BENCIC B. (SUI)
2
MLADENOVIC K. (FRA)
0
fine
(6-4 : 6-3)
caso-migranti-l-ue-contro-lukashenko
Migranti ammassati al confine (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
4 ore

Obbligo vaccinale dal primo febbraio in Austria

Sono previste sanzioni pecuniarie tra i 600 e i 3’600 euro per chi non si attiene alla norma. La mancata vaccinazione sarà reato penale
Estero
4 ore

Grandi manovre in Israele per il patteggiamento di Netanyahu

Mentre va avanti il possibile accordo con la Procura, trema il mondo politico.
Estero
5 ore

‘Paesaggio lunare’ a Tonga dopo l’eruzione

Fino a 80 mila persone potrebbero essere state colpite dal fenomeno geologico. La cenere sta contaminando le risorse idriche
Estero
7 ore

Trump attacca, “Biden disastro, riprendiamoci l’America”

L’ex presidente Donald Trump suona la carica e lancia la corsa repubblicana alla riconquista della Casa Bianca
Estero
9 ore

Il principe Harry e la scorta fai da te

Le autorità britanniche non vogliono che il membro della famiglia reale paghi le spese per la protezione
Confine
12 ore

Varese, ha insegnato 21 anni con una finta laurea

La scoperta è stata effettuata dalla Guardia di Finanza. Alla donna sono stati cautelativamente sequestrati beni per 350mila euro
Confine
15 ore

Luinese, consigliere della Lega nei guai con la droga

Deteneva marijuana nella sua abitazione e faceva ‘lo sceriffo in paese’. Aveva pure minacciato con l’ascia un ex tossicodipendente
Estero
17 ore

Trump di nuovo all’attacco: ‘Riprendiamoci l’America’

L’ex presidente, durante un comizio in Arizona, ha affermato che ‘la vera insurrezione non fu l’assalto a Capitol Hill ma il giorno dell’Election Day’
Estero
1 gior

Usa: dopo l’eruzione Tonga, onde arrivate anche alle Hawaii

Il National Tsunami Warning Center ha lanciato un’allerta tsunami per la costa occidentale degli Stati Uniti, Alaska compresa
Francia
1 gior

Clip ‘elettorali’ davanti al Louvre, il museo contro la Le Pen

La politica francese si fa riprendere nello stesso punto dove Macron, appena eletto, iniziò il suo mandato. Il museo: ‘Serve l’autorizzazione’
Estero
1 gior

Erutta un vulcano sottomarino, allarme tsunami da Tonga a Fiji

L’eruzione è durata otto minuti ed è stata così violenta da essere stata udita nelle Fiji, a più di 800 km di distanza. Emergenza in tutto il Pacifico
Estero
1 gior

Usa: una task force prepararsi a future varianti

Si chiamerà ‘Pandemic Innovation Task Force’ e si concentrerà sullo sviluppo di vaccini, cure e test diagnostici
09.11.2021 - 20:190
Aggiornamento : 20:40

Caso migranti, l’Ue contro Lukashenko

Oltre duemila persone restano al freddo al confine tra Bielorussia e Polonia. Varsavia accusa: ‘Dietro alla strategia di Minsk c’è Putin’

Almeno duemila persone bloccate nei boschi al confine tra Bielorussia e Polonia nel tentativo disperato di entrare nell’Ue, con temperature glaciali e pochissime scorte di acqua e cibo, mentre la tensione militare sale a livelli di guardia. Tra eserciti schierati e accuse reciproche di “spari in aria", si fa sempre più allarmante la crisi migratoria sulla rotta dell’Europa orientale, orchestrata secondo Bruxelles dall’autocrate Vladimir Lukashenko come rappresaglia contro le sue sanzioni, con un comportamento definito da "regime gangster”.

In una sessione d’emergenza al Parlamento di Varsavia, il premier polacco Mateusz Morawiecki ha puntato il dito direttamente sul padrino di Minsk, Vladimir Putin, che solo poche ore prima aveva parlato al telefono con Lukashenko. Accuse seccamente respinte dal leader bielorusso, che promette di “non cedere” all’Europa, in un braccio di ferro che continua drammaticamente a consumarsi sulla pelle dei migranti.


Il confine segnato con il filo spinato (Keystone)

Le forze di sicurezza bielorusse hanno “sparato colpi in aria, simulando situazioni pericolose” per destabilizzare ancora di più la situazione alla frontiera, ha denunciato il portavoce dei servizi speciali di Varsavia, Stanislaw Zaryn. I media filogovernativi di Minsk hanno rovesciato le accuse, senza tuttavia fornire prove. “Sappiamo anche che le autorità della Bielorussia stanno aiutando i migranti a distruggere le barriere al confine. Li vediamo portare loro gli strumenti per tagliare i cavi e distruggere la recinzione”, ha accusato ancora Varsavia, che intanto ha rafforzato lo schieramento di migliaia di soldati al confine per i respingimenti e si è detta pronta a difendere il proprio territorio, avvertendo di una possibile escalation armata.

Il premier polacco alza i toni

Per sottolineare il livello d’allarme, a visitare le truppe al confine si è recato oggi anche Morawiecki. “Chiudere il confine polacco è nostro interesse nazionale. Ma oggi è in gioco la stabilità e la sicurezza di tutta l’Ue", ha avvertito il primo ministro polacco. Sull’altro fronte, il ministero della Difesa bielorusso ha convocato l’addetto militare presso l’ambasciata polacca a Minsk, respingendo come “infondate e ingiustificate” le “accuse su un coinvolgimento di militari bielorussi” e invitando Varsavia a evitare ogni "provocazione per giustificare eventuali azioni bellicose illegali”. In questo braccio di ferro, diverse centinaia di migranti, molti dei quali arrivati dal Medio Oriente con voli sponsorizzati da Minsk, restano accampati in tende precarie nei pressi del villaggio frontaliero polacco di Kuznica, separati da pochi metri e una barriera di filo spinato dal cordone delle forze di sicurezza di Varsavia. Tra loro, anche diverse donne e bambini in condizioni drammatiche ed esposti a temperature che di notte crollano sotto lo zero.


Il leder bielorusso Aleksandr Lukashenko (Keystone)

Dall’inizio dell’anno, il governo ultraconservatore e nazionalista di Varsavia ha registrato oltre 23mila ingressi irregolari da est, quasi la metà a ottobre. Numeri non confermati però da Frontex, cui da settimane viene negato l’accesso al confine polacco. La guerra ibrida dei migranti rischia di trasformarsi così in scontro aperto. Il Consiglio dell’Ue ha sospeso oggi lo schema di facilitazione dei visti per gli esponenti del regime di Minsk e nei prossimi giorni potrebbe dare il via libera a nuove sanzioni. Un impegno sollecitato in particolare da Berlino, che esorta Bruxelles ad agire. “La Polonia o la Germania non possono farcela da sole”, ha avvertito il ministro degli Interni tedesco Horst Seehofer.

Domani, intanto, il presidente del Consiglio europeo Charles Michel incontrerà Morawiecki a Varsavia per discutere della crisi, che preoccupa sempre di più anche la Nato. Parlando con il presidente polacco Andrzej Duda, il segretario generale Jens Stoltenberg l’ha definita “grave”, promettendo la solidarietà dell’Alleanza in caso di necessità.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved