lukashenko-usa-i-migranti-contro-l-ue
Profughi al confine tra Bielorussia e Lituania (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
4 ore

Italia: ladri passano dalle fogne e rubano mezzo milione

Il colpo in una gioielleria a due passi da Ponte Vecchio a Firenze
Estero
6 ore

Armi nucleari, Giappone e Usa chiedono trasparenza alla Cina

I due Paesi stanno limando gli ultimi dettagli di una proposta che conduca Pechino a un maggiore impegno per il disarmo dei propri arsenali
Estero
6 ore

Sudafrica: ancora devastanti inondazioni sulla costa Est

Il mese scorso circa 500 persone erano già state costrette ad abbandonare le loro case
Estero
6 ore

Francia, accuse di violenza sessuale per il neoministro Abad

Il politico smentisce: ‘Queste voci riferiscono di atti o gesti che mi sarebbero semplicemente impossibili a causa del mio handicap’
Estero
7 ore

Tempesta in Germania, un morto e quasi 60 feriti

Particolarmente colpita la Renania Settentrionale-Vestfalia: un tornado ha attraversato Paderborn ferendo 43 persone venerdì
Estero
8 ore

Afghanistan, da oggi le conduttrici in tv a volto coperto

Ieri si erano ribellate all’ordine dei Talebani di nascondere il viso, ma ‘l’emittente ha subito pressioni’
Confine
9 ore

Carrozza a soqquadro: soppresso un treno diretto a Chiasso

Quattordici giovani, tra i 15 e i 21 anni, sono stati denunciati ieri dai carabinieri
Estero
LIVE

Esplosioni nelle regioni di Kiev e Zhytomyr

Nel frattempo il parlamento ucraino ha approvato l’estensione della legge marziale fino al 23 agosto. Segui il live de laRegione
Estero
11 ore

Anthony Albanese promette di riparare l’immagine dell’Australia

Il neoeletto primo ministro laburista vuole puntare sulla politica climatica. Su questo aspetto il Paese viene spesso considerato in ritardo.
bielorussia
02.08.2021 - 21:21

‘Lukashenko usa i migranti contro l'Ue’

Bruxelles: ‘Serve una barriera, dobbiamo aiutare a proteggere il confine lituano’

"Quella della Lituania non è una crisi migratoria. E' un'aggressione del regime di Minsk alle frontiere dell'Unione europea". Un'arma di ritorsione contro l'Ue per le sanzioni subite. E più in particolare un tentativo di intimidazione contro Vilnius, primo governo ad aver rifiutato di riconoscere l'ennesima vittoria del presidente Alexander Lukashenko, offrendo asilo alla leader dell'opposizione, Svetlana Tikhanovskaya.

"Un'aggressione inaccettabile che peggiora giorno dopo giorno", come ha scandito a chiare lettere la commissaria agli affari interni, Ylva Johansson, volata nel Paese baltico, per constatare di persona la gravità di quanto accade. Una situazione così seria che agli occhi della responsabile europea giustifica persino la "necessità di barriere fisiche per evitare gli ingressi" dei richiedenti asilo. Una recinzione che Vilnius ha già iniziato a costruire nelle settimane scorse, per contrastare la strategia orchestrata dal padre-padrone bielorusso - con arrivi soprattutto dall'Iraq - per assediare e ricattare l'Ue.

Le minacce

Del resto Lukashenko a giugno aveva minacciato che, in caso di nuove sanzioni di Bruxelles (in risposta al dirottamento dell'aereo Ryanair per arrestare un giornalista), avrebbe sommerso l'Unione europea di droga e migranti. Nello Stato dell'ex blocco sovietico, che conta meno di tre milioni di abitanti, nelle scorse settimane Frontex ha schierato un centinaio di guardie di frontiera. Sono stati dispiegati due elicotteri e una trentina di altri di mezzi di terra. Ma rispetto agli 81 profughi arrivati nel 2020, quest'anno il numero ha raggiunto quota 470 già a giugno, totalizzando 3.200 ingressi a fine luglio.


Campo profughi in Lituania (Keystone)

"È chiaro che Minsk non si fermerà", ha ammesso preoccupata Johansson, dimostrando anche un certo sgomento per le condizioni dei richiedenti asilo, tra questi famiglie con bambini, costretti a vivere in condizioni difficili, in un Paese del tutto impreparato all'accoglienza di migranti.

Il dossier

Dopo aver discusso a lungo col presidente Gitanas Nauseda e la premier Ingrida Simonyte, e aver fatto un sopralluogo alla frontiera con la ministra dell'Interno, Agne Bilotaite, la commissaria ha annunciato l'arrivo, nei prossimi giorni, di un gruppo di esperti da Bruxelles per studiare a fondo soluzioni efficaci per proteggere gli oltre 670 chilometri di confine che separano la Lituania dalla Bielorussia. In parallelo proseguono i contatti tra l'Esecutivo comunitario e Baghdad per negoziare riammissioni e rimpatri.

La delegazione di ritorno da Vilnius preparerà una relazione per la presidente, Ursula von der Leyen, e per l'Alto rappresentante, Josep Borrell, che valuta l'introduzione di nuove misure restrittive. Solo pochi giorni fa lo spagnolo aveva ribadito: "Le sanzioni dell'Ue contro i sostenitori del regime di Lukashenko non saranno revocate fino a quando non finirà la repressione, non saranno rilasciati tutti i prigionieri politici e fino allo svolgimento di elezioni libere". 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
aleksander lukashenko bielorussia bruxelles europa lituania migranti profughi
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved