia di Hezbollah, che controlla la vita politica del Libano. Se continuerà così, Paesi ricchi come l’Arabia Saudita non investiranno più un soldo in Libano. Al contrario vediamo quel che succede in Egitto, un Paese che era in piena crisi, ma con una popolazione enorme. Nel 2020, invece, era l’unico Paese dell'area in crescita perché gli Emirati e l’Arabia Saudita hanno investito miliardi di dollari per far diventare l’Egitto una nuova Cina, vista la popolazione e la forza lavoro enorme, farlo diventare un grande polo manifatturiero. Questo dovrebbe servire da lezione per il Libano, è una politica deliberata per far capire ai libanesi che se non si liberano di Hezbollah non ci sarà mai un futuro per quel Paese.

Ora che è passato del tempo, abbiamo capito cosa è andato storto nelle Primavere arabe?

In un certo modo è un po’ la stessa cosa che abbiamo visto in Afghanistan, dove le élite al potere erano troppo radicate nelle città e nella gioventù benestante, ma non abbastanza presente nei settori più poveri della società che sono la maggioranza in quei Paesi. La caduta dell’ordine precedente ha così lasciato opportunità enormi ai movimenti islamisti, che sono molto radicati della società, e alla fine questi si sono presi il potere.

In Tunisia, Paese simbolo delle Primavere arabe, il presidente Saied ha ripreso il controllo della situazione politica proprio perché sapeva di avere l’appoggio di una parte significativa della popolazione. Il Parlamento tunisino era composto da persone che guardavano al loro interesse personale più che a quello pubblico, con alti livelli di corruzione, incapacità d affrontare la situazione Covid. E così Saied ha avuto questa reazione autoritaria, eppure largamente accettata.

L’Europa quanto deve preoccuparsi?

Tutto questo ha a che fare con la capacità, o meglio l'incapacità, di restate unita da parte dell’Europa. L’Italia accoglie i migranti a Lampedusa, poi ciascuno vuole buttare i migranti nel Paese vicino senza creare una capacità europea comune ad affrontare i problemi. Per questo l’Europa, oggi a maggior ragione, rischia di essere un recipiente passivo di flussi migratori illegali.

L’altro grande punto interrogativo, insieme all’Afghanistan, è la Libia

Ora c’è un governo di unità nazionale, ma i rapporti tra le parti che lo compongono recentemente sono pessimi. Il problema è la ripartizione della rendita petrolifera, perché il petrolio si trova in larga maggioranza a est, la maggioranza della popolazione e del potere a ovest. Un tipo di federalismo forse sarebbe la soluzione più adeguata per la ripartizione di una rendita e una crescita dell’economia. Così possono sperare di uscirne senza tornare a farsi la guerra.


Una ragazza manifesta con la bandiera afghana (Keystone)

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved