israele-netanyahu-tenta-di-far-saltare-il-governo-bennett
Bennett e Lapid, i volti del nuovo governo anti-Netanyahu (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
5 ore

Italia: ladri passano dalle fogne e rubano mezzo milione

Il colpo in una gioielleria a due passi da Ponte Vecchio a Firenze
Estero
7 ore

Armi nucleari, Giappone e Usa chiedono trasparenza alla Cina

I due Paesi stanno limando gli ultimi dettagli di una proposta che conduca Pechino a un maggiore impegno per il disarmo dei propri arsenali
Estero
7 ore

Sudafrica: ancora devastanti inondazioni sulla costa Est

Il mese scorso circa 500 persone erano già state costrette ad abbandonare le loro case
Estero
8 ore

Francia, accuse di violenza sessuale per il neoministro Abad

Il politico smentisce: ‘Queste voci riferiscono di atti o gesti che mi sarebbero semplicemente impossibili a causa del mio handicap’
Estero
8 ore

Tempesta in Germania, un morto e quasi 60 feriti

Particolarmente colpita la Renania Settentrionale-Vestfalia: un tornado ha attraversato Paderborn ferendo 43 persone venerdì
Estero
9 ore

Afghanistan, da oggi le conduttrici in tv a volto coperto

Ieri si erano ribellate all’ordine dei Talebani di nascondere il viso, ma ‘l’emittente ha subito pressioni’
Confine
10 ore

Carrozza a soqquadro: soppresso un treno diretto a Chiasso

Quattordici giovani, tra i 15 e i 21 anni, sono stati denunciati ieri dai carabinieri
Estero
12 ore

Esplosioni nelle regioni di Kiev e Zhytomyr

Nel frattempo il parlamento ucraino ha approvato l’estensione della legge marziale fino al 23 agosto. Segui il live de laRegione
Estero
13 ore

Anthony Albanese promette di riparare l’immagine dell’Australia

Il neoeletto primo ministro laburista vuole puntare sulla politica climatica. Su questo aspetto il Paese viene spesso considerato in ritardo.
Estero
13 ore

Vaiolo delle scimmie: 92 casi confermati in 12 Paesi

Lo segnala l’Organizzazione mondiale della sanità. Si tratta di zone dove la malattia non è endemica.
Confine
13 ore

Un carro attrezzi per rimuovere solo... le vetture straniere

L’obiettivo è costringere principalmente i ticinesi a pagare le multe per divieto di sosta. Lo propone Alessandro Rapinese, candidato a sindaco di Como.
03.06.2021 - 20:14

Israele, Netanyahu tenta di far saltare il governo Bennett

Il Likud è partito all'attacco dopo che il centrista Lapid ha annunciato mercoledì sera di aver raggiunto l'accordo per il nuovo esecutivo che esclude 'Bibi'

Ats, a cura de laRegione

Benyamin Netanyahu all'attacco mentre Yair Lapid e Naftali Bennett serrano i ranghi. Un piccolo anticipo del fuoco di sbarramento da parte del Likud e dei suoi alleati che nei prossimi giorni attende il "governo del cambiamento" in Israele dopo che il centrista Lapid ha annunciato mercoledì sera di aver raggiunto in extremis l'accordo per il nuovo esecutivo di unità nazionale che esclude l'ex premier.

Il prossimo obiettivo della coalizione è il fatidico voto di fiducia alla Knesset (parlamento). E non è per nulla indifferente quale data - lunedì prossimo o in più in là - scelga per la convocazione dell'aula il suo presidente Yariv Levin, uno degli uomini del Likud più vicini a Netanyahu, sul punto di perdere un potere esercitato per oltre 12 anni. I tempi, e almeno su questo concordano tutti, sono importanti per raggiungere - o impedire, a seconda dei punti di vista - il target di una maggioranza di almeno 61 seggi su 120 in parlamento, necessari al varo del governo. Netanyahu in persona ha rivolto un appello a tutti i deputati "eletti con i voti della destra" ad opporsi alla coalizione, definendola "di sinistra e pericolosa". Nel mirino di Bibi c'è soprattutto Bennett - ex alleato di lungo corso, ora passato con gli avversari - destinato, in base all'accordo di maggioranza, a diventare premier nella prima parte della legislatura per poi alternarsi con Lapid. Bennett e il suo sodale, ha tuonato Netanyahu, hanno "svenduto il Negev" (il sud del paese, ndr) agli arabi, accettando le richieste di Mansour Abbas, il leader del partito islamista moderato Raam che oggi siede nella neo maggioranza. Il riferimento, tra l'altro, è alle aperture sul riconoscimento come municipi di alcune località beduine di quella regione. E non è escluso che nella trattativa abbia spuntato anche un posto, come viceministro, per uno dei suoi deputati. Abbas ha risposto agli attacchi del premier sostenendo che aver trattato con lui, prima di accordarsi con il fronte opposto, gli ha dato "legittimità" non solo a destra ma anche al centro e a sinistra.

La pressione del fronte pro-Netanyahu non è dunque destinata ad attenuarsi. In questo clima, Facebook ha bloccato per 24 ore Yair Netanyahu, figlio del premier, dopo che questi ha postato immagini di una manifestazione a favore di Nir Orbach, uno dei deputati di Yamina incline a non seguire il suo partito. Il Likud, ha poi riferito "Haaretz", ha indetto anche una manifestazione nei pressi della casa di Ayelet Shaked, la numero due di Yamina, allo scopo di tenere alta la tensione. Lo stesso partito ha quindi chiesto che il governo del cambiamento pubblichi subito la sua piattaforma politica per vedere quali sono le linee programmatiche. Per tutta risposta Bennett ha fatto sapere di aver convocato in mattinata nella sua abitazione di Raanana - non distante da Tel Aviv - tutti i deputati per rafforzare l'unita del partito. E non è un caso che sia Bennett - che ha difeso la sua scelta di allearsi con il centro - sia Lapid abbiano declinato, a scanso di equivoci, l'appoggio di voti offerto loro dalla Lista Araba Unita nell'eventualità si rendesse necessario sostituire il presidente della Knesset Levin se l'Aula non sarà convocata in tempi stretti per la fiducia e il conseguente giuramento.

Il nuovo governo - frutto di un'alleanza di tutti gli anti-Netanyahu - presenta nella sua composizione molte novità, anche di immagine. A partire dal fatto che Bennett sarà il primo premier religioso con la kippà in testa e che come età - 49 anni - sia secondo solo a Netanyahu, divenuto primo ministro a 46 anni. Bennett ha un altro primato: quello di diventare premier senza aver avuto il mandato di formare il governo (era stato conferito a Lapid). Inoltre, per la prima volta da anni, nell'esecutivo non siederanno i tradizionali partiti religiosi come Shas e Torah Unita. Sarà anche la prima volta in un esecutivo in carica di un partito islamista come Raam. Infine, se le voci sul toto-ministri troveranno conferma, saranno 8 le donne e 4 i giornalisti (o ex), a cominciare proprio da Lapid.
 
 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
benjamin netanyahu israele naftali bennett yair lapid
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved