Navalny all'uscita dal centro di detenzione (Keystone)
Russia
23.08.2019 - 19:240

Scarcerato Navalny, le proteste aumenteranno

L'oppositore al regime di Putin è uscito dal carcere questa mattina dopo l'ennesima condanna. L'estate di Mosca è stata caratterizzata da manifestazioni

Mosca – Alexiei Navalny è di nuovo libero. L'oppositore russo è uscito dal carcere stamattina dopo aver scontato l'ennesima condanna, questa volta a 30 giorni di reclusione, e ha subito sfidato il presidente russo Vladimir Putin: "L'onda delle proteste continuerà a crescere e questo regime si pentirà di quello che ha fatto", ha detto Navalny ai giornalisti.

Navalny è uscito dal centro di detenzione sorridente, con addosso una felpa scura e con una borsa sulle spalle. Dietro le sbarre c'era finito il 24 luglio, per aver invitato i moscoviti a manifestare contro la scandalosa esclusione di numerosi dissidenti dalle elezioni comunali del prossimo 8 settembre. Era appena uscito di casa per fare jogging e comprare un mazzo di fiori per il compleanno della moglie quando gli agenti lo hanno fermato e accompagnato in una stazione di polizia. La condanna è arrivata quella sera stessa.

L'estate 2019 a Mosca è stata all'insegna delle proteste: cortei pacifici, ma quasi sempre non autorizzati dal governo e repressi dalla polizia a manganellate e con migliaia di arresti. Il 10 agosto, quando la manifestazione anti-Putin è stata permessa, in strada c'erano però ben 60'000 persone. Erano otto anni che non si registravano proteste così massicce. La popolarità del leader del Cremlino resta alta, ma l'aumento dell'età pensionabile e i problemi economici l'hanno notevolmente ridotta.

Non appena uscito dal carcere, Navalny ha denunciato "gli atti intimidatori e di terrore" perpetrati dal governo russo per reprimere le manifestazioni. "Adesso - ha dichiarato - vediamo la fase finale di degrado di questo regime che si basa sulle menzogne e sulle falsificazioni". Secondo il trascinatore delle proteste anti-Putin c'è un motivo preciso se le autorità stanno usando il pugno di ferro: "Non hanno il sostegno della gente, lo sentono e hanno paura". La polizia russa ha fatto ricorso alla violenza in modo indiscriminato, ma il Cremlino ha aperto un'inchiesta per "disordini di massa" sulla contestazione pacifica del 27 luglio: una decina di persone sono finite dietro le sbarre e rischiano fino a otto anni di reclusione.

Ma nel mirino degli investigatori russi c'è anche il Fondo anticorruzione di Navalny, i cui conti sono stati congelati nell'ambito di un'inchiesta per presunto riciclaggio di denaro che puzza di vendetta politica. Durante il periodo di reclusione, Navalny è stato inoltre ricoverato in ospedale per quella che i medici hanno definito "una grave reazione allergica" ma che qualcuno sospetta sia stato un avvelenamento.
 
 

Potrebbe interessarti anche
Tags
proteste
navalny
condanna
regime
carcere
mosca
oppositore
manifestazioni
estate
russia
© Regiopress, All rights reserved