ULTIME NOTIZIE Estero
Italia
39 min

Prega sulla tomba del padre per 33 anni, ma non è lui

Al cimitero in Abruzzo. La scoperta da parte di una donna di 61 anni nel momento della traslazione della salma nell’ossario.
Estero
4 ore

‘Rascismo’: il fascismo russo che piace a Putin

L’ideologia del Cremlino ha una robusta matrice intellettuale nella storia del Paese e condensa alcune caratteristiche classiche dell’estrema destra
Estero
11 ore

‘Nessuna minaccia imminente sull’uso dell’atomica della Russia’

Lo ha detto il Consigliere per la sicurezza nazionale Usa Jake Sullivan, aggiungendo che ‘i militari americani in Europa sono pronti a ogni evenienza’
Estero
13 ore

Afghanistan, kamikaze si fa esplodere in una scuola a Kabul

Il bilancio delle vittime parla di almeno 20 i morti, per lo più ragazze, e 35 i feriti. Sospettato il ramo afghano dell’Isis
Confine
16 ore

Valmorea dedica un Parco a don Renzo Scapolo

L’intitolazione avrà luogo sabato nell’area verde delle scuole del comune, con tanto di testimonianze di coloro che lo hanno conosciuto
Estero
19 ore

Anche lo Stato di New York fermerà le auto a benzina dal 2035

Bandite tutte le auto nuove che non siano a emissioni zero, sulla scia di quanto annunciato lo scorso agosto dalla California
Estero
19 ore

Il proclama di Putin: ‘Le regioni annesse nostre per sempre’

Al Cremlino in corso la cerimonia di firma dei trattati di annessione alla Russia delle regioni ucraine in cui si son tenuti i referendum-farsa pro Mosca
Confine
22 ore

17enne muore travolto dal treno nel Varesotto

L’incidente fatale nella notte ad Albizzate a poche centinaia di metri dalla stazione
Estero
1 gior

Condanne definitive per il sistema criminale che gestiva Roma

Convalidati i 10 anni ai vertici dell’associazione a delinquere che dirigeva in modo illecito gli appalti dei pubblici servizi della capitale italiana
Estero
1 gior

A tre giorni dalle elezioni Neymar sostiene Bolsonaro

In un video su TikTok il fuoriclasse brasiliano del Psg mima una canzona che invita a votare il presidente uscente, in ritardo nei sondaggi su Lula
Estero
1 gior

Usa: avvocati Trump, 200mila le carte sequestrate a Mar-a-Lago

I legali dell’ex presidente hanno rivelato l’entità della montagna di documenti che l’Fbi aveva sequestrato nella tenuta in Florida
la guerra in ucraina
1 gior

Quarta falla nel Nord Stream, la Nato in allerta

‘Risponderemo ad attacchi’. Mosca: ‘Non si sa se sarà riavviato’
08.11.2021 - 20:40
Aggiornamento: 21:32

La Bielorussia ammassa i profughi al confine polacco

L’Unione europea pronta a reagire: ‘Lukashenko vuole solamente destabilizzarci’

la-bielorussia-ammassa-i-profughi-al-confine-polacco
Keystone
Migranti al confine polacco-bielorusso (Keystone)

La guerra ibrida dei migranti condotta dalla Bielorussia contro l’Europa rischia di provocare un’escalation dagli esiti imprevedibili. La situazione, già molto tesa sulla linea Minsk-Bruxelles, è peggiorata dopo che sono circolate le immagini di centinaia di profughi in marcia verso la frontiera polacca.

Varsavia ha respinto il loro ingresso e si è detta pronta a difendere i propri confini, ma anche l’Ue ha promesso una reazione “unita“ ai tentativi di “destabilizzazione" da parte del regime di Alexander Lukashenko. La Polonia quest’anno ha registrato oltre 23mila ingressi illegali di migranti da est, di cui quasi la metà a ottobre. Un segnale che la Bielorussia sta aumentato la pressione sull’Europa, come rappresaglia alle sanzioni.

Pianificazione

Mai prima d’ora, però, si era visto un esodo apparentemente così pianificato: i media di Minsk hanno mostrato una colonna di circa 500 profughi, scortati dalle guardie di frontiera bielorusse, lungo un’autostrada dalla città di confine di Bruzgi e verso una foresta che costeggia la regione polacca di Podlaskie. La maggior parte provenienti dal Medio Oriente, con famiglie e bambini, che scandivano “Vogliamo andare in Germania”.


Bambini davanti al confine (Keystone)

Una scena simile si era vista soltanto al confine greco-macedone, al culmine della crisi migratoria del 2016. Arrivati al confine polacco, una parte dei migranti ha tentato di attraversare ma ad attenderli c’era un imponente schieramento di polizia polacca. Le autorità di Varsavia, in seguito, hanno fatto sapere di aver respinto il tentativo di ingresso illegale ed hanno accusato Minsk di voler provocare “un incidente grave". Il ministro della Difesa Mariausz Blaszczak è stato ancora più chiaro: "Siamo pronti a difendere la frontiera”

Potendo contare su ben 12mila soldati schierati nella zona. Minsk invece ha negato una regia di questa ondata migratoria, rinfacciando a Varsavia “un atteggiamento disumano e indifferenza nei confronti dei rifugiati”. A Bruxelles l’intransigenza del governo ultraconservatore polacco nei confronti dei migranti non è mai stata digerita, tanto che l’Ue ha respinto la richiesta di Varsavia di accollarsi i costi di un muro al confine.

Fronte comune contro Minsk

Allo stesso tempo, le istituzioni comunitarie sono consapevoli che bisogna fare fronte comune contro Minsk. Perché il regime di Lukashenko, ha accusato un portavoce della Commissione, sta mettendo in piedi un “tentativo disperato di sfruttare le persone per destabilizzare l’Ue e i valori che sosteniamo”.

La questione sarà affrontata “con urgenza" la settimana prossima dai ministri degli Esteri e a questo punto non sono escluse nuove sanzioni. Di certo, "l’Europa prenderà posizione insieme”, ha assicurato il portavoce del governo tedesco Steffen Seibert, definendo il regime bielorusso un “trafficante di migranti” che conduce “attacchi ibridi” contro l’Ue.


Migranti al confine (Keystone)

A Bruxelles l’attenzione è massima anche al quartier generale della Nato. Perché i flussi migratori stanno "mettendo sotto pressione i nostri alleati Lituania, Lettonia e Polonia”, ha spiegato un funzionario. Assicurando che la Nato "è pronta ad assistere ulteriormente gli alleati e a mantenere la sicurezza nella regione”. Consultazioni con l’Alleanza sono state invocate dal leader dell’opposizione a Varsavia, l’ex presidente del Consiglio Ue Donald Tusk. Nell’escalation tra Ue e Bielorussia, in realtà, a pagare sono soprattutto i migranti. Respinti sommariamente dalla polizia polacca (e da gruppi di giovani nazionalisti che effettuano ronde al confine "in difesa dell’identità slava”), mentre le guardie di frontiera bielorusse si rifiutano di farli tornare indietro. Il risultato sono centinaia di persone intrappolate in una terra di nessuno, tra foreste inospitali e temperature sotto lo zero.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved