bennett-incassa-la-fiducia-e-manda-a-casa-netanyahu
Il nuovo premier Naftali Bennett (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
3 ore

Texas, spara in una scuola e uccide quindici persone

Tra le vittime quattordici bambini e un insegnante. Morto anche il sospetto autore della strage
svolta in vaticano
5 ore

Per la Cei Bergoglio sceglie Zuppi, ‘prete di strada’

Bassetti lascia la presidenza. Sul tavolo dei vescovi il dossier degli abusi
terrorismo
5 ore

L’Isis era pronto a uccidere Bush a Dallas

Il piano, che avrebbe dovuto scattare lo scorso anno è stato sventato dall’Fbi. Fermato un iracheno.
Estero
9 ore

Calano le borse e i 50 super-ricchi bruciano il... Pil svizzero

Da inizio anno i più facoltosi del pianeta hanno perso 563 miliardi di dollari. Cifra pari al prodotto interno lordo del nostro Paese
Confine
9 ore

Raggira il fisco e investe in caffè. Imprenditore in manette

L’inchiesta ha condotto gli inquirenti anche a una società con sede in Ticino. L’accusa è di autoriciclaggio
italia
10 ore

Macché eruzione sull’Etna: è solo un fenomeno meteorologico

Il vulcanologo Boris Behncke fa chiarezza: ‘L’assenza di vento fa salire il fumo verticalmente, ingannando chi lo osserva’
Estero
12 ore

Bbc: ‘La Cina spara a chi tenta la fuga da campi dello Xinjiang’

Una serie di file della polizia condivisi con i media stranieri rivela le ‘procedure’ nei confronti degli uiguri confinati nei campi di ‘rieducazione’
Estero
12 ore

Passata la pandemia, le pene capitali tornano a salire

Nel 2021 le esecuzioni censite da Amnesty International sono state 579. In aumento rispetto all’anno precedente, ma in calo sul lungo periodo
Iran
13 ore

Si aggrava il bilancio del crollo dell’edificio in Iran

Almeno dieci i corpi senza vita trovati sotto le macerie del Metropol, nella città sud-occidentale di Abadan
Russia
15 ore

Navalny perde in Appello, confermata la condanna a 9 anni

Il principale oppositore di Putin condannato in un processo ritenuto di matrice palesemente politica. Finirà in un centro detentivo a ‘regime severo’
Estero
16 ore

L’Austria dice addio alle mascherine

Il primo giugno cade l’obbligo di indossare le Ffp2 sui mezzi pubblici e nei supermercati. Sospeso per l’estate l’obbligo di vaccino, mai applicato
Estero
16 ore

YouTube ha rimosso 70’000 video di propaganda filo-russa

Fra i motivi per cui il colosso americano blocca filmati e autori russi la descrizione dei contenuti sulla guerra come ‘missione di liberazione’
Speciale Ucraina
19 ore

L‘Ue accusa: ’Ci sono prove che la Russia ruba il grano ucraino’

Kiev non esclude la possibilità di scambiare, in futuro, il soldato condannato all’ergastolo. Segui il live de laRegione
13.06.2021 - 21:25
Aggiornamento : 22:09

Bennett incassa la fiducia e manda a casa Netanyahu

Il governo nasce con un solo voto di scarto e tra le urla dei deputati del Likud. Lapid attacca: ‘Ecco perché voi non siete più al governo’

Ansa, a cura de laRegione

Naftali Bennett ce l'ha fatta: da stasera è il 13esimo premier di Israele, cacciando all'opposizione, per la prima volta dopo 12 anni, Benyamin Netanyahu. Una vittoria arrivata sul filo del rasoio ma per ora sufficiente: per il governo del cambiamento hanno infatti votato 60 deputati degli 8 partiti della nuova coalizione di centro, destra, sinistra e gli arabi di Raam, un esordio al potere. Contro 59, ovvero tutti i deputati della vecchia maggioranza che ha sostenuto Netanyahu. Uno solo, un deputato di Raam, è uscito dall'Aula al momento del voto e quindi si è astenuto.

Momento storico

All'annuncio ufficiale da parte del nuovo presidente della Knesset, Miki Levy, nell'Aula è scoppiato un applauso e urla di felicità si sono levate da parte dei sostenitori del nuovo governo. Che l'aria fosse favorevole - nonostante le incertezze degli ultimi giorni - si è capito dalla nomina di Levy, un deputato di Lapid, che ha superato il candidato della destra, imponendosi come nuovo leader.

Il governo - che si basa sulla rotazione tra Bennett e Lapid nella carica di primo ministro - ha già giurato. Ma prima del voto finale la situazione è stata di piena bagarre fin dalle dichiarazioni iniziali. Un'opposizione scatenata ha interrotto Bennett per tutto il suo discorso e Netanyahu lo ha persino deriso annunciandogli che "abbatterà al più presto" questo esecutivo "pericoloso".

Il discorso

Il nuovo premier ha mostrato nervi saldi mantenendosi calmo per oltre mezz'ora in mezzo a urla e schiamazzi. Ed ha perfettamente ritratto la situazione quando ha intimato all'opposizione di "fermare il caos", promettendo che sarà lui a mettere "fine a un terribile periodo di odio tra il popolo d'Israele". "Questa lacerazione, che è andata sfilacciando il nostro tessuto sociale - ha denunciato - ci ha condotto ad una tornata elettorale dopo l'altra e ad una spirale di odio e di liti fra fratelli". Le continue liti ai vertici politici "hanno provocato la paralisi. Ma noi - ha continuato Bennett - siamo qui per lavorare e rappresenteremo tutti". Anche chi, come i due deputati del sionismo religioso Bezalel Smootrich e Itamar Ben-Gvir, aveva appena distribuito volantini che raffiguravano Bennett con il copricapo arabo e la scritta 'bugiardo'.


Yair Lapid (Keystone)

Un'atmosfera così incandescente che Yair Lapid, il leader centrista che secondo i patti raccoglierà il testimone di Bennett a fine agosto 2023, ha rinunciato a parlare: sarebbe stato, ha detto, del tutto inutile. A nulla peraltro è valso l'omaggio che lo stesso Bennett ha fatto in apertura di intervento al suo ex alleato e mentore politico Netanyahu, ringraziandolo per i servizi resi al Paese.

Bibi all'attacco

Un livoroso premier uscente ha risposto di essere lì "come rappresentante eletto da oltre un milione di cittadini che hanno votato per il Likud sotto la mia guida e da altri milioni che si sono espressi per i partiti di destra che mi appoggiano". Come a ricordare la differenza, notevole, di voti tra il suo Likud e quelli di Yamina guidata da Bennett. "Siamo la vera destra, se passeremo all'opposizione, lo faremo - ha insistito - a testa alta".

Anche l'Iran, il nemico numero uno, è stato oggetto di polemica, nonostante Bennett sia stato chiaro. Israele "non permetterà a Teheran di ottenere armi nucleari. Far rivivere l'accordo nucleare con l'Iran - ha detto - è un errore che renderà legittimo uno dei regimi più violenti del mondo. Israele mantiene tutta la sua completa libertà di azione". "Sono impensierito da quello che ha appena detto Bennett - lo ha rintuzzato Netanyahu -. Di norma fa il contrario di quello che dice. Come con Lapid, con il quale aveva detto che non sarebbe mai andato".


Benjamin Netanyahu (Keystone)

Poi l'affondo quando ha messo in dubbio la capacità del nuovo esecutivo di resistere alle pressioni dell'amministrazione Usa di Biden: "In Iran oggi festeggiano. Comprendono che in Israele adesso ci sarà un governo debole ed ossequioso" verso gli Usa. "Nel momento in cui gli Stati Uniti torneranno all'accordo sul nucleare iraniano - ha proseguito - il futuro governo israeliano non autorizzerà nuove attività segrete in Iran. Non è degno di restare in carica nemmeno un giorno". Ma la vittoria di Bennett sembra veramente aver dato inizio ad una nuova era: in piazza a Tel Aviv migliaia di persone hanno festeggiato per tutta la serata, mentre ieri duemila manifestanti si erano radunati davanti alla residenza di Netanyahu a Gerusalemme cantando 'Bibi Ciao' sulle note di Bella Ciao.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
benjamin netanyahu israele naftali bennett yair lapid
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved