Detroit Red Wings
NAS Predators
01:00
 
OTT Senators
NY Islanders
01:00
 
MON Canadiens
TB Lightning
01:00
 
TOR Leafs
COB Jackets
01:00
 
BUF Sabres
ANA Ducks
01:30
 
conduttrice-radio-di-bbc-muore-dopo-vaccinazione-astrazeneca
Estero
28.05.2021 - 07:400
Aggiornamento : 18:56

Conduttrice radio di Bbc muore dopo vaccinazione AstraZeneca

Deceduta la popolare Lisa Shaw. In Inghilterra 309 casi di coaguli su 33 milioni di persone trattate col vaccino di Oxford

La pluripremiata conduttrice radiofonica della Bbc Lisa Shaw è morta in ospedale dopo aver sofferto di coaguli di sangue in seguito alla vaccinazione con AstraZeneca. Lo afferma la famiglia e lo riporta il ‘Guardian’. La 44enne ha sviluppato forti mal di testa una settimana dopo aver ricevuto la dose di vaccino e si è ammalata gravemente pochi giorni dopo. È morta venerdì scorso in ospedale a Newcastle dopo essere stata ricoverata in terapia intensiva per coaguli di sangue ed emorragie.

Agli under 40 anni nel Regno Unito viene offerta un'alternativa al vaccino di Oxford, ove disponibile, dopo segnalazioni di coaguli di sangue estremamente rari con piastrine basse. Ci sono stati 309 casi nel Regno Unito su 33 milioni di persone a cui è stato somministrato AstraZeneca. I rischi di coagulo per gli under 40 sono uno su centomila. Con un rischio di morte in tutte le fasce d'età di circa uno su un milione.

Il legame si sta rafforzando

Secondo l'Agenzia di regolamentazione dei medicinali e dei prodotti sanitari del Regno Unito, in ogni caso i benefici del vaccino continuano a superare i rischi per la maggior parte delle persone. Non ha dimostrato che il vaccino causi i coaguli, ma ha detto che il legame si sta rafforzando.

I colleghi e gli ascoltatori hanno reso omaggio a Shaw. Rik Martin, l'editore esecutivo ad interim di Bbc Radio Newcastle, ha dichiarato che «Tutti qui sono devastati e pensano alla bella famiglia di Lisa. Era una collega fidata, una presentatrice brillante, un'amica meravigliosa, moglie e mamma amorevole. Amava stare alla radio ed era amata dal nostro pubblico».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved