Young Boys
3
Lugano
1
fine
(0-1)
Genoa
0
Milan
3
fine
(0-2)
Sassuolo
2
Napoli
2
fine
(0-0)
CACIC N./DJOKOVIC N.
1
GOLUBEV A./NEDOVYESOV A.
1
3 set
(6-2 : 2-6 : 0-0)
Langenthal
3
Visp
2
fine
(1-0 : 0-2 : 2-0)
le-piazze-di-navalny-fanno-paura-3600-arresti
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Stati Uniti
54 min

Il 15enne killer del Michigan alla sbarra come adulto

La procuratrice si dice ‘fiduciosa’ di poter dimostrare che l’uccisione di quattro persone sia da classificare come un reato premeditato
Estero
2 ore

L’Unione europea apre all’obbligo vaccinale

Preoccupa la variante Omicron, ma finora all’aumento esponenziale dei casi in Sudafrica, non fanno seguito i ricoveri in ospedale
Estero
2 ore

La sfida dell’Ue alla Via della Seta

Trecento miliardi di euro per un nuovo maxi-piano di investimenti infrastrutturali in grado di competere con la Cina
stati uniti
3 ore

La Corte Suprema Usa verso una stretta sull’aborto

La maggioranza conservatrice pronta a porre nuovi limiti dopo 50 anni. Biden contrario: ‘Sono per la libertà di scelta’
Estero
3 ore

Bomba della Seconda guerra mondiale esplode a Monaco di Baviera

Tre feriti è il bilancio dell’esplosione avvenuta all’interno di un cantiere, dopo la perforazione di un ordigno del peso di 250 chilogrammi
Confine
4 ore

Impennata di casi pure in Lombardia

Tra le province più colpite dalla nuova ondata di coronavirus c’è quella di Varese
Estero
4 ore

Barca si rovescia, strage di bambini in Nigeria

Avrebbero dovuto partecipare a una cerimonia religiosa. Una cinquantina le vittime
Coronavirus
4 ore

Omicron più trasmissibile, ma contagi perlopiù ‘lievi’

L‘Oms si dimostra prudente rispetto alla nuova variante del Covid. ‘Nei prossimi giorni più informazioni’
Estero
10 ore

Eitan ritornerà in Italia con la zia il 3 dicembre

La zia paterna, Aya Biran, nei mesi scorsi ha già presentato richiesta ai giudici per l’adozione
Estero
14 ore

La CNN sospende Chris Cuomo per l’aiuto al fratello indagato

Il presentatore, secondo la Procura di New York, ha usato la sua posizione e i suoi contatti a favore dell’ex governatore accusato di molestie sessuali
Estero
14 ore

La Nuova Zelanda invia 65 peacekeeper alle Isole Salomone

La richiesta è stata fatta dallo stesso governo dell’arcipelago in cui da poco si è placata una violenta rivolta con tre morti e ingenti danni
Estero
15 ore

Tel Aviv stacca Zurigo ed è la città più cara del mondo

La città sulla Limmat è ora quarta, dietro Parigi e Singapore. Damasco la città più economica, complice il crollo della valuta rispetto al dollaro
unione europea
1 gior

Natale ‘censurato’, l’Ue ritira il documento

Il dietrofront dopo le polemiche: i cattolici esultano. Bruxelles: ‘Volevamo essere inclusivi, ma abbiamo sbagliato le linee guida’
Estero
24.01.2021 - 21:540

Le piazze di Navalny fanno paura: 3600 arresti

I collaboratori dell'oppositore di Putin promettono una doppia protesta domenica e il 2 febbraio. Biden attacca il Cremlino: "No a repressione brutale"

Sono, alla fine, più di 3.600 le persone fermate dalla polizia nelle proteste a sostegno di Alexei Navalny, l'oppositore di Vladimir Putin scampato alla morte per avvelenamento e ora in carcere, ma pronto a sfidare di nuovo il presidente. A dichiarare questi numeri è l'ong Ovd-Info sul proprio profilo Twitter. Le autorità avevano promesso una dura repressione ammonendo che gli eventi pubblici non autorizzati sarebbero stati "immediatamente soppressi". E così è stato, inevitabilmente, dopo l'appello di Navalny che ha scatenato sabato le prime proteste nell'Estremo oriente russo e in Siberia, comprese città come Vladivostok, Khabarovsk e Chita, dove diverse migliaia di persone sono scese in piazza sfidando la polizia. Alla fine saranno oltre 110 le città invase dai manifestanti. "Il prossimo fine settimana terremo nuove proteste in tutto il Paese. Navalny deve essere immediatamente rilasciato dalle grinfie dei suoi assassini e le nostre richieste, assolutamente giuste, devono essere soddisfatte". Queste le parole di Leonid Volkov, coordinatore della rete regionale del Fondo Anti-Corruzione di Navalny, mentre sono 654 gli attivisti che rischiano fino a 30 giorni di galera se non troveranno in fretta i soldi per pagare multe salatissime. Un'altra manifestazione è prevista martedì 2 febbraio, giorno in cui i giudici decideranno su un ulteriore periodo di carcere per Navalny.

In centro a Mosca, in Piazza Pushkinskaya, la polizia, in tenuta antisommossa ha effettuato un gran numero di fermi, anche con metodi duri, tirando fuori i manganelli per fermare la manifestazione. Tra i fermati anche un ragazzino di appena dodici anni. I manifestanti hanno urlato "Fascisti, fascisti" alla polizia, che ha risposto, in alcuni casi, con l'uso dei manganelli, il tutto mentre molti automobilisti sulla centrale Tverskaya suonavano il clacson in segno di sostegno, proprio come nelle manifestazioni dei mesi scorsi in Bielorussia contro il presidente Alexandr Lukashenko. Tra gli arrestati anche la moglie di Navalny, Ljuobv Sobol, mentre nelle piazze si sono riversati in ben 130 mila. Numeri che sembrano contenuti, ma non nella Russia di Putin, dove a Yakutsk i giovani - pur di far sentire la loro voce - sono scesi in strada con temperature oltre i 50 gradi sotto lo zero.

Alla repressione violenta hanno risposto le diplomazie di mezzo mondo, e anche il neoeletto presidente americano Joe Biden non ha perso tempo, mettendo subito nel mirino la Russia e l'altra superpotenza emergente, la Cina. Il primo messaggio è stato proprio contro la repressione di Mosca. Biden vuole infatti ribaltare al più presto la linea compiacente di Trump verso lo "zar" Putin. E se da un lato è pronto a prorogare per altri cinque anni il trattato Start per il controllo degli arsenali nucleari, dall'altro si prepara a nuove sanzioni sulle interferenze russe nelle elezioni, sui cyber attacchi, sull'avvelenamento di Navalny e sulla violazione dei diritti umani. Ignorando le accuse del Cremlino all'ambasciata americana di aver interferito negli affari interni per aver pubblicato le aree della protesta, il dipartimento di Stato ha "condannato con forza l'uso di metodi brutali contro manifestanti e giornalisti in questo weekend in diverse città della Russia", chiedendo a Mosca di rilasciare "in modo incondizionato" Navalny e "tutte le persone detenute per aver esercitato i loro diritti universali". Washington ha ricordato che tali diritti sono scolpiti "non solo nella Costituzione russa ma anche negli impegni di Mosca verso l'Osce e verso la dichiarazione universale dei diritti umani, nonché nei suoi obblighi in base al Patto Internazionale sui diritti civili e politici". E ha infine promesso di "stare a fianco dei nostri alleati e partner in difesa dei diritti umani", alla vigilia del Consiglio europeo che dovrà decidere eventuali sanzioni.

Il secondo messaggio da Washington é contro le intimidazioni cinesi a Taiwan, nel giorno in cui i bombardieri di Pechino hanno sorvolato lo spazio aereo dell'isola che il Dragone vorrebbe riportare sotto le proprie ali, dopo la stretta su Hong Kong. Dopo la condivisione dell'accusa di genocidio contro gli uiguri "gli Stati Uniti osservano con preoccupazione i tentativi in corso da parte della Repubblica Popolare cinese di intimidire i suoi vicini, inclusa Taiwan. Sollecitiamo Pechino a cessare le sue pressioni militari, diplomatiche ed economiche". La questione della riunificazione ricorre spesso nei discorsi ufficiali di Xi Jinping e negli ambienti diplomatici si teme che il presidente cinese possa far salire la tensione quest'anno, in occasione del centesimo anniversario della fondazione del partito comunista. Il neo segretario di Stato Anthony Blinken, che dovrebbe essere confermato a breve, condivide la linea dura di Trump contro la Cina, anche se con metodi diversi e coinvolgendo gli alleati.

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved