new-york-alza-le-tasse-stangata-ai-ricchi
Wall Street, simbolo del potere economico di New York (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
8 ore

Fermata di nuovo la giornalista russa col cartello ‘No War’

Marina Ovsyannikova era apparsa in tv durante un tg inneggiando alla pace: ora rischia fino a dieci anni di carcere
alpi
8 ore

Persi 200 ghiacciai, lo zero termico a 5mila metri

La temperatura registrata in Svizzera, a luglio, all’altezza di 5’184 metri. ‘Un dato senza precedenti’
Estero
8 ore

‘È in ritardo’, torna indietro la prima nave ucraina con il mais

Partita da Odessa per il Libano, l’acquirente non ha voluto farla attraccare e si è infine diretta verso la Turchia
pacifico
9 ore

La Cina chiude le manovre a Taiwan, ma la tensione resta alta

Pechino ha ribadito il proposito di prendere il controllo dell’isola anche con la forza, se necessario. Per Taipei non ci sarà alcuna riunificazione
la guerra in ucraina
9 ore

Kiev, a Zaporizhzhia il rischio di una nuova Fukushima

‘I russi danneggiano la centrale’. Zelensky azzarda: ‘Libereremo la Crimea’
Estero
9 ore

Trump interrogato sul fisco a New York: ‘Non rispondo’

L’ex presidente invoca il quinto emendamento e attacca la procuratrice afroamericana James, accusata di essere ‘razzista’
Estero
10 ore

Naufragio nell’Egeo, sono 50 i profughi dispersi in mare

Sulla barca salpata dalla Turchia, diretta in Italia, c’erano circa 80 persone. Intanto gli sbarchi sulle coste italiane entrano nella campagna elettorale
italia
10 ore

Niente calcio in piazza, arriva la protesta dello smartphone

A Melendugno, nel Salento, bambini incollati al cellulare per contestare la decisione di vietare i giochi col pallone nel centro abitato
Estero
11 ore

Rinuncia all’eredità di 4 miliardi: ‘Potrei non essere felice’

Marlene Engelhorn, discendente del fondatore del colosso Basf: sua nonna è al 687º posto nella classifica dei più ricchi del mondo stilata da Forbes
Estero
12 ore

Trump non risponderà alle domande del procuratore di New York

L’ex presidente invoca il quinto emendamento che consente di non testimoniare contro sé stessi nell’indagine fiscale ed evoca la caccia alle streghe
07.04.2021 - 22:06
Ansa, a cura de laRegione

New York alza le tasse, stangata ai ricchi

Un conto salato che rischia di innescare una fuga dalla città che per anni si è vantata di essere la capitale della ricchezza mondiale

Stangata in arrivo per i super ricchi di New York. Lo stato ha approvato un aumento delle tasse per chi guadagna oltre un milione di dollari l'anno, introducendo anche due nuove aliquote per colpire chi ha redditi superiori ai cinque e ai 25 milioni. Una vera batosta per i paperoni che risiedono nella Grande Mela: sommando alle tasse statali quelle da pagare alla città si troveranno alle prese con l'aliquota fra il 13,5% e il 14,8%, la più alta d'America. Se poi si conteggiano anche le tasse federali, secondo i calcoli di alcuni esperti, il tasso marginale schizza fino al 51,8%, più alto di quello dei paesi europei a maggior tassazione.

Rischio fuga di milionari

Un conto salato che rischia di innescare una fuga dalla città che per anni si è vantata di essere la capitale della ricchezza mondiale, dell'ambizione e del successo. Titoli prestigiosi ai quali la pandemia sta dando un duro colpo, soprattutto in termini di ricchezza. New York infatti non è più la capitale mondiale dei miliardari: nell'ultimo anno - secondo Forbes - è stata superata da Pechino, che conta 100 super ricchi grazie ai 33 miliardari 'guadagnati' nel 2020. La Grande Mela invece ne ha aggiunti sono sette, per un totale di 99. Il grande sorpasso cinese, secondo alcuni osservatori, rischia di essere solo l'inizio. L'inasprimento della pressione fiscale potrebbe infatti innescare una fuga dalla città stile anni-1970, quando molti paperoni scelsero la Florida e le sue basse tasse. La tentazione per i milionari è indubbiamente forte: le ferite del Covid sono evidenti in una New York privata delle luci di Broadway, della moda e dei suoi bar. Senza contare gli uffici chiusi e il grande interrogativo sulla loro riapertura.

La Florida rilancia

La Florida guarda da lontano e dietro le quinte ha già lanciato la sua offensiva: oltre alle aliquote basse e alle migliori condizioni meteo, lo stato sta corteggiando banche, aziende e multinazionali per convincerle a trasferirsi o almeno spostare parte degli uffici. Il sindaco di Miami punta a trasformare la città in un hub tecnologico e delle criptovalute, cercando di replicare il successo della Silicon Valley. Neo della Florida, secondo molti newyorkesi, è però l'assenza di vita culturale e soprattutto il fatto di essere uno stato repubblicano, dove fra l'altro risiede uno dei 'newyorkesi più odiati', l'ex presidente Donald Trump. E così sono salite di recente le quotazioni del Texas: a piacere è la liberal Austin, città universitaria scelta anche da Elon Musk, il patron di Tesla, che l'ha preferita alla California.

Verso le elezioni

Intravedere al momento un ritorno alla normalità a New York, o quantomeno a un nuovo normale tutto da definire, non è facile anche per motivi politici. Se da un lato si avvicinano le elezioni per sostituire Bill de Blasio a sindaco della città, dall'altra parte c'è la crisi di Andrew Cuomo. Il governatore è l'autore dell'aumento delle tasse nell'ambito di una manovra di bilancio da 212 miliardi di dollari che prevede anche la legalizzazione delle scommesse online. Un aumento al quale si è opposto per anni ma che ora, indebolito dallo scandalo degli abusi sessuali, è stato costretto a ingoiare ignorando gli appelli della comunità finanziaria. Un volta faccia che preoccupa per le sue conseguenze sullo stato e sulla città, che senza azione rischiano - come descritto dalla prima pagina del New York Post - un "futuro devastante".

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
florida new york ricchi stangata tasse
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved