nuovi-scontri-sulla-spianata-delle-moschee-centinaia-i-feriti
Keystone
ULTIME NOTIZIE Estero
Confine
2 min

Luinese, consigliere della Lega nei guai con la droga

Deteneva marijuana nella sua abitazione e faceva ‘lo sceriffo in paese. Aveva pure minacciato con l’ascia un ex tossico
Estero
1 ora

Trump di nuovo all‘attacco: ’Riprendiamoci l’America’

L’ex presidente, durante un comizio in Arizona, ha affermato che ‘la vera insurrezione non fu l’assalto a Capitol Hill ma il giorno dell’Election Day’
Estero
18 ore

Usa: dopo l’eruzione Tonga, onde arrivate anche alle Hawaii

Il National Tsunami Warning Center ha lanciato un’allerta tsunami per la costa occidentale degli Stati Uniti, Alaska compresa
Francia
18 ore

Clip ‘elettorali’ davanti al Louvre, il museo contro la Le Pen

La politica francese si fa riprendere nello stesso punto dove Macron, appena eletto, iniziò il suo mandato. Il museo: ‘Serve l’autorizzazione’
Estero
23 ore

Erutta un vulcano sottomarino, allarme tsunami da Tonga a Fiji

L’eruzione è durata otto minuti ed è stata così violenta da essere stata udita nelle Fiji, a più di 800 km di distanza. Emergenza in tutto il Pacifico
Estero
1 gior

Usa: una task force prepararsi a future varianti

Si chiamerà ‘Pandemic Innovation Task Force’ e si concentrerà sullo sviluppo di vaccini, cure e test diagnostici
Estero
1 gior

Modella brasiliana muore di Covid a 18 anni

Valentina Boscardin era doppiamente vaccinata e sana
italia
1 gior

Berlusconi (quasi) candidato al Quirinale

Il centrodestra lo ha scelto per il dopo Mattarella, ma la sinistra insorge: ‘Non può fare il presidente della Repubblica’
Estero
1 gior

L’assassino di Bob Kennedy resta in carcere

Il governatore della California: ‘Sirhan resta un uomo pericoloso’. La famiglia plaude alla decisione
Estero
1 gior

‘Putin prepara il pretesto per invadere l’Ucraina’

Gli americani sempre più convinti. Intanto spunta un attacco hacker contro Kiev, la Nato e l’Ue offrono sostegno
Estero
1 gior

Basta green pass e smart working, Londra verso la svolta

In Francia ipotesi solo agli over 16. In Germania resta alto l’allarme
Estero
1 gior

La Sindrome dell’Avana a Ginevra

L’oscura malattia neurologica dei diplomatici statunitensi rilevata nel 2016 a Cuba si espande. Si teme sia un attacco elettromagnetico di russi o cinesi
Estero
1 gior

Croazia: in dieci anni persi quasi 400mila abitanti

Per la prima volta in sessant’anni la popolazione scende sotto la soglia dei quattro milioni
10.05.2021 - 09:280
Aggiornamento : 12:03

Nuovi scontri sulla Spianata delle Moschee, centinaia i feriti

Pietre e granate assordanti; tensione per gli sgomberi a Sheikh Jarrah. Re Abdallah di Giordania: ‘Basta violazioni’. Da Gaza lanciati due razzi dai palestinesi

a cura de laRegione

Il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite (Unsc) dovrebbe riunirsi più tardi nel corso della giornata per discutere la situazione nella Città Santa, ma la situazione non dovrebbe essere risolta fino alla fine dell'anno.

In risposta all'escalation, una riunione del Consiglio di sicurezza dell'Onu è prevista più tardi in giornata sulla situazione a Gerusalemme, su richiesta della Tunisia.

La ripresa della violenza ha coinciso con il "Jerusalem Day", che segna la conquista di Gerusalemme Est da parte del calendario ebraico. La mattina presto, centinaia, se non migliaia, di palestinesi hanno lanciato proiettili contro le forze di sicurezza israeliane posizionate all'interno della Spianata delle Moschee, il terzo sito più sacro dell'Islam, chiamato dagli ebrei il Monte del Tempio.

