laRegione
recovery-fund-non-si-sblocca-lo-stallo-al-vertice-ue
Keystone
ULTIME NOTIZIE Estero
Italia
3 min

iPhone resistenti all'acqua? Non proprio: Apple multata

Vero, ma solo a specifiche condizioni (come test di laboratorio in acqua statica e pura). Pubblicità ingannevole: multa di 10 milioni di euro in Italia
Estero
3 ore

Una tecnologia batte legionella e (forse) Covid-19

L'ha messa a punto una compagnia australiana. Il principio? Micro-riscaldare l'acqua per distruggere i batteri
Estero
3 ore

Biden gioca con il cane e si frattura il piede

Il presidente eletto degli Stati Uniti però non si ferma, fa la squadra (tutta al femminile) degli addetti stampa e twitta su Trump
Confine
3 ore

Scoperta nel Comasco una 'industria' della canapa

Blitz della Finanza porta alla luce un capannone con oltre 500 piantine. I responsabili prima scappano, poi si costituiscono
Estero
3 ore

Pestaggio a Parigi, incriminati i quattro agenti

Formulate le accuse per l'aggressione al produttore musicale nero Zecler. Due poliziotti sono finiti in carcere
Confine
14 ore

Spacciatore svizzero-bosniaco arrestato a Varese

Addosso e nascosta in auto aveva ingenti quantitativi di droga, nonché parecchio denaro e armi
Medio Oriente
14 ore

Nucleare iraniano, altissima tensione tra Iran e Israele

Lo stato ebraico non nega il coinvolgimento nell'uccisione dello scienziato Mohsen Fakhrizadeh, Teheran medita rappresaglie
Estero
15 ore

Massimo 30 in chiesa? I vescovi francesi vincono un ricorso

Chiedono al governo di modificare la limitazione portandola al 30% della capienza delle chiese
Stati Uniti
15 ore

Usa, l'intevista-sfogo di Trump su Fox News

In quasi un'ora di intervista (genuflessa), il presidente degli Stati Uniti ammette le sconfitte legali e ora se la prende con i giudici
Confine
19 ore

Treno investe gregge di pecore sulla Varese-Milano

Una novantina gli animali morti nell'impatto. Si erano allontanati dal bosco dove pascolavano, avvicinandosi alle rotaie
Estero
19.11.2020 - 21:080

Recovery fund, non si sblocca lo stallo al vertice Ue

L’Unione europea non fa un passo indietro. Ungheria e Polonia mantengono il veto. Il negoziato ripartirà domani.

Bruxelles – Sullo stato di diritto l'Ue non arretra di un millimetro e lo stallo sul Recovery resta. La videoconferenza dei leader, come peraltro era previsto, non ha sbloccato il veto di Polonia e Ungheria sul pacchetto economico da 1'800 miliardi di euro con cui i governi nazionalisti di Mateusz Morawiecki e Viktor Orban stanno tenendo in ostaggio il futuro dell'Europa. Ma il messaggio emerso forte e chiaro, per bocca del presidente del Consiglio Charles Michel, è che sul rispetto dello stato di diritto l'Unione non è disposta a fare compromessi.

Un punto fermo del negoziato che ripartirà già da domani, sotto la regia della presidenza di turno tedesca, alla ricerca di una via d'uscita per liberare il Bilancio 2021-2027 ed il Recovery fund dal ricatto dei due Paesi recalcitranti di fronte alla clausola che lega l'erogazione dei fondi al rispetto delle regole fondamentali della democrazia. Una partita che vedrà - in parallelo - l'avvio del lavoro per mettere a punto il piano B per aggirare o smontare l'ostacolo se non si dovesse trovare la quadra in tempi ragionevoli, trascinando l'Unione in un esercizio di bilancio provvisorio e accumulando ritardi sugli esborsi del Recovery.

Ma se sottotraccia le trattative sono frenetiche, in superficie si ostenta tranquillità. Alla riunione dei leader la discussione su bilancio, Recovery e stato di diritto è durata poco più di un quarto d'ora: il tempo sufficiente per un'introduzione di Michel ed una descrizione dello stato dell'arte, scarna e pacata, formulata dalla cancelliera Angela Merkel nella sua veste di presidente di turno. Poi i riflettori si sono accesi su Orban e Morawiecki, che hanno presentato le ragioni del loro veto. Nessun altro intervento, se non quello del premier sloveno Janez Jansa, grande supporter del leader ungherese, che ha preso la parola per perorare la causa di Budapest e Varsavia pur senza seguirle sulla strada del veto. Una discussione asettica e senza assolutamente alzare i toni, viene riferito, come peraltro voluto da Michel, che prima dell'inizio ha fatto contattare le delegazioni per assicurarsi che tutto restasse sotto controllo e nella calma più totale per non esacerbare il clima.

Domani si gioca la vera partita

La vera partita però inizierà da domani e sarà interessante capire fin dove Orban e Morawiecki vorranno spingersi. Gli strumenti in mano all'Ue per andare oltre il veto non mancano e le varie opzioni sono già al vaglio, con l'obiettivo di farvi eventualmente ricorso con gradualità.

Nessuno vuole la guerra con Ungheria e Polonia, per questo per il momento la presidenza di turno tedesca ha deciso di rimandare gli ultimi passaggi formali affinché la condizionalità sullo stato di diritto diventi legge ed entri in vigore subito, con effetto immediato sull'erogazione di tutti i fondi europei, compresi quelli in corso. Prima Merkel vuole provare ad offrire rassicurazioni scritte per fugare le preoccupazioni di Budapest e Varsavia rispetto ad un utilizzo arbitrario della clausola, che Orban e Morawiecki temono possa essere usata come una clava per piegarli, ad esempio sui migranti.

Ma anche se non si riuscisse a riportare i due leader a più miti consigli, la condizionalità sullo stato di diritto presto diventerà legge. A quel punto, se i ribelli dovessero insistere, potrebbero essere azionate quelle che qualcuno ha chiamato "le opzioni nucleari" dell'accordo intergovernativo o della cooperazione rafforzata per realizzare il Recovery fund tagliandoli fuori. Ma questo è uno scenario ancora tutto da venire.

© Regiopress, All rights reserved