ULTIME NOTIZIE Estero
Russia
50 min

Mosca se ne fa un baffo del ‘price cap’ sul petrolio

Per l’ambasciata russa negli Stati Uniti, malgrado il tetto al prezzo dell’oro nero russo, il greggio continuerà a essere richiesto
Indonesia
2 ore

La terra trema sull’Isola di Giava, in Indonesia

L’epicentro del terremoto, di magnitudo 5,7, è stato localizzato a 18 chilometri a sud-est della città di Banjar
Francia
2 ore

Sarkozy da lunedì nuovamente al banco degli imputati

È fissata per dopodomani a Parigi l’udienza in appello per l’ex presidente della Francia, accusato di corruzione
Ucraina
4 ore

Notte di bombe a nel distretto di Nikopol

Nel mirino degli attacchi russi, in particolare, gasdotti e reti elettriche nella zona della centrale nucleare di Zaporizhzhia
coronavirus
15 ore

L’Oms: ‘Il 90% della popolazione mondiale è immune’

‘Vicini alla fine, ma serve ancora cautela’. Ancora test, sequenziamento e vaccini per evitare nuove varianti
intimidazioni in tutta Europa
17 ore

Pacchi con sangue inviati alle ambasciate ucraine

Dopi i sei colli con esplosivo in Spagna, minacce anche in Italia, Polonia, Ungheria, Croazia e Paesi Bassi. Spediti anche occhi di animali
russia
17 ore

Putin: negoziati (forse) sì, ritiro no

La Casa Bianca: ‘Spetta a Kiev decidere’. Telefonata Berlino-Mosca
grecia
17 ore

Attacco ad Atene alla diplomatica Susanna Schlein

La ticinese, sorella della politica del Pd Elly, si è salvata per puro caso da un attentato: in fiamme la sua auto
francia
17 ore

Due bebè congelati trovati nel frigo, fermata una donna

La donna è residente nel piccolo comune di Bédoin, nel dipartimento di Vaucluse: ancora non si sa il tipo di legame con i due piccoli
02.10.2022 - 17:01
Aggiornamento: 20:23

Valmorea, centinaia di persone al tributo per don Renzo Scapolo

Sabato pomeriggio si è celebrata l’intitolazione del ‘Parco dell’accoglienza’ dedicato all’ex parroco di Caversaccio tra ritratti e testimonianze

Marco Marelli, a cura di Marco Marelli
valmorea-centinaia-di-persone-al-tributo-per-don-renzo-scapolo
L’effigie del don e del suo operato

Sono contenuti all’interno del murales di Vittorio Mottin, pittore di Como, inaugurato sabato pomeriggio a Valmorea in occasione dell’intitolazione del ‘Parco dell’accoglienza don Renzo Scapolo’, alcuni dei momenti più significativi vissuti dal ‘sacerdote dei migranti’.

Una croce formata da quattro schegge di granata

Ma ciò che colpisce è la croce al collo dell’ex parroco di Caversaccio, comune a due passi dal confine con il Mendrisiotto. Una croce formata da quattro schegge di granata lanciata nei pressi della chiesa di Mostar, mentre un gruppo di bambini all’uscita del catechismo stava attraversando il piazzale. Don Renzo, che assieme ad alcuni sacerdoti si trovava a Mostar, si recò sul posto. Per non dimenticare quanto assurda sia una guerra, raccolse quattro schegge e chiese al fabbro e amico Venerino Graziato di saldargliele a forma di croce. Tutto questo durante la tragica guerra in Bosnia.

L’immagine di don Renzo Scapolo, con al collo la croce formata dalle quattro schegge della granata è stata voluta dal Comune di Valmorea e inaugurata sabato dal sindaco Lucio Tarzi e dall’associazione ‘Sprofondo’. Un’effigie che accoglie i frequentatori del ‘Parco dell’accoglienza’, negli ampi giardini delle scuole e della palestra a memoria del sacerdote a cinque anni dalla sua morte.

La testimonianza di don Renzo Beretta

Sul luogo, sabato pomeriggio, è stata celebrata una messa, alla presenza di diverse centinaia di persone, molte delle quali provenienti dal Canton Ticino. Il concelebrante è stato don Giusto della Valle, parroco di Rebbio, responsabile della Pastorale dei migranti della Diocesi di Como, che ha raccolto la testimonianza lasciata da don Renzo Beretta, parroco di Ponte Chiasso. Quest’ultimo, nella canonica, aveva dato vita al primo (e unico) centro svizzero per rifugiati. Don Renzo Scapolo, che era già conosciuto nei comuni dell’Olgiatese, aveva invece cominciato a imporsi all’attenzione pubblica nazionale nel 1989 con l’ondata di profughi dal Libano.

‘Un esempio di dinamica creatività’

Nelle parole di don Renzo Beretta ha riecheggiato quanto accaduto allora: «Valmorea si trova a due chilometri dalla frontiera, i profughi libanesi tentavano di andare in Svizzera richiamati dall’esperienza di sessanta di loro che erano stati accettati a lavorare lì. La notizia si era diffusa in Libano e si è quindi innescata una processione, come le grandi migrazioni di zebù in Africa. Dal settembre 1989 all’agosto 1991 da Valmorea sono passati duemila libanesi. Il paese allora contava mille abitanti. Questo vuol dire – ha proseguito la testimonianza del parroco –, che c’erano profughi dappertutto: nella casa parrocchiale, in sacrestia, nel seminterrato, nel centro giovanile». In chiesa, mettendo gli ottanta banchi a due a due, furono ricavati quaranta letti. «Un esempio – ha sottolineato nel corso dell’omelia don Giusto della Valle –, di dinamica creatività che ha sempre caratterizzato l’azione di don Renzo Scapolo a favore degli ultimi. Il sacerdote dei profughi, vedeva lontano prima di noi». Una memoria feconda, quella di don Scapolo, da non dimenticare.

Leggi anche:

Valmorea dedica un Parco a don Renzo Scapolo

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved