profughi-erdogan-minaccia-l-ue-aiuti-o-apriamo-le-frontiere
Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan (Foto Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
13 ore

’Ndrangheta, in Svizzera il gestore di un giro di soldi sporchi

Un 52enne italiano residente nella Confederazione è considerato il ‘dominus’ di un giro di affari che reinvestiva all’estero i soldi della malavita
Estero
13 ore

La sfida di Edimburgo: ‘Referendum per la secessione nel 2023’

La first minister scozzese Nicola Sturgeon annuncia un voto ‘consultivo’. ‘La democrazia scozzese non sarà prigioniera di Johnson o di un altro premier’
Estero
19 ore

Dalla Casa Bianca trapelano dubbi sulla vittoria ucraina

Fonti interne all’amministrazione Usa discutono dell’opportunità che Kiev ‘moderi le sue aspettative’ accettando anche perdite territoriali irreversibili
Confine
20 ore

Infrazioni a sei cifre a cavallo del confine

Intercettati beni per un valore complessivo di 1’734’342 euro non dichiarati da parte della Guardia di finanza. E pure una cartella ipotecaria
Estero
21 ore

Strage di migranti in Texas: complice il caldo, 46 morti

Fra le vittime, rinvenute in un camion abbandonato a San Antonio, quattro bambini. Il governatore attacca Biden: ‘Queste morti sono le sue’
Estero
1 gior

A Roma brucia un capannone, le fiamme non si fermano

Finora le persone rimaste intossicate sono poco più di una trentina, tra i quali quattro poliziotti; trasportati all’ospedale una donna con un bambino
Estero
1 gior

Treno colpisce un camion e deraglia in Missouri, morti e feriti

L’incidente è occorso ad un incrocio stradale nei pressi della città di Mendon, a circa 130 chilometri da Kansas City
Estero
1 gior

Un tribunale della Louisiana ferma il divieto di aborto

Lo Stato, uno dei primi a mettere fuori legge l’interruzione di gravidanza dopo la decisione dalla Corte Suprema, riprenderà gli interventi
05.09.2019 - 19:50
di Ats

Profughi, Erdogan minaccia l'Ue: 'Aiuti o apriamo le frontiere'

Il presidente turco lamenta che il proprio Paese non è in grado di gestire da sola i 3,6 milioni di profughi siriani accolti

Riportare a casa un milione di siriani dalla Turchia. Per lanciare la sua ultima sfida, Recep Tayyip Erdogan torna a sfoderare l'arma della minaccia all'Europa: Bruxelles dia sostegno economico e politico alla creazione di una "zona di sicurezza" nel nord della Siria o Ankara potrebbe spalancare le frontiere come nel 2015, quando un milione di profughi si riversò nell'Unione europea. "Potremmo essere costretti ad aprire le porte. Non possiamo gestire questo fardello da soli", ha avvisato il presidente turco, sostenendo che il suo Paese "non ha ricevuto dal resto del mondo, e soprattutto dall'Ue, il supporto necessario".

L'ambizioso piano prevede la ricollocazione di quasi il 30% dei 3,6 milioni di siriani attualmente registrati in Turchia in una zona cuscinetto profonda circa 30 km e larga 450 km, la metà di tutta la frontiera. In quest'area Erdogan punta a gestire la ricostruzione, mettendo in piedi "città invece di tende", anche attraverso gli invocati aiuti europei. La minaccia riecheggia quella che spinse Bruxelles a negoziare l'accordo del marzo 2016. "Confidiamo di poter continuare il lavoro in buona fede con i nostri partner turchi", ha replicato più tardi una portavoce della Commissione, sottolineando che "ad oggi l'Ue ha allocato 5,6 dei 6 miliardi di euro che erano stati concordati".

Il punto di partenza del progetto è la "safe zone" nel nord-est della Siria, su cui un mese fa è stato raggiunto un accordo di principio con gli Stati Uniti per allontanare dal territorio turco le milizie curde dell'Ypg, alleate di Washington nella lotta all'Isis ma ritenute "terroriste" da Ankara. "Da qui a fine settembre, siamo determinati a mettere in pratica la zona di sicurezza come noi la vogliamo a est dell'Eufrate", ha assicurato il leader di Ankara, che intende affrontare la questione direttamente con Donald Trump tra una ventina di giorni a margine dell'Assemblea generale dell'Onu a New York. In Siria sono già rientrati "volontariamente" circa 350 mila rifugiati, mentre il governo turco ha stretto quest'estate le maglie interne, fermando migliaia di siriani che avevano lasciato le province assegnate per cercare lavoro o condizioni migliori a Istanbul. Ma un'altra potenziale ondata di profughi preme da Idlib, dove resta fragile - e risulta già ripetutamente violata - la tregua annunciata nei giorni scorsi dalla Russia tra i lealisti di Assad e gli insorti qaedisti e filo-turchi.

In difficoltà interna, tra le fronde dei big del suo partito e le brucianti sconfitte alle comunali di Istanbul e della capitale Ankara, Erdogan prova così a tornare protagonista a livello internazionale con la consueta retorica contro i poteri forti. Di poche ore fa è un'altra provocazione, stavolta sull'atomica, mentre nella regione pesa già la crisi iraniana. "Alcune nazioni - ha detto il presidente turco - hanno missili con testate nucleari - e non solo una o due. Ma io non dovrei avere missili con testate nucleari? Non lo accetto".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved