se-per-ungheria-e-polonia-bruxelles-e-come-l-urss
Il primo ministro ungherese Viktor Orbán (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
3 ore

Migrazione: la norma, la storia di India e gli altri

Nel caso della diciannovenne di Morbio accendere i riflettori è servito. Restano nell’ombra il resto dell’umanità migrante e leggi non sempre eque
Commento
1 gior

Scuola, che si aprano le porte della sperimentazione

Un precoce restringimento delle possibilità, che sia legata al rendimento oppure ai presunti interessi, implica un condizionamento e pertanto va evitato
Commento
2 gior

E vuoi negargli il Quirinale?

Berlusconi le sta provando tutte per diventare presidente della Repubblica italiana, fra trattative poco trasparenti e una rivisitazione della sua vita
Commento
3 gior

Covid-19, lettera a una cugina No Vax

Cara cugina, alle feste sei venuta in volata. C’è chi non ti ha abbracciata e tu ci sei rimasta male, anche se capivi...
Commento
3 gior

Il gennaio maledetto dei maschi alfa

Il 2022 è iniziato male per la sottospecie più proterva, quella incline a violare le regole, per poi pensare di cavarsela con quattro scuse in croce
Commento
4 gior

Tutt’altro che tennis: Djokovic e il sottosuolo dello sport

In fondo ciò che si prova di fronte alla sentenza della Corte australiana è una sensazione di giustizia, di giustizia e di sorpresa a dire il vero
Commento
5 gior

Una Regione lunga 30 anni

Nel 1992 una nuova sinergia ha dato vita al nostro quotidiano, oggi celebriamo l’anniversario per rinnovare il nostro amore per la divulgazione
Il commento
6 gior

Per causa di forza maggiore

Annullato il visto di Novak Djokovic. Con un verdetto politico che riduce le chance di spuntarla in appello, domani alla Corte federale
il commento
1 sett

È morto Sassoli. Abbasso Sassoli! Viva Sassoli! Viva me!

La reazione alla morte del presidente dell’Europarlamento mette in evidenza la schizofrenia social, tra (auto)santificazioni e orrendi complottismi
 
25.11.2020 - 14:510

Se per Ungheria e Polonia Bruxelles ‘è come l’Urss’

Lo scontro sullo Stato di diritto blocca i fondi dell'Unione Europea per il rilancio post-Covid

Per aver troppo a lungo tollerato l’intollerabile, l’Unione europea deve nuovamente fronteggiare una dissidenza interna che ne corrode la già fragile coesione. Ungheria e Polonia si rifiutano di sottoscrivere il budget comunitario (chiuso nella morsa del diritto di veto), e perciò bloccano anche il varo dei 750 miliardi destinati al Recovery Fund, il bazooka degli aiuti per sgomberare le macerie socio-economiche del dopo Covid-19. Decisione storica, quella adottata nella maratona di luglio: soprattutto perché per la prima volta si accetta il principio della “mutualizzazione del debito”, da affrontare in comune se si vuole salvare e rilanciare l’Unione. 

Perché allora Budapest e Varsavia vi si oppongono? Perché sia la Commissione di Bruxelles sia il Parlamento europeo vincolano il versamento dei sussidi al rispetto dello Stato di diritto, principio fondante dell’Unione (articolo 7 dei trattati europei), che invece le attuali leadership ungherese e polacca hanno fin qui bistrattato impunemente: il pieno controllo della magistratura e il bavaglio alla libertà di stampa sono soltanto due delle leve di cui gli Orbán e i Kaczynski si servono per svilire, se non snaturare, l’ordinamento democratico, imponendo il loro modello illiberale, nel quale “il partito al governo si sente autorizzato a utilizzare i mezzi di cui dispone (esecutivo, legislativo, poliziesco, mediatico) al fine di mantenere il potere” (Jacques Rupnik, specialista dell’Europa centrale).

Non che l’Ue sia campione irreprensibile dei principi che dovrebbero far parte del suo Dna, spesso sacrificati per egoismo, interessi nazionali, calcoli elettorali. E del resto, quando chiesi a Romano Prodi (allora presidente della Commissione) se l’adesione di quei paesi non fosse troppo precipitosa, rispose che ci sarebbe stata “una virtuosa contaminazione”. Si illudeva. Ma ora il ‘Recovery’ rappresenta un tornante storico, che pretende il rispetto delle regole anche da parte dei paesi spesso ‘dissidenti’ del gruppo di Visegrád; guidati da un populismo prontissimo a incassare i generosi aiuti economici concessi dall’Ue (e non raramente destinati a famigliari, amici e sodali di chi è al governo), rimanendo però una sorta di ‘corpo estraneo’ all’interno dell’Unione. Con una complicazione supplementare per Bruxelles: il fatto che i cosiddetti “membri frugali”, cioè i rigoristi guidati dall’Olanda, si compiacciono dello stallo del Recovery Plan, a cui si erano inutilmente opposti quattro mesi fa.

È probabile che alla fine Polonia e Ungheria (a cui si è associata la Slovenia) accetteranno la soluzione affidata all’ineludibile Angela Merkel: la Germania è il principale investitore in quei paesi; anche a loro serve il Recovery Fund; la sconfitta di Trump li priva di un ispiratore e alleato; e vedono in quale angolo si è cacciato il primo ministro inglese Boris Johnson in un Regno Unito dove (segnala uno studio del Pew Research Center) il 60 per cento della popolazione ha ora un’opinione favorevole dell’Europa. Altro che “Ue nuova Unione Sovietica”, come ha ‘tuonato’ propagandisticamente l’ineffabile Orbán. Ma si sa, il vaccino anti-scemenze non sarà mai scoperto.

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved