laRegione
Nuovo abbonamento
la-collera-dei-libanesi-macron-nei-panni-del-salvatore
Keystone
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
6 ore

Erdogan sfida Putin nel Nagorno-Karabakh

Rischia di estendersi lo scontro tra indipendentisti e governativi attorno all'enclave armena in Azerbaigian
Nigeria
6 ore

L'attentato dell'Isis con un asino carico di esplosivo

L'obiettivo (mancato) era il governatore dello Stato del Borno. L'asino bloccava la strada percorsa dal convoglio di auto
Estero
7 ore

La bomba fiscale scoppia in mano a Trump

Il presidente statunitense ha eluso milioni di tasse. Il New York Times: il suo 'impero' è sull'orlo del fallimento
Estero
8 ore

Confermata la condanna del presidente catalano Quim Torra

La Corte Suprema spagnola lo sospende per un anno e mezzo dalle cariche pubbliche. Barcellona andrà al voto anticipato
Estero
8 ore

Allerta in scuole Liverpool, 8'000 studenti isolati

Nel campus della Manchester Metropolitan University sono stati registrati 127 test positivi e oltre 600 in quella scozzese di Glasgow
Spagna
10 ore

Caos al radar spagnolo, collisione sfiorata tra due voli Ryanair

È successo nel 2018, ma lo si è appreso solo ora dal rapporto ufficiale. Ad accorgersi del pericolo, un controllore... francese
Gran Bretagna
11 ore

Londra non fa marcia indietro sulla legge anti-accordo con l'Ue

Il governo britannico non ha intenzione di ritirare l'Internal Market Bill. Comunque i negoziati per un accordo di libero scambio proseguono
Confine
14 ore

Como, un dormitorio intitolato a don Roberto Malgesini

Nel fine settimana è stata lanciata una petizione online indirizzata all'amministrazione comunale lariana
Estero
15 ore

Gorilla di 200 kg attacca una guardiana allo zoo di Madrid

La donna di 46 anni, che lavora allo zoo da 19 anni, ha riportato una grave ferita alla testa
Estero
06.08.2020 - 20:400

La collera dei libanesi, Macron nei panni del salvatore

Il presidente francese, in visita a Beirut, chiede ‘un profondo cambiamento’ ai dirigenti libanesi. Per le strade della capitale esplode la rabbia degli abitanti.

Beirut – "Sono qui per lanciare un'iniziativa politica", per chiedere ai dirigenti libanesi "di procedere con le riforme, un profondo cambiamento, la lotta alla corruzione". È con queste affermazioni, ai limiti dello sgarbo diplomatico, che il presidente francese Emmanuel Macron ha dato voce alla rabbia popolare concedendosi ad un bagno di folla in una Beirut devastata dalle esplosioni di martedì.

Un cambiamento che secondo Macron deve partire da un'inchiesta "trasparente e veloce" per fare chiarezza sulla deflagrazione di 2750 tonnellate di nitrato di ammonio che ha provocato almeno 137 morti e 5000 feriti, secondo un bilancio ancora provvisorio.

"Entro tre, al massimo quattro giorni, c'è sempre speranza di trovare gente viva", ha detto all'Ansa uno degli operatori della protezione civile francese giunti al seguito di Macron, durante una visita nel quartiere di Gemmayze, uno dei più colpiti dalla devastazione.

Questione di influenza

Primo capo di stato ad arrivare nella capitale libanese dopo la tragedia, il presidente francese ha messo in chiaro che il suo paese vuole svolgere un ruolo decisivo non solo nella ricostruzione di Beirut, organizzando, come ha detto ancora, "la cooperazione europea e più ampiamente la cooperazione internazionale". Ma intende anche esercitare la sua influenza, grazie agli antichi legami con il Paese dei Cedri, in un processo di rinnovamento che dia risposta all'esasperazione di una nazione verso il tradizionale sistema politico-confessionale, rivelatosi incapace di affrontare la crisi economica e sociale e garantire la sicurezza della stessa capitale.

"Il popolo vuole la caduta del regime" e "rivoluzione" sono le grida che si sono levate dai cittadini che hanno seguito in mattinata la visita di Macron a Gemmayze. Il presidente si è fermato a parlare con loro, ha abbracciato una donna, ha stretto le mani a molti, e poi ha promesso che tornerà il primo settembre per accertarsi di come vengono impiegati gli aiuti. Solo nel pomeriggio, al palazzo presidenziale di Baabda, ha incontrato i vertici delle istituzioni: il capo dello stato Michel Aoun, il primo ministro Hasan Diab e il presidente del Parlamento Nabih Berri. Un colloquio, seguito da quello con i rappresentanti di tutti i gruppi parlamentari, che deve avere avuto anche momenti di tensione. All'uscita non vi è stata alcuna conferenza stampa congiunta, ma Macron ha detto di avere parlato "molto francamente", mentre e in una dichiarazione comune Aoun ha assicurato la "ferma determinazione" delle autorità libanesi nell'accertare le cause delle due esplosioni e ad "applicare sanzioni appropriate" ai responsabili.

Primi risultati dell'inchiesta ‘entro quattro giorni’

Il ministro degli esteri, Charbel Wehbe, in un'intervista alla radio francese Europe 1 ha detto che entro "solo quattro giorni" gli investigatori dovranno fornire un rapporto dettagliato sulle responsabilità di questo "crimine efferato di negligenza". Ma un'opinione pubblica delusa da una classe politica giudicata corrotta non mostra alcuna fiducia sulla possibilità di arrivare alla verità. Uno scetticismo condiviso dai quattro ex primi ministri - tra cui Saad Hariri - che hanno chiesto l'istituzione di una commissione d'inchiesta internazionale. A loro si sono uniti oggi anche lo storico leader druso Walid Jumblatt e il capo delle Forze Libanesi cristiane Samir Geagea, oltre ad Amnesty International e Human Rights Watch.

© Regiopress, All rights reserved