Un reporter dell'Afp ha anche visto decine di feriti che venivano sfollati dalla spianata in ambulanze a sirene spiegate nelle vicinanze della città vecchia di Gerusalemme. “Ci sono centinaia di persone ferite negli scontri”, circa 50 delle quali hanno dovuto essere ricoverate in ospedale, ha detto la Mezzaluna Rossa palestinese in un breve messaggio ai giornalisti.

La polizia israeliana ha detto in un comunicato che stava lavorando per cercare di arginare la violenza sulla spianata ma anche “in altre aree della città vecchia di Gerusalemme”. Ha aggiunto che “la preghiera continua come al solito” al Muro del Pianto, che confina con la spianata, ma “non permetteremo agli estremisti di minacciare la sicurezza del pubblico”.

Venerdì sera, più di 200 persone, soprattutto palestinesi, sono state ferite in scontri tra polizia e palestinesi sulla Spianata delle Moschee. Sabato e domenica, la calma era tornata nella spianata, ma gli scontri sono continuati tra i palestinesi e la polizia israeliana in altre zone di Gerusalemme Est, lasciando più di cento palestinesi feriti, secondo la Mezzaluna Rossa palestinese. Anche la polizia israeliana ha riportato feriti tra le sue fila.

Sheikh Jarrah, Gaza

Ieri il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu aveva avvertito che lo stato ebraico “continuerà a garantire la libertà di culto, ma non permetterà rivolte violente”.

“Faremo rispettare la legge e l'ordine, con fermezza e responsabilità”, ha detto, difendendo lo sviluppo degli insediamenti ebraici a Gerusalemme Est. “Gerusalemme è la capitale di Israele. Mentre ogni nazione costruisce la sua capitale, anche noi abbiamo il diritto di costruire a Gerusalemme. Questo è quello che abbiamo fatto e questo è quello che continueremo a fare”.

Uno dei vettori di tensione a Gerusalemme Est nelle ultime settimane è stata la situazione delle famiglie palestinesi nel quartiere di Sheikh Jarrah che sono minacciate di sfratto a favore dei coloni ebrei. Un'udienza chiave della Corte Suprema nel caso era prevista per oggi, ma è stata rinviata “alla luce del contesto attuale”, ha detto la corte.

Nel frattempo nella Striscia di Gaza, un'enclave palestinese controllata dagli islamisti di Hamas, palloni incendiari e razzi sono stati lanciati contro Israele a sostegno dei manifestanti di Gerusalemme.

L'esercito israeliano ha annunciato il lancio di sette nuovi razzi domenica notte e lunedì presto da Gaza verso il sud di Israele, due dei quali sono stati intercettati dal sistema anti-missile israeliano ‘Iron Dome’ e tre sono atterrati in lotti liberi senza causare feriti o danni.

Per rappresaglia, i carri armati israeliani “hanno attaccato le postazioni militari di Hamas” nel sud della Striscia di Gaza, ha detto l'esercito, che ha anche chiuso il valico di Erez, l'unico che permette alla popolazione di Gaza di partire per Israele.

Inviti alla calma

Gli Stati Uniti, che sono il principale alleato di Israele, hanno invitato “i funzionari israeliani e palestinesi ad agire per porre fine alla violenza” e hanno espresso preoccupazione per “la potenziale espulsione delle famiglie palestinesi da Sheikh Jarrah”.

Gli Emirati Arabi Uniti, il Bahrein, il Marocco e il Sudan – quattro paesi arabi che hanno normalizzato le loro relazioni con Israele negli ultimi mesi – hanno espresso la loro “profonda preoccupazione” chiedendo a Israele di calmarsi. Lo stesso vale per il Quartetto del Medio Oriente (Usa, Russia, Onu, Unione Europea) che ha invitato Israele a mostrare “moderazione”. Da parte sua, il segretario generale delle Nazioni Unite ha espresso la sua “profonda preoccupazione” e ha esortato Israele a mostrare “la massima moderazione”.

In Giordania, un paese in pace con Israele dal 1994, centinaia di manifestanti ad Amman hanno chiesto la chiusura dell'ambasciata israeliana e l'espulsione del suo ambasciatore.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved