ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
1 ora

A tre giorni dalle elezioni Neymar sostiene Bolsonaro

In un video su TikTok il fuoriclasse brasiliano del Psg mima una canzona che invita a votare il presidente uscente, in ritardo nei sondaggi su Lula
Estero
2 ore

Usa: avvocati Trump, 200mila le carte sequestrate a Mar-a-Lago

I legali dell’ex presidente hanno rivelato l’entità della montagna di documenti che l’Fbi aveva sequestrato nella tenuta in Florida
la guerra in ucraina
3 ore

Quarta falla nel Nord Stream, la Nato in allerta

‘Risponderemo ad attacchi’. Mosca: ‘Non si sa se sarà riavviato’
america latina
3 ore

Ortega attacca la Chiesa cattolica: ‘È una tirannia’

Il padre padrone del Nicaragua si scaglia anche contro l’Ue. Il vescovo: ‘Solo bugie’
Estero
3 ore

Putin sfida il mondo e annette i territori ucraini

La firma al Cremlino. Dopo Polonia e Paesi baltici, anche la Finlandia chiude i confini ai russi. L’esodo di chi non vuole andare in guerra prosegue a est
Confine
5 ore

Sacerdote ciadiano trovato morto a Bresso. Era giunto da Locarno

Del religioso si erano perse le tracce da diversi giorni. Il suo corpo senza vita era appeso a una recinzione nei pressi del camposanto
Estero
6 ore

Elisabetta II è ufficialmente morta ‘di vecchiaia’

Pubblicato il certificato di morte della sovrana, che alla voce ‘professione’ riporta ‘Sua Maestà la Regina’
Estero
7 ore

I soldati russi al telefono: ‘Guerra inutile, pretesto falso’

Dalle intercettazioni verificate, tradotte e pubblicate dal Nyt emerge il morale a terra delle truppe e le critiche a Putin per l’invasione dell’Ucraina
Estero
9 ore

La Finlandia chiude le frontiere con la Russia

Ogni richiesta di ingresso verrà considerata individualmente, annuncia il ministro degli Interni. Sarà possibile entrare solo per motivi specifici
Stati Uniti d’America
16 ore

In Florida devastazione e milioni di persone senza elettricità

Gli effetti dell’uragano Ian, uno dei più violenti mai abbattutosi sugli Usa, con venti a 240 chilometri orari
italia
1 gior

Bossi è fuori, anzi no

Caos seggi, tra polemiche e riconteggi, che premia il fondatore della Lega
il dopo-voto in italia
1 gior

Incontro Meloni-Salvini: ‘Unità d’intenti’

Calenda scommette su un governo di pochi mesi. Il Pd prova a ricostruirsi dalle macerie: il 6 ottobre la Direzione convocata in vista del Congresso
09.11.2021 - 20:19
Aggiornamento: 20:40

Caso migranti, l’Ue contro Lukashenko

Oltre duemila persone restano al freddo al confine tra Bielorussia e Polonia. Varsavia accusa: ‘Dietro alla strategia di Minsk c’è Putin’

Ansa, a cura de laRegione
caso-migranti-l-ue-contro-lukashenko
Migranti ammassati al confine (Keystone)

Almeno duemila persone bloccate nei boschi al confine tra Bielorussia e Polonia nel tentativo disperato di entrare nell’Ue, con temperature glaciali e pochissime scorte di acqua e cibo, mentre la tensione militare sale a livelli di guardia. Tra eserciti schierati e accuse reciproche di “spari in aria", si fa sempre più allarmante la crisi migratoria sulla rotta dell’Europa orientale, orchestrata secondo Bruxelles dall’autocrate Vladimir Lukashenko come rappresaglia contro le sue sanzioni, con un comportamento definito da "regime gangster”.

In una sessione d’emergenza al Parlamento di Varsavia, il premier polacco Mateusz Morawiecki ha puntato il dito direttamente sul padrino di Minsk, Vladimir Putin, che solo poche ore prima aveva parlato al telefono con Lukashenko. Accuse seccamente respinte dal leader bielorusso, che promette di “non cedere” all’Europa, in un braccio di ferro che continua drammaticamente a consumarsi sulla pelle dei migranti.


Il confine segnato con il filo spinato (Keystone)

Le forze di sicurezza bielorusse hanno “sparato colpi in aria, simulando situazioni pericolose” per destabilizzare ancora di più la situazione alla frontiera, ha denunciato il portavoce dei servizi speciali di Varsavia, Stanislaw Zaryn. I media filogovernativi di Minsk hanno rovesciato le accuse, senza tuttavia fornire prove. “Sappiamo anche che le autorità della Bielorussia stanno aiutando i migranti a distruggere le barriere al confine. Li vediamo portare loro gli strumenti per tagliare i cavi e distruggere la recinzione”, ha accusato ancora Varsavia, che intanto ha rafforzato lo schieramento di migliaia di soldati al confine per i respingimenti e si è detta pronta a difendere il proprio territorio, avvertendo di una possibile escalation armata.

Il premier polacco alza i toni

Per sottolineare il livello d’allarme, a visitare le truppe al confine si è recato oggi anche Morawiecki. “Chiudere il confine polacco è nostro interesse nazionale. Ma oggi è in gioco la stabilità e la sicurezza di tutta l’Ue", ha avvertito il primo ministro polacco. Sull’altro fronte, il ministero della Difesa bielorusso ha convocato l’addetto militare presso l’ambasciata polacca a Minsk, respingendo come “infondate e ingiustificate” le “accuse su un coinvolgimento di militari bielorussi” e invitando Varsavia a evitare ogni "provocazione per giustificare eventuali azioni bellicose illegali”. In questo braccio di ferro, diverse centinaia di migranti, molti dei quali arrivati dal Medio Oriente con voli sponsorizzati da Minsk, restano accampati in tende precarie nei pressi del villaggio frontaliero polacco di Kuznica, separati da pochi metri e una barriera di filo spinato dal cordone delle forze di sicurezza di Varsavia. Tra loro, anche diverse donne e bambini in condizioni drammatiche ed esposti a temperature che di notte crollano sotto lo zero.


Il leder bielorusso Aleksandr Lukashenko (Keystone)

Dall’inizio dell’anno, il governo ultraconservatore e nazionalista di Varsavia ha registrato oltre 23mila ingressi irregolari da est, quasi la metà a ottobre. Numeri non confermati però da Frontex, cui da settimane viene negato l’accesso al confine polacco. La guerra ibrida dei migranti rischia di trasformarsi così in scontro aperto. Il Consiglio dell’Ue ha sospeso oggi lo schema di facilitazione dei visti per gli esponenti del regime di Minsk e nei prossimi giorni potrebbe dare il via libera a nuove sanzioni. Un impegno sollecitato in particolare da Berlino, che esorta Bruxelles ad agire. “La Polonia o la Germania non possono farcela da sole”, ha avvertito il ministro degli Interni tedesco Horst Seehofer.

Domani, intanto, il presidente del Consiglio europeo Charles Michel incontrerà Morawiecki a Varsavia per discutere della crisi, che preoccupa sempre di più anche la Nato. Parlando con il presidente polacco Andrzej Duda, il segretario generale Jens Stoltenberg l’ha definita “grave”, promettendo la solidarietà dell’Alleanza in caso di necessità.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved