ULTIME NOTIZIE Estero
l’invasione russa
6 ore

Mosca risponde ai tank, missili ipersonici sull’Ucraina

Almeno 11 morti nei raid. Putin e Zelensky chiudono la porta ai colloqui
cisgiordania
7 ore

Esercito israeliano irrompe a Jenin: 10 morti

Scontri durante un’operazione definita di ‘antiterrorismo’ in un campo profughi. Dura presa di posizione di Abu Mazen. Hamas: ‘Tel Aviv la pagherà’
Giamaica
7 ore

Usain Bolt frodato per 12,7 milioni di dollari

L’otto volte campione olimpico truffato da una società di investimento privata che avrebbe raggirato pure molte altre persone e uffici governativi
balcani
8 ore

Solo il 43% dei serbi vuole entrare nell’Ue

Nel sondaggio non si dicono convinti di voler abbracciare l’Unione europea. Il sistema sociale più ambito? Quello svizzero
russia
8 ore

Putin mette al bando Meduza ‘Testata indesiderata’

Il media indipendente nel mirino della censura del Cremlino: ‘Non molliamo’
Stati Uniti
8 ore

Smantellata una maxirete internazionale di hacker

Basato negli Stati Uniti, il gruppo Hive Ransomware aveva estorto più di 100 milioni di dollari a persone o compagnie di tutto il mondo
Estero
9 ore

Settantaquattro milioni non bastano: Cedu in affanno

Troppi ricorsi e troppi pochi fondi per la Corte europea dei diritti umani. A fine 2022 i fascicoli pendenti erano ancora oltre 74mila
Estero
12 ore

Piccolo Stato, grande multa: San Marino sanziona Facebook

Meta Inc. ha perso il ricorso e dovrà pagare 4 milioni di euro per la diffusione indebita dei dati di circa 12’700 sammarinesi
Estero
13 ore

Al Memoriale della Shoah ‘I Simpson deportati ad Auschwitz’

I murales dell’artista aleXsandro Palombo sono apparsi sui muri della Stazione centrale a Milano presso il Binario 21, luogo di partenza per i lager
Confine
15 ore

Como, aumenta il numero di giovani spacciatori

Quattro giovani sono stati denunciati a piede libero per detenzione di hashish. Sanzionato anche un minorenne
Italia
16 ore

15enne spinto sui binari, fermati due minori: lite per gelosia

I due hanno rischiato di far finire il coetaneo sotto un treno in corsa alla stazione di Seregno. All’origine dell’aggressione, una ragazza ‘contesa’
03.06.2021 - 20:14

Israele, Netanyahu tenta di far saltare il governo Bennett

Il Likud è partito all'attacco dopo che il centrista Lapid ha annunciato mercoledì sera di aver raggiunto l'accordo per il nuovo esecutivo che esclude 'Bibi'

Ats, a cura de laRegione
israele-netanyahu-tenta-di-far-saltare-il-governo-bennett
Bennett e Lapid, i volti del nuovo governo anti-Netanyahu (Keystone)

Benyamin Netanyahu all'attacco mentre Yair Lapid e Naftali Bennett serrano i ranghi. Un piccolo anticipo del fuoco di sbarramento da parte del Likud e dei suoi alleati che nei prossimi giorni attende il "governo del cambiamento" in Israele dopo che il centrista Lapid ha annunciato mercoledì sera di aver raggiunto in extremis l'accordo per il nuovo esecutivo di unità nazionale che esclude l'ex premier.

Il prossimo obiettivo della coalizione è il fatidico voto di fiducia alla Knesset (parlamento). E non è per nulla indifferente quale data - lunedì prossimo o in più in là - scelga per la convocazione dell'aula il suo presidente Yariv Levin, uno degli uomini del Likud più vicini a Netanyahu, sul punto di perdere un potere esercitato per oltre 12 anni. I tempi, e almeno su questo concordano tutti, sono importanti per raggiungere - o impedire, a seconda dei punti di vista - il target di una maggioranza di almeno 61 seggi su 120 in parlamento, necessari al varo del governo. Netanyahu in persona ha rivolto un appello a tutti i deputati "eletti con i voti della destra" ad opporsi alla coalizione, definendola "di sinistra e pericolosa". Nel mirino di Bibi c'è soprattutto Bennett - ex alleato di lungo corso, ora passato con gli avversari - destinato, in base all'accordo di maggioranza, a diventare premier nella prima parte della legislatura per poi alternarsi con Lapid. Bennett e il suo sodale, ha tuonato Netanyahu, hanno "svenduto il Negev" (il sud del paese, ndr) agli arabi, accettando le richieste di Mansour Abbas, il leader del partito islamista moderato Raam che oggi siede nella neo maggioranza. Il riferimento, tra l'altro, è alle aperture sul riconoscimento come municipi di alcune località beduine di quella regione. E non è escluso che nella trattativa abbia spuntato anche un posto, come viceministro, per uno dei suoi deputati. Abbas ha risposto agli attacchi del premier sostenendo che aver trattato con lui, prima di accordarsi con il fronte opposto, gli ha dato "legittimità" non solo a destra ma anche al centro e a sinistra.

La pressione del fronte pro-Netanyahu non è dunque destinata ad attenuarsi. In questo clima, Facebook ha bloccato per 24 ore Yair Netanyahu, figlio del premier, dopo che questi ha postato immagini di una manifestazione a favore di Nir Orbach, uno dei deputati di Yamina incline a non seguire il suo partito. Il Likud, ha poi riferito "Haaretz", ha indetto anche una manifestazione nei pressi della casa di Ayelet Shaked, la numero due di Yamina, allo scopo di tenere alta la tensione. Lo stesso partito ha quindi chiesto che il governo del cambiamento pubblichi subito la sua piattaforma politica per vedere quali sono le linee programmatiche. Per tutta risposta Bennett ha fatto sapere di aver convocato in mattinata nella sua abitazione di Raanana - non distante da Tel Aviv - tutti i deputati per rafforzare l'unita del partito. E non è un caso che sia Bennett - che ha difeso la sua scelta di allearsi con il centro - sia Lapid abbiano declinato, a scanso di equivoci, l'appoggio di voti offerto loro dalla Lista Araba Unita nell'eventualità si rendesse necessario sostituire il presidente della Knesset Levin se l'Aula non sarà convocata in tempi stretti per la fiducia e il conseguente giuramento.

Il nuovo governo - frutto di un'alleanza di tutti gli anti-Netanyahu - presenta nella sua composizione molte novità, anche di immagine. A partire dal fatto che Bennett sarà il primo premier religioso con la kippà in testa e che come età - 49 anni - sia secondo solo a Netanyahu, divenuto primo ministro a 46 anni. Bennett ha un altro primato: quello di diventare premier senza aver avuto il mandato di formare il governo (era stato conferito a Lapid). Inoltre, per la prima volta da anni, nell'esecutivo non siederanno i tradizionali partiti religiosi come Shas e Torah Unita. Sarà anche la prima volta in un esecutivo in carica di un partito islamista come Raam. Infine, se le voci sul toto-ministri troveranno conferma, saranno 8 le donne e 4 i giornalisti (o ex), a cominciare proprio da Lapid.
 
 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved