chi-e-lukashenko-padre-padrone-della-bielorussia
Aleksander Lukashenko e il suo enorme mappamondo (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Confine
22 min

Oltre 256’000 euro non dichiarati intercettati in dogana

È il totale delle tredici operazioni di controllo contro il traffico transfrontaliero di valuta svolte al valico di Ponte Chiasso nelle ultime settimane
germania
9 ore

Axel Springer licenzia il direttore della Bild

La decisione a seguito di “ricerche sul comportamento” di Reichelt, che non avrebbe “separato in modo chiaro la sfera professionale e quella privata”
Estero
10 ore

Ungheria, un outsider per sfidare Orban

Peter Marki-Zay guiderà il fronte unito delle opposizioni al voto 2022: ‘Ringrazio gli elettori, ora sfidiamo il regime’
Estero
13 ore

Ballottaggi in Italia, il Pd conquista anche Roma e Torino

In mano al centrosinistra tutti i capoluoghi di regione. Trieste unica eccezione. Letta: vittoria trionfale
Estero
13 ore

Russia e Nato ai ferri corti, Mosca rompe le relazioni

Mosca ‘sospende’ il lavoro della sua missione permanente alla Nato come rappresaglia per l’espulsione di otto funzionari accusati di spionaggio
Confine
14 ore

A Varese riconfermato il sindaco di centrosinistra

Al ballottaggio passa Davide Galimberti. Sconfitti il candidato del centrodestra e la Lega di Salvini
Estero
15 ore

Morto di Covid Colin Powell, ex segretario di Stato di Bush

L’84enne fu il primo afroamericano a ricoprire il ruolo di capo di Stato maggiore prima di divenire segretario di Stato sotto George W. Bush
Confine
16 ore

Una pista ciclabile di 5 km lungo il Ceresio più selvaggio

Risorge il progetto di cui si parla da 25 anni da Osteno a Santa Margherita di Valsolda dopo il via libera al finanziamento degli enti preposti
Estero
16 ore

Comunali in Italia, il centrosinistra avanti a Roma e Torino

Gli exit poll danno in vantaggio Gualtieri nella capitale e Lo Russo sotto la Mole. Trieste in bilico
Estero
17 ore

È morto Angelo Licheri, cercò di salvare Alfredino nel pozzo

Licheri si offrì volontario e si fece calare a testa in giù per 45 minuti nel pozzo in cui era caduto il bambino di Vermicino, ma senza successo
Estero
17 ore

Escort a Berlusconi, per Tarantini 2 anni e 10 mesi definitivi

La Corte di Cassazione ha confermato la condanna all’imprenditore pugliese per aver portato escort nelle residenze dell’ex premier fra il 2008 e il 2009
Confine
19 ore

Fino Mornasco, scritta ‘Sindacati nazisti’ fuori dalla sede Cgil

Lo rende noto il sindacato precisando che non si tratta del primo caso in zona: presa di mira anche la Camera del Lavoro di Lomazzo
Estero
19 ore

Trieste, dopo lo sgombero manifestanti in centro, agente ferito

Il corteo che è stato allontanato dal porto sta attraversando il centro della città. Un agente è rimasto ferito, al vaglio la posizione di 5/6 persone
Estero
20 ore

Contromano e in velocità, posta video su Instagram: rintracciato

Per un 28enne bergamasco 450 euro di multa e il ritiro della patente: il video in diretta delle follie al volante è arrivato anche ai carabinieri
Estero
20 ore

Nel Pacifico ‘un’isola felice’ vicina al 100% di vaccinati

La repubblica di Palau, 500 isole nel Pacifico Occidentale, ha il 99% di popolazione sopra i 12 anni vaccinata. Finora registrati solo 8 casi e 0 decessi
Video
Estero
23 ore

Trieste, in corso sgombero del presidio ‘no Green Pass’ al porto

I manifestanti stazionavano davanti al varco 4. Azionati gli idranti per disperderli
Confine
23 ore

Streaming pirata: denunciato fornitore a Varese e 1’800 clienti

Gli accessi venivano concessi tramite proprie strutture informatiche dietro pagamento di un canone mensile. Denunciati per ricettazione i sottoscrittori
Estero
1 gior

Facebook creerà 10mila posti di lavoro in Europa in 5 anni

L’investimento sarà orientato allo sviluppo del metaverso, un insieme interconnesso di esperienze che coinvolge sia il mondo digitale sia quello fisico
italia
1 gior

A 13 anni spara col fucile per errore e uccide la sorella

La tragedia nel Bresciano: il giovane non è imputabile, mentre il padre è indagato per gestione di armi
Estero
26.05.2021 - 22:180
Aggiornamento : 23:18

Chi è Lukashenko, padre padrone della Bielorussia

Presidente dal 1994, iniziò il primo mandato impallinando mongolfiere. Ora sequestra aerei. Ascesa di un figlio di contadini che amava trattori e fisarmonica

Si fa chiamare Batka, che vuol dire papà. Come ai tempi degli zar. E papà ha un vecchio conto in sospeso con chi vola: nel 1995, quando era presidente da poco più di un anno, diede la caccia a tre mongolfiere entrate nello spazio aereo bielorusso durante una gara internazionale, la Gordon Bennett Cup. Quell’anno la competizione si svolgeva nella vicina Polonia e gli organizzatori si erano premurati di avvisare di potenziali sconfinamenti. I militari bielorussi se ne infischiarono, abbatterono una mongolfiera – in cui restarono uccisi due americani – e ne fecero atterrare altre due, arrestando i quattro a bordo. Minsk non si scusò mai per quell’episodio e ha sempre rifiutato indennizzi o risarcimenti.

Dietro questo arroccamento c’è lui, Batka, ovvero Aleksander Grigorievich Lukashenko, nato il 30 maggio del 1954 non si sa bene dove, sebbene in Bielorussia ai tempi dell’Urss. È un mistero l’identità del padre, che non ha mai conosciuto, è un mistero il luogo di nascita: la madre, al tempo, lavorava in una fabbrica di Orsha, lui ha detto di essere nato ad Aleksandriya, poco più a sud, ma - almeno per gli occidentali e secondo alcune sue biografie - risulta essere nato in un altro villaggio: Kopys.

Un'infanzia contadina

Lukashenko non ha mai voluto dare troppe informazioni sulla sua infanzia, ricordando solo di essere cresciuto tra piante e animali, facendo lavori umili e mungendo mucche. A pesargli è stata soprattutto la mancanza del padre, che i ragazzini del paese sottolineavano con la spietatezza del gruppo ribattezzandolo “bastardo”. Il giovane Aleksander cresce studiando agraria e facendosi largo tra i giovani comunisti del Komsomol, dove crescono i futuri quadri del partito unico. Ha inizialmente sogni modesti: guidare trattori e suonare la fisarmonica. Man mano che fa carriera, però, capisce di poter ambire a qualcosa di più. Dopo cinque anni nei ranghi militari, finirà a dirigere un sovchoz, una di quelle aziende agricole in mano allo Stato sovietico dove i contadini venivano regolarmente stipendiati in cambio dell’intero raccolto. Lì, Lukashenko comincerà a familiarizzare con la base del suo futuro elettorato, operai e contadini, apprendendo la lingua dei lavoratori, un misto di russo e bielorusso che si rivelerà negli anni un’arma fondamentale per farsi riconoscere come un uomo del popolo.


Lukashenko versione hockeista (Keystone)

Tra i più intraprendenti manager statali della sua fetta di Unione Sovietica, Lukashenko crea una terza via, a metà tra le due anime di un Paese sull’orlo dell’implosione. Siamo agli inizi degli anni Novanta e come in tutta l’Urss ci si divide tra spinte separatiste e aficionados del Cremlino, una nomenklatura altolocata con cui lui, figlio di una contadina, non ha accesso. Gli indipendentisti duri e puri battono sul tasto della piccola grande Bielorussia, lui, sprezzante dice che “nulla di grande potrà mai essere espresso in bielorusso” e flirta - cautamente - con gli uomini che potrebbero prendere il potere una volta finita l’era Gorbaciov.

La terza via

Entra nel Soviet bielorusso con un partito che è un’acrobazia linguistica, soprattutto a quei tempi e in quei luoghi, Comunisti per la democrazia. Sa che quell’essere dentro, ma allo stesso tempo fuori dall’impero sull’orlo del collasso non potrà che favorirlo. Nel 1991 è l’unico a votare contro la dissoluzione dell’Urss, riuscendo a liberarsi di una parte dei suoi nemici (i filorussi duri e puri) senza sporcarsi le mani. L’occasione di far fuori anche la componente nazionalista arriva nel 1993, quando per i suoi toni accesi e i suoi discorsi populisti viene scelto a dirigere la Commissione anti-corruzione. Da quella poltrona infilzerà uno a uno tutti quelli che potrebbero impedirgli di arrivare alla presidenza. Accuserà 70 persone, tutte sacrificate sull’altare di una nuova Bielorussia, la sua. Tra questi anche il presidente del Parlamento e il presidente provvisorio, Stanislav Shushkevich, dato per favorito alle elezioni del 1994.

Shushkevich fu accusato di aver rubato delle scatole di chiodi per la sua dacia. Sembra un’inezia in tempi in cui sparivano rubli a camionate, quei chiodi bastarono però per la sua crocifissione mediatica. Si presenterà comunque alle presidenziali, ma otterrà un misero dieci per cento. A vincere saranno ovviamente Lukashenko e il suo partito anti-corruzione: 45% delle preferenze al primo turno, 80% al secondo. Un plebiscito, non l’ultimo. Visto che “l’ultimo dittatore d’Europa”, come è stato definito a più riprese da emissari di Bruxelles e Washington, vincerà altre cinque volte, l’ultima l’anno scorso, restando ininterrottamente in carica dal 1994. A luglio saranno ventisette anni e non si vede la fine.


Con l'amata uniforme (Keystone)

L’ultimo dittatore d’Europa

Da allora ha prima allungato il mandato presidenziale da cinque a sette anni, poi ha cacciato dal Parlamento i deputati che non gli erano fedeli, semplicemente sostituendoli, ha lodato Hitler, litigato con il Comitato Olimpico Internazionale, stretto legami con Mosca come nessuno degli ex Paesi dell’Urss, riportato alcuni simboli sovietici a Minsk, battagliato con gli ambasciatori di Regno Unito, Francia, Italia, Usa, Grecia, Germania e Giappone accusandoli di cospirazionismo. Ha perfino candidamente ammesso di aver truccato al ribasso i voti di una sua elezione per aver numeri più compatibili con standard europei. Ha cambiato le regole in corsa, imprigionato avversari politici, licenziato in diretta tv uomini dell’apparato che non gli servivano più. Per lui l’Unione Europea è “uno zoo”, gli avversari politici “anatre a cui torcere il collo”. Nel delirio di onnipotenza si mette a litigare con Mosca sulle forniture del gas, mostra i muscoli e cerca di creare una terza via pure qui, creando un’alleanza basata anche sul traffico di armi: dentro ci sono Paesi come Siria, Libia, Iraq, Libano, Costa d’Avorio, Sudan. Diventa amico del venezuelano Chávez, firma accordi col dittatore peruviano Fujimori. Il Cremlino intanto gli fa capire chi comanda, lui sbraita quanto basta per non far cadere il suo mito in patria e si rimette a fare il bravo alleato.

Nel frattempo la Bielorussia viene sempre più emarginata, paragonata alla Corea del Nord, la dittatura con il Presidente Eterno. Un’idea, quest’ultima, che non sembra dispiacergli.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved