mottarone-ufficialmente-ancora-nessun-indagato
Soccorso alpino e speleologico
Il luogo del dramma
ULTIME NOTIZIE Estero
oms
8 ore

‘Il vaiolo delle scimmie si può contenere’

‘Ci sono gli strumenti per identificare i casi precocemente’. Intanto aumentano i contagi in Italia, Spagna e Regno Unito.
olocausto
8 ore

Eichmann e la Soluzione finale, spuntano gli audio

In un documentario le registrazioni inedite del colonnello Ss durante un’intervista con un giornalista olandese: ‘Volevo tutti gli ebrei morti’
primarie Usa
9 ore

In Georgia Pence sfida Trump

L’ex vicepresidente si schiera con il governatore avversato dal tycoon
Confine
12 ore

Attacco informatico ai servizi sanitari di Como e Varese

Pubblicati i dati sensibili di ottocento disabili delle due province. I ‘pirati’ del web hanno chiesto un riscatto
Confine
17 ore

Un anno fa la strage del Mottarone: ‘Abbandonati da tutti’

Lo sottolinea la madre di Elisabetta Personini e nonna del piccolo Mattia, 2 delle quattordici vittime del disastro della funivia a Stresa
Estero
20 ore

Biden: 13 Paesi in piano Indo-Pacifico. Aiuto a Taiwan se invasa

Il presidente Usa ha inoltre affermato che si sta considerando l’abolizione di alcuni dazi commerciali sulla Cina
Speciale Ucraina
21 ore

‘Mi vergogno’. E il russo Bondarev lascia l’Onu

A Ginevra se ne va il consigliere alle Nazioni unite, mentre Kiev decreta il carcere a vita per Vadim Shishimarin. Segui il live de laRegione
la strage di capaci: 1992-2022
23 ore

‘La mafia li uccideva, poi rubava le loro parole’

A trent’anni dalla morte di Falcone restano l’orgoglio e le ferite di chi ha lottato per la verità
Estero
1 gior

Italia: ladri passano dalle fogne e rubano mezzo milione

Il colpo in una gioielleria a due passi da Ponte Vecchio a Firenze
Estero
1 gior

Armi nucleari, Giappone e Usa chiedono trasparenza alla Cina

I due Paesi stanno limando gli ultimi dettagli di una proposta che conduca Pechino a un maggiore impegno per il disarmo dei propri arsenali
Estero
1 gior

Sudafrica: ancora devastanti inondazioni sulla costa Est

Il mese scorso circa 500 persone erano già state costrette ad abbandonare le loro case
Estero
1 gior

Francia, accuse di violenza sessuale per il neoministro Abad

Il politico smentisce: ‘Queste voci riferiscono di atti o gesti che mi sarebbero semplicemente impossibili a causa del mio handicap’
Estero
1 gior

Tempesta in Germania, un morto e quasi 60 feriti

Particolarmente colpita la Renania Settentrionale-Vestfalia: un tornado ha attraversato Paderborn ferendo 43 persone venerdì
24.05.2021 - 19:36

Mottarone, ufficialmente ancora nessun indagato

La procura di Verbania sta cercando di capire di chi sia la proprietà degli impianti. Era in corso il passaggio di proprietà dal Comune di Stresa alla Regione Piemonte

di A. P. da Verbania

È un triste via vai di persone che si radunano attorno agli psicologi arrivati per sostenere i familiari delle vittime, l’obitorio di Verbania dove sono custoditi i corpi delle 13 persone recuperati dal Soccorso alpino sulle pendici del Mottarone, a Stresa, dopo lo schianto della funivia domenica mattina. 15 in tutto a bordo. Un bimbo trasportato d’urgenza all’ospedale infantile di Torino, non ce l’ha fatta. Un secondo lotta tra la vita e la morte. Nessuna autopsia sui corpi recuperati, solo riscontri diagnostici esterni del medico legale, come conferma il procuratore della Repubblica di Verbania, Olimpia Bossi, a cui sono affidate le indagini. La comunità si è stretta attorno alle famiglie delle vittime, centinaia i messaggi di cordoglio e sui social da Stresa all’Ossola, passando per Cannobio, sono molti coloro che hanno deciso di mettere il simbolo del lutto con la scritta “Funivia Stresa” sul proprio profilo.

Nessun nome, ancora, nel registro degli indagati. Sono diversi i soggetti coinvolti e c’è da appurare a quale titolo. Ad esempio bisogna chiarire di chi sia la proprietà «perché era in corso il passaggio dal Comune di Stresa alla regione Piemonte – spiega il procuratore Bossi -. C’è anche la società che gestisce l’impianto, la Ferrovie del Mottarone, e poi ci sono le diverse aziende che hanno provveduto alla revisione periodica». Parla di come funzionino i controlli sugli impianti di risalita, uno dei gestori della
Piana di Vigezzo, nel Comune di Craveggia, appena oltre confine, Luca Mantovani: «Sono stringenti e costosi. C’è l’obbligo di calendarizzarli dipendentemente dal tipo di controllo: un anno, cinque o 15. Le società di revisione sono serie, si conoscono tutti i tecnici che operano sull’arco alpino e ogni anno i funzionari del ministero dei Trasporti in base ai test ridanno i nulla osta per l’impianto. Tra le analisi c’è anche quella magnetoscopica che serve proprio a capire, attraverso una specie di radiografia, lo stato di salute del cavo. Mi sento di rassicurare sugli impianti a fune: due incidenti, quello del Cernis e quello del Mottarone, in tanti anni, dimostrano l’alto grado di sicurezza».

Sempre dalla procura di Verbania emergono le prime ipotesi sulle cause dell’incidente: «Potrebbe essersi spezzato uno dei due cavi trainanti della funivia - continua Bossi – ed è possibile che non sia entrato in funzione il sistema di sicurezza. Ci siamo rivolti al Politecnico di Torino per chiedere l’intervento di un ingegnere meccanico e di un esperto di metallurgia per l’analisi del cavo». Le ipotesi di reato sono omicidio colposo plurimo, lesioni colpose (un bambino di 6 anni è ricoverato all'ospedale infantile di Torino) e disastro colposo. Nei prossimi giorni potrebbero esserci nuovi sopralluoghi anche se le forze dell’ordine hanno provveduto a mettere sotto sequestro tutto il materiale. Diversa la situazione del relitto che dovrà essere recuperato in una zona davvero impervia «e temiamo – dice il procuratore – che nel tentativo di sollevarlo possa andare a pezzi».

Intanto ieri, lunedì, al Palazzo dei congressi di Stresa è arrivato il ministro delle Infrastrutture e della mobilità sostenibile, Enrico Giovannini. Con lui Fabrizio Curcio, capo della Protezione civile, il governatore del Piemonte, Alberto Cirio, il presidente della Provincia del Vco, Arturo Lincio, e il sindaco di Stresa, Marcella Severino. Il breve incontro con la stampa si è svolto dopo un tavolo di coordinamento «in cui è emerso uno spirito di collaborazione reciproca» ha spiegato Giovannini che ha espresso vicinanza ai famigliari delle vittime ed ha spiegato che si è insediata la Commissione di esperti istituita dal ministero per chiarire le responsabilità dell’accaduto insieme alla magistratura. Intanto il sindaco di Stresa con gli operatori dell’Asl Vco (Azienda sanitaria locale) ha provveduto a organizzare un’équipe di psicologi a sostegno delle famiglie, mentre gli albergatori della località lacustre, hanno offerto gratuitamente alloggio ai familiari delle vittime. L’amministrazione del vicino Comune di Baveno ha scelto di fermarsi 14 minuti, quante sono state le vittime della tragedia, per stringere in un abbraccio, ha fatto sapere il sindaco, Alessandro Monti, tutti coloro che sono stati coinvolti nell'incidente. Stresa, una delle mete “Grand Tour” che fin dai primi del Novecento interessò intellettuali e artisti che valicavano le Alpi; che ospitò, tra gli altri, Vladimir Nabokov - che proprio al Mottarone andava a caccia di farfalle - oggi è incredula e in lutto, stordita dalla tragedia che ha scosso la quiete dei grandi alberghi muti davanti al lago.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
piemonte stresa verbania
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved