laRegione
Nuovo abbonamento
haftar-non-sottoscrive-la-tregua-ergodan-ammonisce
Erdogan e Sarraj (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
9 ore

Cala la tensione tra Grecia e Turchia

Annunciato 'colloqui esplorativi' tra i due paesi dopo le tensioni nate dal contenzioso sui confini marittimi
Estero
9 ore

Trump conferma: sabato la nomina per la Corte Suprema

Il presidente vuole assicurarsi la fedeltà dei giudici che dvranno ratificare il risultato delle presidenziali
Estero
9 ore

La Francia torna sopra i 10'000 casi positivi

Nuova impennata nelle ultime 24 ore, col tasso di positività che sale per la prima volta oltre il 6%
Estero
9 ore

Trump all'Onu trascina Pechino sul banco degli accusati

Il presidente Usa utilizza l'Assemblea generale come il palco di un comizio: il virus è cinese
Estero
12 ore

La Nasa vuole tornare sulla luna nel 2024

Un piano da 28 miliardi di dollari esteso alla collaborazione con i privati
Estero
12 ore

Il rogo di Bobcat più esteso della città di Denver

Sono ancora 25 gli incendi che devastano la California, continuano le evacuazioni
Confine
13 ore

Bulli contro Don Giusto, accuse per tre giovani

Rapina, lesioni e ricettazione i reati avanzati dal pm Massimo Astori nei confronti di due 21enni e un 22enne
Confine
14 ore

Luino, il centrosinistra conquista palazzo Serbelloni

Enrico Bianchi, 62 anni, eletto sindaco. Subentra ad Andrea Pellicini, rimasto in carica per 10 anni
Confine
15 ore

Valsolda volta pagina, Laura Romanò sindaco

Il Comune si così lascia alle spalle il commissariamento dovuto all'arresto del precedente primo cittadino, per una storia di corruzione
Estero
17 ore

Black out a Milano Centrale, disagi ferroviari anche in Ticino

Interessata la linea Bellinzona-Chiasso-Como-Milano Centrale. Il guasto è stato provocato dalle avverse condizioni meteo di questa mattina
Estero
14.01.2020 - 20:450

Haftar non sottoscrive la tregua, Ergodan ammonisce

Se il generale dovesse riprendere i suoi attacchi, il presidente turco minaccia "una lezione"

A Mosca ancora ci credono, o almeno ci sperano: Khalifa Haftar si sarebbe preso altri due giorni di riflessione per discutere con i suoi, prima di firmare eventualmente l'intesa su una tregua in Libia, già siglata dai suoi rivali, il governo di Tripoli di Fayez al-Sarraj.

Resta il fatto che per ora il generale di Bengasi se ne è andato dalla capitale russa senza mettere il suo nome sul foglio che avrebbe dovuto sancire un cessate il fuoco duraturo nel Paese. E questo nonostante la pressione esercitata nei suoi confronti da parte del presidente russo Vladimir Putin, diventato negli ultimi tempi uno dei suoi principali sostenitori militari, politici e finanziari.

Una situazione apparsa come uno smacco diplomatico per Mosca. Al Cremlino avrebbero voluto vedere risolta la situazione e invece si ritrovano a fare i conti con la riottosità di Haftar. C'è dunque tutto l'interesse ad alimentare la versione di una tregua che regge ancora "a durata indeterminata", in attesa di una parola definitiva da parte del generale libico.

Una ricostruzione accreditata anche dalla Turchia, altro sponsor del cessate il fuoco, che invece appoggia Sarraj. La tregua "è in gran parte applicata sul terreno", assicurano da Ankara, dove però il presidente Recep Tayyip Erdogan ammonisce la fazione rivale a quella del suo protetto: se il generale Haftar dovesse riprendere i suoi attacchi, minaccia, gli "infliggeremo una lezione".

Riprende forza la conferenza di Berlino

Alla luce di questi ultimi sviluppi assume potenzialmente un peso maggiore la conferenza di Berlino che punta a far sedere allo stesso tavolo tutti gli attori coinvolti nel conflitto. L'appuntamento rischiava di essere depotenziato e superato dagli eventi in caso di un successo immediato dell'azione diplomatica turco-russa. Ma anche se Haftar non dovesse cambiare atteggiamento, rilevano da Ankara, il summit "non avrà senso".

Dalla capitale tedesca, in ogni caso, hanno confermato di avere fissato la data per domenica 19 gennaio e diramato gli inviti alle cancellerie di Italia, Francia, Gran Bretagna, Usa, Russia, Cina, Emirati arabi, Turchia, Repubblica del Congo, Egitto, Algeria, Onu, Ue, Unione africana e Lega araba. Resta da vedere se a Berlino arriveranno anche Sarraj e Haftar, dopo l'incontro tra i due sfumato a Roma e poi a Mosca. Secondo la tv al Arabiya, che cita fonti arabe, il generale ci sarà. Ma l'uomo forte della Cirenaica ha abituato tutti ad annunci e smentite a ripetizione e fino a domenica la strada è ancora lunga. Di poco fa la notizia diffusa da un'emitente via Twitter (ma non sul suo sito) della presenza di Haftar alla conferenza di Berlino.

Caschi blu

In vista dell'appuntamento nella capitale tedesca, si fa sempre più strada l'ipotesi di una forza di interposizione Ue sotto l'egida delle Nazioni Unite.

Dopo i colloqui falliti a Mosca, Sarraj è andato nuovamente a Istanbul per fare il punto della situazione con Erdogan, mentre Putin e la cancelliera tedesca Angela Merkel si sono sentiti al telefono per preparare la conferenza del 19.

Sul terreno, intanto, si rincorrono voci non confermate di schermaglie, anche se la tregua sostanzialmente sembra tenere. L'Osservatorio siriano per i diritti umani parla di almeno 14 mercenari siriani cooptati dalla Turchia per sostenere Sarraj rimasti uccisi negli scontri. Mentre fonti legate al premier libico riferiscono di veicoli militari e cannoni degli Emirati Arabi Uniti che sarebbero arrivati nel quartier generale di Haftar per un possibile nuovo assalto a Tripoli.

© Regiopress, All rights reserved