la-cina-e-il-lavoro-forzato-nelle-piantagioni-di-cotone
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
1 ora

Caso ‘Carlos’, tre psichiatri oggi in tribunale

Processo d’appello ai tre medici, assolti in prima istanza dall’accusa di sequestro di persona per aver legato il giovane al letto per 13 giorni
Confine
2 ore

Tilo sostituiti da bus fra sabato 30 e domenica 31 ottobre

Il provvedimento causa nuovi sistemi di sicurezza toccherà il tragitto tra le stazioni di Como San Giovanni, Monza e Milano Centrale
Italia
4 ore

Un’altra notte di tregua a Catania, aspettando il ciclone

Oggi è spuntato il sole sulla città etnea, ma nelle prossime ore sulle coste della Sicilia orientale potrebbe abbattersi un uragano mediterraneo
Estero
15 ore

L’Iran annuncia il ritorno ai negoziati sul nucleare

Erano bloccati da giugno, dopo l’elezione del falco Raisi. Ancora nessuna conferma ufficiale da parte dell’Ue.
Estero
17 ore

Al via il processo in appello di Julian Assange

Battaglia cruciale dinanzi alla giustizia britannica. Il cofondatore rischia l’estradizione negli Stati Uniti. Ci vorranno mesi per la sentenza.
Estero
17 ore

Israele sfida gli Usa con 3’100 nuove case in Cisgiordania

Anche la sinistra nel Paese è contraria. Dal presidnete dell’Anp Abu Mazen ‘condanna e rifiuto totale’.
Estero
17 ore

‘Bolsonaro sia giudicato per crimini contro l’umanità’

La richiesta proviene da una commissione del Senato brasiliano. ‘Sulla pandemia ha agito da serial killer’.
Video-gallery
Estero
18 ore

Il ciclone-uragano MediCane ora fa davvero paura

Muove i suoi tentacoli carichi di acqua, vento ed elettricità sul versante ionico del Mediterraneo portando morte e devastazione
Estero
19 ore

Affossata al Senato italiano la legge contro l’omotransfobia

La votazione è avvenuta a scrutinio segreto. Per il segretario Pd Letta: ‘Hanno voluto fermare il futuro’
Confine
20 ore

Como, riapre il 1° novembre il dormitorio per senzatetto

Torna il servizio di accoglienza notturna ‘Emergenza freddo’. In via Borgovico saranno ospitati oltre 30 indigenti, ma il fabbisogno sarebbe per 150
Estero
20 ore

Emesso il primo passaporto con la X per il terzo genere

Un passo storico negli Stati Uniti per le persone che non si riconoscono nella categoria binaria maschio o femmina
Estero
22 ore

Brasile, cittadino svizzero ucciso con tre colpi alla testa

L’omicidio avvenuto a Goianésia, sarebbe avvenuto per un diverbio su questioni di soldi. Arrestato l’assassino, avrebbe rapito l’uomo prima di ucciderlo
Estero
22 ore

Corte Ue, multa di 1 milione di euro al giorno alla Polonia

Varsavia sanzionata per non aver sospeso l’applicazione delle disposizioni nazionali sulle competenze della camera disciplinare della Corte Suprema
Estero
22 ore

Chiavi di green pass rubate: in rete falso certificato di Hitler

Il green pass intestato ad Adolf Hitler e valido a un controllo con l’app di verifica, è realizzato con chiavi digitali sottratte illegalmente
Video
Italia
23 ore

Uragano mediterraneo sulla Sicilia, è stato di emergenza

Dopo l’alluvione a Catania, previsto per domani l’arrivo di un ‘MediCane’, la tempesta con potenza pari a un uragano di grado 1 della scala Saffir
Estero
15.12.2020 - 16:580
Aggiornamento : 19:04

La Cina e il lavoro forzato nelle piantagioni di cotone

Secondo la Bbc, viene imposto agli Uiguri e altre minoranze. Dopo i campi di detenzione, è l'ennesima testimonianza di abusi nello Xinjiang

Più di mezzo milione di Uiguri sarebbe costretto ogni anno a raccogliere cotone nelle piantagioni dello Xinjiang. A rivelare i lavori forzati è la Bbc alla luce di una messe di documenti, testimonianze fotografiche, immagini satellitari e sopralluoghi pur ostacolati dalle autorità locali. Si tratterebbe dell’ennesima violazione dei diritti umani ai danni della minoranza musulmana turcofona – 11 milioni di anime delle quali oltre un milione si ritiene detenuto in campi di concentramento – e di altre minoranze locali. Il problema si pone anche per tutta la filiera internazionale dell’abbigliamento, dato che il 10% del cotone mondiale viene da quelle parti.

La Cina respinge l’accusa che quei gruppi di persone scortate dalla polizia nei campi – ma anche nelle fabbriche tessili – siano lì contro la loro volontà: si tratterebbe in realtà di programmi di addestramento professionale volti ad alleviare la povertà della minoranza uigura. Ma secondo il dottor Adrian Zenz, che ha fornito parte della documentazione ed è senior fellow alla Fondazione memoriale per le vittime del comunismo a Washington, le nuove scoperte “hanno implicazioni di portata storica. Per la prima volta abbiamo le prove non solo del lavoro forzato uiguro nelle manifatture e nelle fabbriche d’abbigliamento. Ora parliamo direttamente di raccolta del cotone”. Secondo Zenz, a questo punto “chiunque abbia a cuore l’approvvigionamento etico deve osservare lo Xinjiang e dire: così non possiamo più andare avanti”.

Lo schema di reclutamento, sempre secondo Zenz e la Bbc, pare essere il seguente: le singole prefetture si coordinano coi produttori per “mobilitare e organizzare”, “tramite il trasferimento di lavoratori”, la raccolta e la lavorazione del cotone. Comincia dunque la pressione casa per casa nei villaggi, anche attraverso quello che viene definito dalle stesse autorità “lavoro di educazione del pensiero”, fino a quando non si ottengono abbastanza persone da “esportare”. Una politica che permette anche di compensare l’esodo di massa dei contadini poveri dalle campagne cinesi ai grandi centri industriali. Ma soprattutto una strategia volta all’assimilazione forzata della minoranza musulmana, con lo scopo di spingerla – sempre secondo la versione ufficiale – a “resistere consapevolmente ad attività religiose illegali”. Per molti osservatori: un genocidio culturale.

La repressione si è inasprita dopo un paio di attentati da parte di terroristi islamici nel 2013 e nel 2014: secondo alcune testimonianze ora basta pregare cinque volte al giorno al di fuori delle moschee autorizzate, essersi recati all’estero o installare app di comunicazione criptata per ritrovarsi in un campo di “deradicalizzazione”. Arbitri, violenze anche sessuali, rieducazione coatta e lavoro estenuante paiono contraddistinguere la vita in questi centri di detenzione, che tuttavia restano off-limits per gli osservatori stranieri.

Ai campi di detenzione e al lavoro forzato nelle fabbriche si aggiunge dunque quello nelle piantagioni; lavoro che non proviene principalmente dai campi di concentramento, quanto piuttosto da interi villaggi, ai quali la raccolta del cotone dovrebbe servire per “rafforzare l’istruzione ideologica e l’educazione all’unità etnica”. E se a questi lavoratori viene pur dato un salario – oltre 700 dollari al mese secondo le carte di Pechino, circa 250 secondo altre fonti – ciò non significa che ci si rechi al lavoro volontariamente. D’altronde alle piantagioni si verrebbe trasportati in gruppi, costantemente sorvegliati da agenti di sicurezza che si occuperebbero anche di rieducazione culturale. “La gente va perché ha paura di finire in prigione”, testimonia un uiguro che vive in Europa, alla cui madre sarebbe toccata in sorte la piantagione. Pechino smentisce: “I lavoratori di tutti i gruppi etnici scelgono liberamente il loro lavoro”, e i loro “volti sorridenti sono la risposta più potente alle bugie e ai pettegolezzi degli Americani”.

Non la pensa così la Better Cotton Initiative, un organismo di certificazione della filiera del cotone che verifica il rispetto degli standard etici e della sostenibilità, e che ha smesso di certificare l’opaca rete di produzione dello Xinjiang. “Anche se i lavoratori ottengono uno stipendio decente, il che è possibile, potrebbero non aver scelto liberamente il loro lavoro”, dichiara il direttore Damien Sanfilippo alla Bbc.

Per ora, comunque, la dissuasione da certi metodi non viene dalle multinazionali che il cotone lo comprano: di trenta grandi gruppi della moda interpellati dalla Bbc, solo quattro hanno dichiarato di assicurarsi che il materiale acquistato non venga dallo Xinjiang. Veto d’altronde sbagliato dal punto di vista delle autorità cinesi, che lo ritengono un boicottaggio del loro sforzo per eradicare la povertà assoluta entro il 2021, nel centenario del Partito comunista: secondo il Ministero degli esteri non è cinese il lavoro forzato, ma occidentale la volontà d’imporre “disoccupazione e povertà forzate” nello Xinjiang. Una narrazione contestata dagli Stati Uniti, che proprio una settimana fa hanno annunciato il blocco all’importazione del cotone dalla regione.

© Regiopress, All rights reserved