ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
17 ore

Australia, 16enne uccisa da uno squalo in un fiume

Non è nota la specie che ha azzannato la ragazza mentre nuotava nel fiume Swan uccidendola. L’ultimo attacco mortale in un fiume risale al 1960
iran
1 gior

Teheran rilascia il regista Panahi dopo 7 mesi di carcere

Libero il vincitore del Leone d’Oro 2000. Foto scioccanti di un altro attivista durante lo sciopero della fame
la guerra in ucraina
1 gior

Kiev denuncia il capo del gruppo Wagner per crimini di guerra

Prigozhin nel mirino: ‘Non sfuggirà alle sue responsabilità’
la guerra in ucraina
1 gior

Zelensky all’Ue: ‘Negoziati nel 2023’. Dubbi tra i 27

Michel insiste, indispettendo i russi: ‘Il vostro destino è con noi’
stati uniti
1 gior

Pallone-spia cinese sugli Usa, Blinken non va a Pechino

L’ira di Washington. La Cina si scusa: ‘Faceva solo rilievi meteo’
medio oriente
1 gior

La Siria restaura il museo di Palmira distrutto dall’Isis

Ma l’area è oggi una piazzaforte di milizie jihadiste filo-Iran
Cina
1 gior

‘Macché pallone spia: è una sonda per misurazioni meteo’

Pechino si rammarica per l’incidente: ‘Pronti a collaborare per un’adeguata gestione di questa situazione imprevista causata da forza maggiore’
Gran Bretagna
1 gior

Altra giornata di passione sui binari d’Oltremanica

Tornano a incrociarsi le braccia dei ferrovieri: previsti gravi disagi per milioni di viaggiatori
Italia
1 gior

Vigilia di Sanremo al sapor di rapina per Roby Facchinetti

Pistole alla mano, tre banditi sono penetrati nella casa della voce dei Pooh a Bergamo, facendosi consegnare gioielli, orologi e altri valori
Francia
1 gior

Minaccia un attentato su un Tgv, arrestato

Disagi sulla rete ferroviaria ad alta velocità tra Colmar e Parigi, col convoglio costretto allo stop forzato di quasi due ore e mezza a Louvigny
Estero
2 gior

Il pallone aerostatico sorvola una base con missili nucleari

Gli Stati Uniti si dicono ‘molto sicuri’: ‘Si tratta di una spia cinese’. Ma per questioni di sicurezza non sarà abbattuto
Stati Uniti
2 gior

Preso per un ladro, ucciso mentre andava a casa della nonna

Voleva rassettare l’appartamento della defunta, ma la Polizia di Wyoming, nell’Ohio, gli ha sparato credendolo un malfattore
oceania
2 gior

L’Australia non vuole Re Carlo sulle sue banconote

L’erede di Elisabetta non apparirà sui nuovi 5 dollari. Al suo posto una figura per onorare la cultura aborigena
asia
2 gior

Gli Usa sbarcano nelle Filippine, accordo anti-Cina

Altre 4 basi per la difesa a Taiwan, la vigilia dell’incontro Blinken-Xi si fa tesa
economia
2 gior

La Bce alza i tassi di mezzo punto

La mossa della Banca centrale europea fa seguito a quella della Fed, che aveva appena fissato un rialzo dello 0,25%
Confine
2 gior

Verbania, ritrovato morto il 54enne disperso da quattro giorni

Probabile una caduta all’origine della fatalità. Il corpo è stato trovato in una cava dismessa in territorio di Mergozzo
Estero
2 gior

Lufthansa pronta a rilevare il 40% del capitale di Ita Airways

Per l’operazione, la compagnia aerea tedesca è disposta a pagare tra i 250 e i 300 milioni di euro. A Fiumicino un ruolo chiave per i voli
08.06.2021 - 20:53
Aggiornamento: 22:12

Chi è Mladic, l’uomo di guerra che si definiva Dio

Responsabile dell'assedio di Sarajevo e del massacro di Srebrenica è ora condannato al carcere a vita. Chiamava le sue capre come i diplomatici occidentali

chi-e-mladic-l-uomo-di-guerra-che-si-definiva-dio
Un murale dedicato a Mladic a Belgrado (Keystone)

Ratko Mladic chiamava le sue capre con i nomi dei politici occidentali che disprezzava e chiamava se stesso Dio. Distribuiva cioccolatini ai bambini e poi gli andava ad ammazzare i genitori. Era il Macellaio di Bosnia, il Boia di Srebrenica, l’uomo che ordinò di fare fuoco su Sarajevo assediata all’urlo di “bruciategli il cervello”, sapendo che non era il numero di morti a contare. La capitale bosniaca andava annichilita nello spirito, fiaccata fino a toglierle ogni speranza con la paura e il suono continuo dell’artiglieria pesante.

Se negli anni della guerra fratricida nell’ex Jugoslavia c’era un massacro in corso da parte dei serbi di Bosnia, lui - come minimo - c’era. Il più delle volte lo guidava.

Mladic porta la guerra con sé da sempre, fin nel nome di battesimo. Guerra in serbo-croato si dice “rat”. In quella parte di mondo, tanti bambini nati come lui durante la Seconda guerra mondiale, venivano chiamati Ratimir, che vuole dire letteralmente “guerra e pace”. Ma la pace, evidentemente, non faceva per lui. E quindi, Ratko. Nato in un paesino di campagna nel 1942, nel 1945 era già orfano di padre, un partigiano ucciso dagli Ustascia croati.


Mladic al processo (Keystone)

Il mio nome è guerra

Il suo luogo di nascita, Bozanovici, è un piccolo villaggio, ma anche un piccolo manuale di quel che erano e spesso continuano a essere i Balcani: mentre Mladic era nel grembo materno, Bozanovici era parte del Regno di Jugoslavia, quando lui nacque era nello Stato-fantoccio croato messo in piedi da nazisti e fascisti. Ha attraversato la Jugoslavia di Tito e oggi è formalmente Bosnia, ma soprattutto Repubblica Srpska, l’entità a maggioranza serba che si sente più legata a Belgrado che a Sarajevo. 

La guerra, in mezzo a cui è nato e a cui non si è mai sottratto, segna anche l’ultimo capitolo della vita di Mladic, condannato definitivamente all’ergastolo per genocidio e crimini contro l’umanità. Lo hanno deciso i giudici del Tribunale dell'Aja, che ha confermato in appello la condanna del 2017. Una sentenza definitiva che non ammette ulteriori ricorsi. Fino a ieri mattina, i legali e i parenti di Mladic erano fiduciosi: puntavano a un’assoluzione piena nonostante le migliaia di testimonianze contro di lui. Perfino i suoi stessi diari, usati come prove, erano contro di lui. Lì c’è - nero su bianco - tutto il suo odio etnico, e quel senso di rivalsa mai sopito per l'antico dominio in quelle terre dell’Impero Ottomano. Per lui i bosniaci erano semplicemente “i turchi”. Detto in senso dispregiativo, ovviamente.


Con Karadzic nel 1993 (Keystone)

La scia di morti

Ci sono voluti trent’anni per condannarlo definitivamente per quel che ha fatto. Nel 1991, nei ranghi di quella che ancora era l’Armata jugoslava, già combatteva contro i croati. Nel maggio del 1992 fu lui a tagliare acqua ed elettricità a Sarajevo. Diventato nel frattempo Capo di Stato Maggiore dell’esercito della Repubblica Srpska di Bosnia, sarà lui il responsabile militare di quel che accadde a Srebrenica nel luglio del 1995: 8’000 morti. Il primo genocidio d’Europa dopo la barbarie nazista.

Del terzetto che ha dominato la Serbia e incendiato i Balcani negli anni Novanta mancava un verdetto definitivo solo nei suoi confronti. Il presidente serbo Slobodan Milosevic è stato trovato morto in carcere nel 2006 mentre era in attesa di processo; il leader politico dei serbi di Bosnia, Radovan Karadzic, è stato condannato nel 2019 a 40 anni di carcere con le stesse accuse che oggi sono valse l’ergastolo a Mladic. E ora si trova in prigione nell'isola di Wight, nel Regno Unito.

Una fuga lunga 15 anni

La prima condanna ai suoi danni arrivò già nel 1995, dal Tribunale internazionale per i crimini in Jugoslavia, l’anno dopo c’era un mandato di cattura con un taglia di 5 milioni di dollari messa dagli americani. Inizialmente, sotto la protezione di Milosevic, riuscì a vivere a Belgrado senza troppi affanni, visto perfino allo stadio durante una gara della Nazionale di calcio. Lo avvisteranno un po’ ovunque, a Mosca, in Grecia, in Montenegro. Riuscirà ogni volta a far perdere le tracce. Si sa solo che ha passato del tempo nello stesso bunker che fu di Tito, ad Han Pijesak, nella “sua” Republika Srpska. La sua cintura di fedelissimi che lo proteggeva da tutto e tutti si sfalderà pian piano una volta che la Serbia si metterà a cercarlo sul serio. Lo troveranno nel 2011 in un villaggio a nord-est di Belgrado: si faceva chiamare Milorad Komadíc. Ma era Ratko Mladic. Lo confermerà un test del Dna.

Dieci anni dopo, a 78 anni, l’ex generale in disarmo ha seguito con le cuffie la lettura del lungo dispositivo della sentenza. Ha la giacca scura e la cravatta azzurra, accanto a lui due agenti della sicurezza. La comunità internazionale esulta, la federazione croato-musulmana di Bosnia vede - alla fine - almeno un po’ di giustizia per le atrocità e le sofferenze patite. Dall’altro lato di un confine che c’è, ma non c’è, in Republika Srpska si celebra un eroe nazionale e si getta discredito su un “processo-farsa voluto dagli americani”. Su uno striscione esposto a Banja Luka, il capoluogo della Bosnia dei serbi, si legge: “Non riconosciamo le sentenze del Tribunale dell'Aja, tu sei l'orgoglio della Republika Srpska”. A dimostrare una volta di più come nei Balcani si sia riusciti a perdere sia la guerra che la pace.


Le preghiere di una donna di Srebrenica a cui è stato ucciso il marito (Keystone)

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved