laRegione
covid-regno-unito-rischia-50-000-casi-e-200-morti-al-giorno
Il virus non si ferma (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
1 ora

Francia, Macron potrebbe annunciare il lockdown

Il presidente francese parlerà alla Nazione questa sera alle 20. Le scuole dovrebbero rimanere aperte
Estero
3 ore

Germania, ipotesi lockdown light dal 4 novembre

La cancelliera Angela Merkel discuterà oggi la proposta con i governatori dei Land. Il provvedimento durerebbe un mese
USA
3 ore

Afroamericano ucciso, notte di disordini a Philadelphia

Proteste dopo la morte di Walter Wallace. In alcune zone si sono ripetute scene di vandalismi e saccheggi di negozi
USA
13 ore

Philadelphia, ancora un afroamericano ucciso dalla polizia

Gli agenti gli hanno sparato perché si è avvicinato a loro con un coltello. Secondo la famiglia aveva problemi mentali. Rivolte in città
Estero
13 ore

Diritto all'aborto in Polonia: scende in campo l'esercito

Monta la protesta dopo la sentenza che ha soppresso il diritto a interrompere la gravidanza. Manifestazioni coinvolgono centinaia di migliaia di persone
Taiwan
15 ore

Le armi a Taiwan ultimo atto della guerra Usa-Cina

L'accordo annunciato dal Pentagono per la fornitura di missili all'isola irrita Pechino, che chiede di interrompere ogni vendita o contatto militare.
Italia
16 ore

Coronavirus, 58 morti in Lombardia nelle ultime 24 ore

Più del 25% sul totale dei 221 decessi in Italia. 21'994 nuovi contagi a livello nazionale (su 174'398 tamponi effettuati), 5'035 nella sola Lombardia.
Estero
16 ore

Lockdown a Natale in Italia? In fumo 25 miliardi

Previsioni cupe in caso di una chiusura totale durante le feste. In Francia non si esclude il confinamento dopo 'il fallimento del coprifuoco'
Confine
19 ore

Minori non accompagnati, la Prefettura di Como cerca spazi

A ridosso della frontiera il fenomeno è sempre presente e le comunità lariane sono in difficoltà. Chiesto l'aiuto dei sindaci
Estero
19 ore

Polizia uccide un afroamericano, scontri a Philadelphia

Secondo i media, la vittima, Walter Wallace, si rifiutava di lasciar cadere un coltello. Proteste e saccheggi, 30 agenti feriti e 10 arresti
COMO
22 ore

Roberto Saviano ricorda don Roberto Malgesini

Un monologo dello scrittore napoletano racconta il prete di strada ucciso il 15 settembre da un senzatetto a Como
Estero
1 gior

Stati Uniti, nominata la giudice Amy Barrett

La giudice conservatrice, sostenuta dall'industria delle armi e dal presidente Trump, eletta alla Corte Suprema.
Estero
1 gior

Zanzibar, scontri tra polizia e manifestanti

Clima pre-elettorale teso sull'isola di Pemba. La polizia ha sparato e ucciso tre civili nella rivolta di piazza voluta dall'opposizione.
Estero
21.09.2020 - 14:180
Aggiornamento : 14:36

Covid, Regno Unito rischia 50'000 casi e 200 morti al giorno

Al momento il governo britannico ha escluso limitazioni a lavoro e scuola come in primavera

Il Regno Unito potrebbe tornare a ottobre a un livello di 50'000 contagi da coronavirus al giorno (3900 di ieri) e di 200 morti quotidiani se il rimbalzo dei casi non verrà fermato ora. Al momento il governo ha escluso limitazioni a lavoro e scuola come in primavera.

Lo hanno detto in un briefing i professori Patrick Vallance e Chris Whitty, consiglieri del governo di Boris Johnson, indicando la necessità di restrizioni sui contatti sociali in tutte le aree del Paese dove l'indice d'infezione Rt sia di nuovo superiore alla soglia 1.

Vallance ha pure additato gli esempi di Francia e Spagna, dove i contagi - più numerosi rispetto al Regno - sono riaumentati fra i ventenni per poi estendersi ad altre fasce di età e portare anche a una graduale ripresa dei decessi.

Entrambi gli specialisti hanno tenuto a rilanciare un messaggio d'allarme rivolto direttamente alla popolazione, parlando della pandemia come di un'emergenza non risolta e di "un problema che deve coinvolgere tutti". Il tasso dei contagi è tornato a essere "significativamente elevato" in alcune zone del Regno Unito, ha ammonito Whitty, chief medical officer dell'Inghilterra, invitando il Paese a essere pronto a progressive nuove restrizioni sociali mirate.

Secondo Whitty, il numero dei morti giornalieri è ancora "relativamente basso", ma potrebbe risalire rapidamente a quota 200 se "la spirale dei contagi rimanesse incontrastata". Non solo: il consigliere medico numero uno del governo Johnson ha pure ammonito i britannici a "prepararsi a un inverno duro", sottolineando che l'elemento stagionale "è contro di noi".

"Andiamo incontro - ha spiegato - a stagioni come il tardo autunno e l'inverno che avvantaggiano i virus respiratori, incluso probabilmente quello del Covid oltre a quelli delle influenze" generiche. Uno scenario destinato a rappresentare "un problema collettivo nei prossimi sei mesi, sebbene non a tempo indefinito", ha proseguito indicando l'andamento della situazione in Francia e Spagna come un segnale preoccupante.

Whitty ha infine ricordato come "i tassi di mortalità da Covid-19 siano notevolmente maggiori rispetto a quelli dell'influenza stagionale, che uccide in media 7000 persone (nel Regno), 20.000 negli anni peggiori"; e che il coronavirus si è già dimostrato "più virulento di qualsiasi influenza".

Di fronte al rimbalzo dei contagi da coronavirus il ministro della Sanità, Matt Hancock, in un'intervista a ITV ha escluso al momento l'intenzione di ripristinare limitazioni alle attività lavorative e alla scuola come accaduto in primavera. Quindi, niente lockdown generale bis, ma restrizioni ulteriori sui "contatti sociali" è la strategia del governo di Boris Johnson

"Vi sono evidenze che la diffusione non avviene tanto a scuola, quanto nella socializzazione fra le persone", ha detto Hancock, negando inoltre contrasti fra sé e il ministro delle Finanze, Rishi Sunak, sulla necessità di tenere a bada la pandemia. Entrambi siamo consapevoli "delle conseguenze economiche", ma anche del dovere di mettere "la salute al primo posto", ha tagliato corto.

Il titolare della Sanità è poi tornato a smentire infine le voci mediatiche su un Boris Johnson provato, stanco e non ripresosi del tutto dal ricovero di aprile in terapia intensiva per il coronavirus. Il premier - ha ribattuto - "combatte, è in forma ed è pieno di vita vigoroso come non mai".

Vaccino inglese non prima del 2021

Le ricerche su diversi prototipi di vaccini anti-coronavirus stanno facendo "buoni progressi", con segnali positivi sulla possibilità di "generare una risposta immunitaria", ma "non sappiamo ancora se funzioneranno" in modo decisivo e - anche nella migliore delle ipotesi - non ci potrà essere per fine anno altro se non una produzione di dosi disponibili a limitati gruppi di persone.

Lo ha detto oggi durante un briefing sulla pandemia a Londra Patrick Vallance, consigliere scientifico capo del governo di Boris Johnson, sullo sfondo delle notizie dei giorni scorsi sulla ripresa dei test in particolare sul candidato vaccino Oxford-AstraZeneca, malgrado le patologie spinali denunciate da due dei volontari sottoposti al trial che alla fine sono state ritenute estranee alla sperimentazione.

"Non sappiamo ancora se i prototipi di vaccino funzioneranno, ma vi sono prove crescenti sul fatto che le ricerche stanno andando nella direzione giusta", ha detto Vallance. "E' possibile che qualche vaccino sia in effetti disponibile entro fine anno per piccoli gruppi di certe categorie" di pazienti, ha proseguito, definendo tuttavia "molto più probabile, per quanto non certa", un'eventuale svolta "nel corso della prima metà" del 2021. Di speranze rinviate fondamentalmente all'anno prossimo ha parlato pure il ministro della Sanità britannico, Matt Hancock.


 
 

© Regiopress, All rights reserved