la-bielorussia-ammassa-i-profughi-al-confine-polacco
Keystone
Migranti al confine polacco-bielorusso (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Confine
4 ore

Como, famiglia sfrattata dorme 5 notti in auto. Poi gli aiuti

Si attivano i servizi sociali e la Caritas diocesana che hanno garantito un posto al dormitorio
Confine
7 ore

Traffico di valuta, intercettati oltre 875’000 euro a fine 2021

Su un pullman dalla Svizzera alla Serbia, trovati circa 215’000 euro, più due pistole e munizioni nascoste nella macchinetta del caffè
Estero
8 ore

Scomparsa da 10 anni, arrestato l’ex convivente della madre

L’uomo è accusato per l’omicidio e l’occultamento del cadavere di Agata Scuto, la 22enne di Catania il cui corpo non è stato mai trovato.
Estero
8 ore

Probabile nuova ‘eruzione’ del vulcano a Tonga

Rilevate onde anomale nella regione. Le isole tagliate fuori dalle comunicazioni ancora per due settimane. La Nuova Zelanda invia un aereo da ricognizione
Estero
18 ore

Obbligo vaccinale dal primo febbraio in Austria

Sono previste sanzioni pecuniarie tra i 600 e i 3’600 euro per chi non si attiene alla norma. La mancata vaccinazione sarà reato penale
Estero
19 ore

Grandi manovre in Israele per il patteggiamento di Netanyahu

Mentre va avanti il possibile accordo con la Procura, trema il mondo politico.
Estero
19 ore

‘Paesaggio lunare’ a Tonga dopo l’eruzione

Fino a 80 mila persone potrebbero essere state colpite dal fenomeno geologico. La cenere sta contaminando le risorse idriche
Estero
21 ore

Trump attacca, “Biden disastro, riprendiamoci l’America”

L’ex presidente Donald Trump suona la carica e lancia la corsa repubblicana alla riconquista della Casa Bianca
Estero
1 gior

Il principe Harry e la scorta fai da te

Le autorità britanniche non vogliono che il membro della famiglia reale paghi le spese per la protezione
Confine
1 gior

Varese, ha insegnato 21 anni con una finta laurea

La scoperta è stata effettuata dalla Guardia di Finanza. Alla donna sono stati cautelativamente sequestrati beni per 350mila euro
Confine
1 gior

Luinese, consigliere della Lega nei guai con la droga

Deteneva marijuana nella sua abitazione e faceva ‘lo sceriffo in paese’. Aveva pure minacciato con l’ascia un ex tossicodipendente
Estero
1 gior

Trump di nuovo all’attacco: ‘Riprendiamoci l’America’

L’ex presidente, durante un comizio in Arizona, ha affermato che ‘la vera insurrezione non fu l’assalto a Capitol Hill ma il giorno dell’Election Day’
08.11.2021 - 20:400
Aggiornamento : 21:32

La Bielorussia ammassa i profughi al confine polacco

L’Unione europea pronta a reagire: ‘Lukashenko vuole solamente destabilizzarci’

La guerra ibrida dei migranti condotta dalla Bielorussia contro l’Europa rischia di provocare un’escalation dagli esiti imprevedibili. La situazione, già molto tesa sulla linea Minsk-Bruxelles, è peggiorata dopo che sono circolate le immagini di centinaia di profughi in marcia verso la frontiera polacca.

Varsavia ha respinto il loro ingresso e si è detta pronta a difendere i propri confini, ma anche l’Ue ha promesso una reazione “unita“ ai tentativi di “destabilizzazione" da parte del regime di Alexander Lukashenko. La Polonia quest’anno ha registrato oltre 23mila ingressi illegali di migranti da est, di cui quasi la metà a ottobre. Un segnale che la Bielorussia sta aumentato la pressione sull’Europa, come rappresaglia alle sanzioni.

Pianificazione

Mai prima d’ora, però, si era visto un esodo apparentemente così pianificato: i media di Minsk hanno mostrato una colonna di circa 500 profughi, scortati dalle guardie di frontiera bielorusse, lungo un’autostrada dalla città di confine di Bruzgi e verso una foresta che costeggia la regione polacca di Podlaskie. La maggior parte provenienti dal Medio Oriente, con famiglie e bambini, che scandivano “Vogliamo andare in Germania”.


Bambini davanti al confine (Keystone)

Una scena simile si era vista soltanto al confine greco-macedone, al culmine della crisi migratoria del 2016. Arrivati al confine polacco, una parte dei migranti ha tentato di attraversare ma ad attenderli c’era un imponente schieramento di polizia polacca. Le autorità di Varsavia, in seguito, hanno fatto sapere di aver respinto il tentativo di ingresso illegale ed hanno accusato Minsk di voler provocare “un incidente grave". Il ministro della Difesa Mariausz Blaszczak è stato ancora più chiaro: "Siamo pronti a difendere la frontiera”

Potendo contare su ben 12mila soldati schierati nella zona. Minsk invece ha negato una regia di questa ondata migratoria, rinfacciando a Varsavia “un atteggiamento disumano e indifferenza nei confronti dei rifugiati”. A Bruxelles l’intransigenza del governo ultraconservatore polacco nei confronti dei migranti non è mai stata digerita, tanto che l’Ue ha respinto la richiesta di Varsavia di accollarsi i costi di un muro al confine.

Fronte comune contro Minsk

Allo stesso tempo, le istituzioni comunitarie sono consapevoli che bisogna fare fronte comune contro Minsk. Perché il regime di Lukashenko, ha accusato un portavoce della Commissione, sta mettendo in piedi un “tentativo disperato di sfruttare le persone per destabilizzare l’Ue e i valori che sosteniamo”.

La questione sarà affrontata “con urgenza" la settimana prossima dai ministri degli Esteri e a questo punto non sono escluse nuove sanzioni. Di certo, "l’Europa prenderà posizione insieme”, ha assicurato il portavoce del governo tedesco Steffen Seibert, definendo il regime bielorusso un “trafficante di migranti” che conduce “attacchi ibridi” contro l’Ue.


Migranti al confine (Keystone)

A Bruxelles l’attenzione è massima anche al quartier generale della Nato. Perché i flussi migratori stanno "mettendo sotto pressione i nostri alleati Lituania, Lettonia e Polonia”, ha spiegato un funzionario. Assicurando che la Nato "è pronta ad assistere ulteriormente gli alleati e a mantenere la sicurezza nella regione”. Consultazioni con l’Alleanza sono state invocate dal leader dell’opposizione a Varsavia, l’ex presidente del Consiglio Ue Donald Tusk. Nell’escalation tra Ue e Bielorussia, in realtà, a pagare sono soprattutto i migranti. Respinti sommariamente dalla polizia polacca (e da gruppi di giovani nazionalisti che effettuano ronde al confine "in difesa dell’identità slava”), mentre le guardie di frontiera bielorusse si rifiutano di farli tornare indietro. Il risultato sono centinaia di persone intrappolate in una terra di nessuno, tra foreste inospitali e temperature sotto lo zero.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved