cina-svelato-piano-per-un-genocidio-culturale-degli-uiguri
Un membro della comunità uigura che vive in Turchia durante una protesta contro la Cina, a Istanbul (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
50 min

Caso ‘Carlos’, tre psichiatri oggi in tribunale

Processo d’appello ai tre medici, assolti in prima istanza dall’accusa di sequestro di persona per aver legato il giovane al letto per 13 giorni
Confine
1 ora

Tilo sostituiti da bus fra sabato 30 e domenica 31 ottobre

Il provvedimento causa nuovi sistemi di sicurezza toccherà il tragitto tra le stazioni di Como San Giovanni, Monza e Milano Centrale
Italia
3 ore

Un’altra notte di tregua a Catania, aspettando il ciclone

Oggi è spuntato il sole sulla città etnea, ma nelle prossime ore sulle coste della Sicilia orientale potrebbe abbattersi un uragano mediterraneo
Estero
14 ore

L’Iran annuncia il ritorno ai negoziati sul nucleare

Erano bloccati da giugno, dopo l’elezione del falco Raisi. Ancora nessuna conferma ufficiale da parte dell’Ue.
Estero
16 ore

Al via il processo in appello di Julian Assange

Battaglia cruciale dinanzi alla giustizia britannica. Il cofondatore rischia l’estradizione negli Stati Uniti. Ci vorranno mesi per la sentenza.
Estero
16 ore

Israele sfida gli Usa con 3’100 nuove case in Cisgiordania

Anche la sinistra nel Paese è contraria. Dal presidnete dell’Anp Abu Mazen ‘condanna e rifiuto totale’.
Estero
16 ore

‘Bolsonaro sia giudicato per crimini contro l’umanità’

La richiesta proviene da una commissione del Senato brasiliano. ‘Sulla pandemia ha agito da serial killer’.
Video-gallery
Estero
17 ore

Il ciclone-uragano MediCane ora fa davvero paura

Muove i suoi tentacoli carichi di acqua, vento ed elettricità sul versante ionico del Mediterraneo portando morte e devastazione
Estero
18 ore

Affossata al Senato italiano la legge contro l’omotransfobia

La votazione è avvenuta a scrutinio segreto. Per il segretario Pd Letta: ‘Hanno voluto fermare il futuro’
Estero
03.03.2021 - 18:190
Aggiornamento : 21:13

Cina, svelato piano per un 'genocidio culturale' degli uiguri

Secondo uno studio messo online e poi rimosso, Pechino vuole 'spalmare' nella regione la minoranza musulmana per favorirne la perdità di identità culturale

La Cina punta a ridurre la densità della popolazione uigura nello Xinjiang quale ulteriore misura di persecuzione della minoranza di fede musulmana, portando avanti quello che esperti di diritti umani e alcuni governi definiscono un "genocidio culturale". Secondo uno studio pubblicato accidentalmente online e ripreso dai media internazionali, i programmi di lavoro dello Xinjiang sono stati pensati anche per diluire il più possibile la loro presenza, spalmandola nella regione in modo da favorire la perdita dell'identità culturale.

Il rapporto dell'Università di Nankai, da cui sono stati attinti ulteriori dettagli, è stato rimosso a metà 2020, ma una copia era stata archiviata da Adrian Zenz, un ricercatore tedesco autore di diverse ricerche sul tema che sta creando sempre più attriti tra Pechino e la comunità internazionale, malgrado il governo cinese abbia negato le accuse di lavori forzati e di trasferimenti di manodopera nella vasta regione del nordovest.

Pechino ha affermato che le politiche messe a punto per la regione sono solo su base volontaria, agganciate alla libera adesione dei singoli, nell'ambito degli obiettivi di riduzione della povertà e della lotta all'estremismo, al fondamentalismo religioso e al terrorismo.

Il rapporto Nankai, tuttavia, rimarca proprio che i trasferimenti di manodopera sono anche una misura pensata per il lungo termine che "non solo riduce la popolazione uigura in densità nello Xinjiang, ma è anche un metodo importante per influenzare, sciogliere e assimilare le minoranze".

In altri termini, lo scopo è di lasciare che le minoranze "cambino gradualmente pensiero e comprensione, trasformando i loro valori e la loro visione della vita attraverso un cambiamento dell'ambiente circostante e il lavoro".

A tale scopo, il rapporto - che ha raccomandato al governo di espandere i piani anche alle regioni centrali e orientali della Cina per soddisfare le richieste di lavoro - ha pure sottolineato che i programmi sono da considerare su base "volontaria", fornendo però dettagli contraddittori con l'inclusione, ad esempio, di obiettivi come la mobilità forzata dei lavoratori e la necessità di guardie di sicurezza nelle squadre di approvvigionamento di manodopera.

L'ex consigliere senior dell'Holocaust Memorial Museum degli Stati Uniti, Erin Farrell Rosenberg, ha trovato "motivi credibili per concludere" che il programma di trasferimento di manodopera dello Xinjiang soddisfi i criteri di crimini contro l'umanità. "Nello specifico, ci sono prove sostanziali che il governo cinese stia conducendo un attacco diffuso e sistematico contro la popolazione civile uigura" con una regia centralizzata, ha notato Rosenberg citato dal "Guardian".

"Inoltre ci sono motivi credibili per concludere che i crimini contro l'umanità di trasferimento forzato e persecuzione si stiano verificando", ha aggiunto. Zenz e Rosenberg hanno espresso preoccupazione per il fatto che i programmi di trasferimento degli uiguri siano stati analizzati principalmente con la lente del lavoro forzato "e non per quanto riguarda lo sfollamento forzato dalle case e dalla loro comunità".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved